in

Milano Monza Open Air Motorshow: svelati i 50 brand partecipanti

mimo 2020
Tempo di lettura: 2 minuti

Tutto secondo…la norma. L’ultimo DPCM 18 ottobre di Giuseppe Conte, annunciato nella serata di ieri, non ha bloccato i programmi del Milano Monza Open Air Motorshow (MIMO), che si svolgerà regolarmente dal 29 ottobre al 1 novembre. 

Ecco i nomi dei 53 brand che hanno dato conferma e che esporranno le loro auto per le vie di Milano, distinti per zona.

Al Duomo si troveranno i modelli di AUDI, Bentley, BMW, Bugatti, Citroën, Cupra,  Dacia, Dallara, Dr, DS, Ferrari, Ford, KIA, Lamborghini, Land Rover, Maserati, Mazda,  McLaren, MINI, Opel, Pagani, Peugeot, Porsche, Renault, Seat, Skoda, Suzuki,  Volkswagen.

Nella passeggiata tra corso Vittorio Emanuele, Galleria Vittorio Emanuele, via Mercanti, via Dante e via Montenapoleone il pubblico troverà, oltre alle novità dei brand già citati, anche  quelle di Alpine, Aspark, Aston Martin, ATS, Automobili Amos, Automobili  Pininfarina, Aznom, BMW Motorrad, Cadillac, EVO, GFG, Honda, Jaguar,  Jannarelly, Kawasaki, Mole Automobiles, Pininfarina, Pirelli, Radical, Space X,  Tazzari, Tesla, Totem, Yamaha Zero Motorcycles. 

La lista si arricchirà nei prossimi giorni con la  conferma di adesione di altri importanti brand. 

Completerà MIMO 2020 il focus auto elettriche e ibride nella piazza del Castello Sforzesco  dove si troveranno gli ultimi modelli con motorizzazioni green. 

MIMO 2020: istruzioni per l’uso

mimo 2020

Per garantire la massima sicurezza e rispettare le vigenti norme di distanziamento sociale, il MIMO si affida alla tecnologia, molto semplice nel suo utilizzo. Ognuna delle auto e delle moto esposte a cielo aperto saranno collegati a un QR code posto sia sulla pedana  che sul totem di riferimento. Scannerizzandolo con il proprio smartphone, si potrà accedere alla pagina riservata a quel  modello che conterrà le schede tecniche, le immagini e i video e il link per richiedere maggiori  informazioni, un preventivo o arrivare direttamente al configuratore. Nel corso dei prossimi giorni le stesse informazioni le potrete trovare, per ogni singolo modello, sul sito ufficiale della manifestazione. 

Il QR code diventerà così un assistente virtuale in pedana che potrà affiancare, o addirittura  sostituire, il personale addetto. Un sistema per scongiurare il rischio di code e di  assembramenti unito alla possibilità, per le case auto e motociclistiche, di poter avere un  riscontro immediato del pubblico interessato grazie ai contatti che dalla pagina modello  arriveranno al sito ufficiale del marchio.

Ogni pedana sarà delimitata da tenditori e attorno verrà utilizzata segnaletica a terra per dare  indicazione ai visitatori di come mantenere il distanziamento. Avvisi e comunicazioni  sull’utilizzo dei dispositivi medici saranno posti in punti strategici dell’area in cui si  troveranno le installazioni e personale dell’organizzazione girerà per le vie controllando che i  visitatori indossino la mascherina, come da protocollo. 

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    mercedes-benz clk 63

    Mercedes CLK 63 AMG Black Series: a Londra è rimasta…sul cric

    500 leclerc

    Leclerc e la foto sui social: perchè la 500 è finita a testa in giù?