in

La nuova Volvo Concept XC Coupé

Tempo di lettura: 2 minuti

La nuova Concept XC Coupé è la seconda delle tre concept car realizzate da Volvo. Trae ispirazione dal design delle più moderne attrezzature sportive, che abbina alle caratteristiche di sicurezza rese possibili dalla nuova Architettura di Prodotto Scalabile (SPA) di Volvo. Si propone come un’auto raffinata e robusta, adatta a chi ama uno stile di vita attivo.

“Coloro che amano gli sport che sfruttano l’effetto della forza di gravità sono sempre alla ricerca di nuove emozioni e sfide. Per essere certi di superare sani e salvi le prove cui si sottopongono, preferiscono utilizzare speciali attrezzature altamente tecnologiche che garantiscono al tempo stesso un’ottima libertà di movimento e la massima protezione,” spiega Thomas Ingenlath, Senior Vice President Design di Volvo Car Group. E aggiunge: “Volvo Concept XC Coupé è in perfetta sintonia con questo stile di vita attivo. Le sue capacità prestazionali e l’elevato livello di sicurezza che la contraddistingue si fondono abilmente nella sua linea sofisticata. Volvo Concept XC Coupé è pronta e desiderosa di portarvi verso l’avventura… e di riportarvi indietro.”

Le tre concept car sono progettate per illustrare gli elementi fondamentali che caratterizzano la nuova Architettura di Prodotto Scalabile (SPA) sviluppata dalla Casa: la postura sicura e disinvolta, le proporzioni e i tratti stilistici più caratterizzanti.

“La Concept XC Coupé mostra come una tecnologia ingegneristica intelligente ci consenta di innalzare ulteriormente il nostro già ottimo livello di sicurezza senza compromettere il design, le dimensioni o il peso della vettura. Grazie all’ampio uso di acciaio al boro ad alta resistenza e di strutture con un nuovo e ingegnoso sistema di disaccoppiamento, possiamo rendere le automobili basate sulla SPA più compatte e al tempo stesso più sicure,” continua Thomas Ingenlath.

Volvo Concept XC Coupé – a due porte e quattro posti – ha un forte legame con la ‘sorella’ Concept Coupé.

Tuttavia, le ruote più larghe con cerchi da 21″, i passaruote più pronunciati e la curva del tetto più alta contribuiscono a trasmettere un’impressione di maggiore robustezza, conferendo alla vettura un aspetto di maggior vigore e capacità.

La distanza allungata fra il cruscotto e l’asse anteriore rimane un elemento di grande impatto visivo. La postura vigorosa è enfatizzata da dettagli come, ad esempio, il nuovo cofano e una linea di cintura che disegna un elegante arco lungo l’intera sezione laterale della vettura.

Attrezzatura sportiva high-tech

Il collegamento con l’attrezzatura sportiva moderna e high-tech è molto evidente nella nuova concept car di Volvo. Fra le fonti di ispirazione del team di design c’è l’azienda svedese POC, specializzata nella realizzazione di abbigliamento protettivo high-tech per gli atleti che praticano i cosiddetti gravity sport.

Per creare un giusto equilibrio fra estetica e funzionalità, gli specialisti di design hanno anche reinterpretato in chiave moderna alcuni elementi tradizionali dei SUV, come ad esempio le modanature sulle fiancate e le piastre di scorrimento, che sono state integrate maggiormente nella linea filante della vettura grazie a un montaggio a filo rispetto alle aree della carrozzeria circostanti.

Luci a LED per marcia diurna a forma di T

Proprio come per la Volvo Concept Coupé, il volto della Volvo Concept XC Coupé è contraddistinto da un cofano-motore dalla nuova topografia e dalla griglia anteriore ‘fluttuante’, ai cui lati spiccano le nuove luci a LED per marcia diurna a forma di T. Anche i gruppi ottici posteriori costituiscono un nuovo elemento tipico della rinnovata direzione stilistica intrapresa da Volvo Cars.
“Entrambe le concept car offrono un’anteprima di come saranno le nostre automobili d’ora in poi. Vogliamo aggiungere una valenza emotiva al marchio Volvo attraverso quella bellezza tranquilla e sicura che è un tratto tipico dello stile scandinavo,” spiega Thomas Ingenlath.

Esperto

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Dakar 2014: Mini non c’è il due senza il tre

Mazda inizia la produzione nel nuovo impianto in Messico