in

Peugeot 203: l’iconica berlina a due volumi del Leone

Peugeot 203
Tempo di lettura: 2 minuti

La Peugeot 203 è stata un’icona per il Marchio francese, simbolo del secondo dopo guerra per il Leone, poiché prodotta dal 1948 al 1960.

Il progetto Peugeot 203 iniziò nel 1941, in pieno conflitto mondiale, con l’obiettivo di realizzare una vettura della potenza fiscale di 7 CV, quindi appena un gradino più in alto rispetto alla 202, che era una 6CV. Le molte fabbriche, tra cui quella Peugeot, occupate dal regime nazista, però, complicavano non poco lo sviluppo dei progetti, che procedevano in gran segreto e a rilento.

La Peugeot 203 adotta una carrozzeria da berlina a due volumi dalle linee tondeggianti e con baule posteriore integrato nella carrozzeria. Alla progettazione e realizzazione della parte meccanica, furono destinati gli ingegneri Chamuzeau, Yoder e Dornier, mentre il disegno della carrozzeria fu affidato ad un’équipe formata da cinque designer: Mathon, Bonal, Hennequin, Rollet e Chenelot. Dal lavoro di questo team nacque la 203, che sfoggiava una linea aerodinamica ispirata allo stile anni ‘40 in voga negli Stati Uniti, con la coda molto arrotondata ed il lunotto diviso in due parti, un’auto che con il suo design segnava un punto di rottura con il passato della Marca francese.

Massiccio il frontale, dotato di una grossa calandra cromata a sette listelli orizzontali che si estendono per quasi tutta la larghezza del frontale stesso; fari tondi incassati nei grossi e sporgenti parafanghi anteriori e la classica testa di Leone cromata, simbolo della Casa francese sulla sommità del cofano.

Peugeot 203

L’abitacolo della Peugeot 203 è piuttosto completo per l’epoca, mostra un design semplice con sedili tubolari, un posto guida caratterizzato dal volante a quattro razze e dalla plancia strumenti posta al centro e che integrava il tachimetro, l’indicatore del livello carburante, la spia dell’olio e l’amperometro.

Il cambio era un “normale” manuale a 4 marce, una soluzione che rimase fortemente inaffidabile, mentre il propulsore era un 1.3 litri. Il debutto ufficiale della 203 avvenne quindi al Salone di Parigi del 1948, nella sola configurazione berlina a 4 porte.

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Nissan Leaf

Nissan Leaf: l’auto elettrica best seller in Europa

Marcello Gandini. Genio Nascosto

Marcello Gandini. Genio nascosto : al via la mostra al Museo dell’Auto di Torino