in

Maserati A6GCS vince il Premio ASI al Concorso d’Eleganza di villa d’Este

Tempo di lettura: 2 minuti

Come ogni anno, storia, stile e rarità a quattro ruote hanno contraddistinto l’esclusivo Concorso d’Eleganza di Villa d’Este, ospitato sabato 22 maggio dall’omonimo Grand Hotel di Cernobbio, sulle rive del Lago di Como.

Se la Bugatti 57 S del 1937 si è aggiudicata il titolo di Best of Show, peggio non è andata alla Maserati A6GCS MM del 1954 che ha vinto il Premio ASI riservato alla miglior auto conservata nel dopoguerra. A premiarla il Presidente ASI Alberto Scuro, insieme agli esponenti della Commissione Case Costruttrici e Design Maria Paola Stola e Mike Robinson.

Iscritta nella Classe E intitolata “Vincere domenica, vendere lunedì” e riservata alle auto sportive adatte sia alle competizioni, sia all’uso stradale, questa Maserati debuttò nelle corse al Grand Prix di Dakar del 1955, per poi disputare ben due Mille Miglia, nel 1955 e nel 1956. Successivamente, nel 1958, venne aggiornata nella carrozzeria con l’intervento dello specialista Fantuzzi di Modena, che la rese più aerodinamica adottando forme simili a quelle del modello 200 S.

Il Concorso d’Eleganza di Villa d’Este, la cui prima edizione risale al 1929, si è confermato come il festival della bellezza senza tempo su quattro ruote. Tutto il mondo punta i riflettori su questo evento, organizzato congiuntamente da BMW Group Classic e dal Grand Hotel Villa d’Este. Quest’anno erano iscritte 51 automobili suddivise in sette categorie.

L’Italia è davvero la culla del motorismo storico – ha evidenziato il Presidente ASI Alberto Scuro, intervenuto a Villa d’Este – e questo Concorso ne è l’emblema. Ogni anno diventa il centro del mondo per gli appassionati, per i collezionisti e per i cultori della storia a quattro ruote. L’Automotoclub Storico Italiano, come riferimento nazionale della FIVA, accoglie tutti loro e con il suo premio speciale sottolinea l’importanza di un valore per noi fondamentale rappresentato dall’originalità dei veicoli. Conservare quanto più possibile un mezzo storico ci aiuta a mantenere integre le tracce del passato e dell’evoluzione automobilistica.”

Il Concorso di Villa d’Este ha poi vissuto la sua conclusione, domenica 22 maggio, nel contesto di Villa Erba. L’ASI, insieme al Veteran Car Club Como, ha offerto al pubblico lo spettacolo di venti capolavori italiani del dopoguerra oltre alla Ferrari Rainbow della Collezione ASI Bertone.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Mansory crea la SF90 più estrema di sempre: si chiama F9XX e ha 1.100 CV

    Prodrive prepara il ritorno della Subaru Impreza WRX STI: si chiamerà P25