in

Pagelle F1, GP Canada 2022: tutto facile per Verstappen, Ferrari contiene i danni

GP CANADA F1/2022 - VENERDÌ 17/06/2022 credit: @Scuderia Ferrari Press Office
Tempo di lettura: 3 minuti

Stavolta riesce tutto alla perfezione a Max Verstappen, che già in qualifica mette tutti in fila e anche in condizioni di bagnato si regala una pole position sulla quale costruisce una gara senza sbavature. Dopo la Safety car, resiste anche all’assalto di Sainz reggendo una forte pressione. Un campionissimo. Voto 10

Ci ha provato, a prendersi la prima vittoria di carriera Carlos Sainz a cui stavolta tocca fare il Leclerc e mettere i bastoni fra le ruote a Verstappen. E’ bravissimo nel primo stint, poi la Safety Car finale sembra regalargli un’occasione ghiottissima, ma Max è perfetto e Carlos deve accontentarsi; sarà per la prossima volta, ma è un risultato che fa morale. Voto 8,5

Torna sul podio in Canada Lewis Hamilton, sul circuito dove nel lontano 2007 si prese la sua prima vittoria in Formula Uno. Risultato che non gli riusciva dall’esordio stagionale in Bahrain. Stavolta batte Russell, e chissà che per lui non ricominci un nuovo campionato, anche se le chance mondiali sono pari a zero. Voto 8

Solita costanza, soliti punti preziosissimi. Russell ha solo 15 punti in meno di Leclerc in classifica irridata, figli di una solidità che gli sta facendo fare un campionato di livello assoluto. Quarto al traguardo in Canada e la sensazione sempre più forte che la Mercedes abbia il sostituto di Lewis già più che pronto. Voto 7,5

Prima fila in qualifica per Alonso al sabato è un risultato fenomenale. Lo avevo detto negli ultimi Gran Premi che Fernando sembrava aver ripreso il ritmo dei migliori anni. Poi in gara strategia suicida per l’Alpine e penalità di 5 secondi per aver cambiato troppo spesso traiettoria così da impedire il sorpasso del rampante Bottas che gli giungeva alle spalle. E la cosa è deludente. Voto 8 a Fernando e Voto 4 ad Alpine

Bellissima gara finalmente per entrambi i piloti Alfa Romeo, bravi e fortunati anche con le Virtual e con le Safety car a sfruttare i momenti più opportuni per le soste. Al netto delle penalizzazioni altrui, un settimo e ottavo posto d’oro per la classifica costruttori che li tiene agganciati ad Alpine. Voto 9

Bravo e stavolta sfortunato Mick Schumacher, che in qualifica si prende finalmente un risultato degno di rilievo, con un sesto posto davvero da favola. Poi un problema alla power unit costringe Mick al ritiro quando i punti erano assolutamente alla portata del pilota tedesco. Voto 7

Delusione amara per Checo Perez, costretto sì al ritiro per un problema tecnico. Grave l’errore del sabato che lo aveva privato di posizioni più consone al mezzo a disposizione. Resta comunque secondo in classifica irridata, ma poteva fare meglio. Voto 5,5

Gara di rincorsa per Charles Leclerc. Costretto a partire 19esimo per la penalità inflitta per il cambio dei componenti della sua power unit. Alla fine limita bene i danni con un quinto posto. Forse dopo la sosta la squadra non lo ha messo nelle condizioni migliori rispedendolo nel traffico. Ma ormai abbiamo capito che Charles è un potenziale campione del mondo, la squadra non ancora. Voto 8 a Charles, voto 5 alla Ferrari

Ancora delusione per McLaren, perché stavolta e non succedeva dalla gara inaugurale, nessuna delle due monoposto riesce a portare a casa punti per la classifica costruttori. Errori ai box, di strategia e se vogliamo i piloti ogni tanto ci mettono un pizzico del loro. Voto 4

Male anche Magnussen che completa il disastro Haas. Mick è costretto al ritiro, ma Kevin che parte in quinta piazza con la sua esperienza deve portare a casa dei punti. Gara rovinata praticamente subito e un altro zero in classifica costruttori pesantissimo, che sigilla il sorpasso di Aston Martin. E questo è inaccettabile quando hai questo potenziale su questa pista. Voto 3

Disastro anche per Tsunoda, pilota che a volte si fa fatica a capire. A volte sembra abbia un potenziale enorme, mentre in altre occasioni fa errori incredibili. E’ giovanissimo però nella famiglia RedBull non sono maestri di pazienza. Voto 4,5 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Aston Martin Valkyrie Pro: il possente rombo della V12 pronto pista [VIDEO]

    Panda a Pandino 2022: nuovo record per il raduno delle Panda di ogni epoca