mercoledì, 26 settembre 2018 - 2:31
Home / Notizie / Curiosità / La Maserati di Dodi Al-Fayed, ultimo compagno di Lady Diana, venduta all’asta
Lady Diana

La Maserati di Dodi Al-Fayed, ultimo compagno di Lady Diana, venduta all’asta

Tempo di lettura: 2 minuti.

Ricorre oggi il ventennale della scomparsa della Principessa del Popolo, Lady Diana, scomparsa tragicamente il 31 agosto di venti anni fa sotto il tunnel dell’Alma a Parigi. Con lei c’era il compagno Dodi Al-Fayed, figlio del miliardario egiziano Mohamed Al-Fayed, dal quale ereditò la passione per le auto.

Dodi Al-Fayed ne possedeva a decine, in parte ereditate dal ricco genitore, tra le quali una Maserati Merak 3000, ora venduta all’asta su Catawiki per un prezzo tra i 175.000 e  i 230.000 euro, così come appare sulla pagina dell’annuncio ormai scaduto. Registrata e custodita in Finlandia, la vettura era di proprietà di un appassionato collezionista di Valkeakoski.

Questa Merak, contrassegnata dal numero di telaio 352, venne prodotta sotto la direzione progettuale dell’Ing. Giulio Alfieri durante il periodo in cui Maserati faceva parte di Citroen, dal 1972 al 1982. Le linee della carrozzeria, disegnate da Giorgetto Giugiaro, conquistarono il pubblico già in fase di presentazione al Mondial de l’Automobile di Parigi dell’ottobre 1972, e furono il frutto della “rivalità” con la Lamborghini Miura prodotta parallelamente dalla Casa di Sant’Agata Bolognese.

Completamente originale e mai restaurata, la Maserati Merak 3000 che fu di Dodi Al-Fayed ha percorso solo 17.000 chilometri e ha la guida a sinistra. La Merak, insieme agli altri modelli Lamborghini e Ferrari del tempo, fu tra le prime a posizionare il motore al centro della vettura, moda mai più abbandonata sulle sportive del suo segmento.

Piccola curiosità: il nome Merak venne scelto ispirandosi a quello di una stella della costellazione dell’Orsa Maggiore, mentre al tempo Maserati era solita chiamare le sue auto con i nomi dei venti. Ancora oggi la Merak rappresenta un’eccellenza del Made in Italy e, visto il suo noto ex prorietario, vogliamo scommettere che su quella Maserati un giorno di tanti anni fa sia salita anche lei, la Principessa del Popolo.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Passione Alfa Romeo

A Passione Alfa Romeo la Svizzera si scopre alfista

Tempo di lettura: 3 minuti. Chi ha detto che la Svizzera è un paese noioso? Nota per i suoi assurdi …

something