mercoledì, 21 novembre 2018 - 1:01
Home / LIVE – Alfa Romeo 4C Spider al Salone di Ginevra

LIVE – Alfa Romeo 4C Spider al Salone di Ginevra

Tempo di lettura: 4 minuti.

Debutta all’84esimo Salone Internazionale di Ginevra l’avant-premiere dell’Alfa Romeo 4C Spider, l’evoluzione ‘scoperta’ della pluripremiata coupé lanciata lo scorso anno.

Caratterizzata da elementi specifici e trattamenti estetici distintivi, l’avant-premiere è una vera e propria ricerca stilistica finalizzata a selezionare alcuni di questi contenuti per la produzione in serie prevista per l’inizio del prossimo anno.

Nella tradizione Alfa Romeo, lo Spider occupa un posto di rilievo in quanto ha sempre rappresentato l’espressione più ‘libera ed emotiva’ dell’automobile. E con questo spirito nasce l’avant-premiere dell’Alfa Romeo 4C Spider, la naturale evoluzione delle versioni spider realizzate dall’Alfa Romeo nella sua lunga storia, vetture che da sempre regalano grandi emozioni, assicurano il massimo del piacere di guida e coniugano una linea da sogno con le prestazioni di motori potenti ed elastici.

Per questo motivo l’avant-premiere eredita tutte le peculiarità vincenti della coupé Alfa Romeo 4C , l’icona moderna del marchio che rappresenta l’essenza della sportività insita nel ‘Dna Alfa Romeo’: prestazioni, stile italiano ed eccellenza tecnica finalizzata al massimo del piacere di guida in piena sicurezza.

Stile esterno

Disegnata dal Centro Stile Alfa Romeo, l’avant-premiere a ‘2 posti secchi’ con trazione posteriore e motore in posizione centrale, conferma l’eccellenza del brand in questo settore come dimostrano alcuni dei suoi spider riconosciuti tra i più belli della storia dell’automobilismo mondiale, quali la Giulietta Spider degli anni 50 o il mitico Duetto reso celebre dal film “Il laureato” del 1967, fino all’affascinante Alfa Romeo 8C Spider. E oggi tocca all’Alfa Romeo 4C Spider raccogliere il testimone proiettando nel futuro i valori di tecnologia ed emozione che appartengono al patrimonio Alfa Romeo.

Peculiarità dell’avant-premiere è l’esclusiva livrea Bianco Lucido Tristrato che, con la sua profondità e cangianza, plasma i volumi della vettura evidenziando le superfici scolpite e finemente modellate.

Su questo ‘vestito’ dall’inconfondibile ‘eleganza italiana’ spiccano il copri roll-bar specifico in carbonio e l’anello parabrezza in carbonio che abbina i concetti di leggerezza e resistenza, in linea con il binomio ‘bellezza funzionale‘ esclusivo di Alfa Romeo.

La ricerca di soluzioni stilistiche inedite si vede anche nei nuovi proiettori anteriori ‘sotto lente’, dai particolari cerchi in lega a diametro differenziato (18″ all’anteriore e 19″ al posteriore) e dai pneumatici Pirelli di generose dimensioni.

Design interno

L’essenzialità del design e dei materiali contraddistingue anche gli interni, essendo tutto concepito e finalizzato al massimo coinvolgimento dell’esperienza di guida. In particolare, all’interno spicca immediatamente la fibra di carbonio impiegata per la realizzazione della cellula centrale, lasciata a vista per esaltare il senso di unicità, di tecnologia e leggerezza. Inoltre, per esaltare ulteriormente l’unicità della versione spider i designer Alfa Romeo hanno scelto una particolare selleria in cuoio frutto della migliore tradizione artigianale Made in Italy.

Dimensioni e aerodinamica

L’avant-premiere dell’Alfa Romeo 4C Spider ha una lunghezza di circa 4 metri e un passo inferiore a 2,4 metri: misure che, da una parte, mettono in risalto le doti di compattezza della vettura, dall’altra ne accentuano le caratteristiche di agilità. Grazie all’eccellente lavoro dei progettisti, la vettura raggiunge i massimi livelli di efficienza aerodinamica mantenendo come sulla versione coupé un comportamento deportante che contribuisce ad aumentare la stabilità alle alte velocità. Inoltre, grazie a un approfondito studio aerodinamico è stato possibile ridurre al minimo la turbolenza dell’aria nell’abitacolo con la capote aperta rendendo quindi possibile un viaggio egualmente confortevole anche a velocità sostenuta.

Una spider con un aggravio di peso contenuto

Grazie alla validità del progetto ‘4C coupé’ e al suo telaio in carbonio, anche la 4C Spider garantirà un rapporto peso/potenza ai vertici della categoria con prestazioni di spicco grazie a un peso totale a secco inferiore ai 1.000 kg. Lo dimostra anche il lunotto posteriore in vetro che è stato sostituito dal proseguimento in SMC (SheetMoulding Compound) della carrozzeria che accoglie gli appoggiatesta e il roll-bar. Va sottolineato che l’SMC a bassa densità con soli 1,5 g/cm³ è un materiale nettamente più leggero rispetto ad acciaio (~7,8 g/cm³) e alluminio (~2,7 g/cm³), oltre a essere più malleabile. Inoltre, a differenza dell’alluminio, non si deforma in caso di piccoli urti e resiste molto bene agli agenti chimici e atmosferici. In più disperde molto bene la rumorosità, a tutto vantaggio del comfort acustico.

Studio di un sistema di scarico in titanio e carbonio

L’avant-premiere dell’Alfa Romeo 4C Spider adotta un concept di sistema di scarico centrale a doppio stadio con terminali in titanio e carbonio by Akrapovic, società produttrice di impianti di scarico da competizione per Moto GP, Superbike, Supersport, Motocross ed Enduro. Tra le maggiori peculiarità di questo contenuto vi è la valvola elettroattuata con tecnologia wireless. Lo studio di scarico ‘dual mode’ è in pieno spirito Spider dove il piacere di guida ‘en plein air’ può essere amplificato a scelta dal guidatore attraverso un doppio set up dello scarico: uno più attenuato per una guida più rilassata ed uno più aggressivo per una guida sportiva.

Confermato il propulsore della versione coupè: il nuovo ‘4 cilindri’ 1750 Turbo Benzina che adotta un innovativo basamento in alluminio permettendo di risparmiare 22kg. e specifici impianti di aspirazione e scarico ottimizzati per esaltare ulteriormente la sportività della vettura. In più sono presenti soluzioni tecniche all’avanguardia quali l’iniezione diretta di benzina, il doppio variatore di fase continuo, il turbocompressore e un rivoluzionario sistema di controllo definito “scavenging” che elimina il “turbolag”.

Il Turbo Benzina 1750 è abbinato all’innovativo cambio automatico a doppia frizione a secco Alfa TCT vero punto di riferimento della categoria per il peso contenuto e l’estrema velocità di attuazione. Il cambio può essere comandato anche in modalità sequenziale attraverso gli “shift paddles” posti dietro il volante.

Così equipaggiata l’avant-premiere dell’Alfa Romeo 4C Spider assicura anche al driver più esperto prestazioni e sensazioni straordinarie che, al parti della versione coupé, rimangono ai vertici della categoria sia per prestazioni assolute che per handling e piacere di guida.

Infine, come tutte le Alfa Romeo di ultima generazione, anche l’avant-premiere dell’Alfa Romeo 4C Spider adotta il selettore DNA: il dispositivo che permette di cambiare il temperamento della vettura, adattandolo alle condizioni di utilizzo del momento. Oltre ai tre settaggi finora disponibili – Dynamic, Natural e All-Weather – il dispositivo realizzato per la Supercar Alfa Romeo aggiunge una quarta modalità: ‘Race’, pensata per esaltare ulteriormente l’esperienza di guida in pista.

Handling

Oltre alle performance assolute, l’avant-premiere dell’Alfa Romeo 4C Spider si contraddistingue per l’handling, unico nel suo genere: grazie un feeling e a una facilità di guida ai massimi livelli, infatti, è possibile godere appieno della vettura in ogni situazione di utilizzo, non solamente nell’uso estremo in pista. Per la ‘scoperta’ Alfa Romeo è stato studiato uno specifico set up delle sospensioni tale da garantire lo stesso feeling e piacere di guida della 4C Coupé.

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

Ciclo WLTP

Ciclo WLTP, cos’è e come funziona

Dal 1° settembre 2018 tutte le nuove autovetture dovranno essere omologate in base alla procedura …