in

Porsche Carrera Cup Italia 2014: Gara 1 spettacolare con Cairoli che vince sotto la pioggia

Tempo di lettura: 4 minuti

Matteo Cairoli centra la seconda vittoria nella Carrera Cup Italia vincendo una gara bagnata al Mugello che evidenzia il suo grande talento.

Il 18enne dell’Antonelli Motorsport – Centro Porsche Padova si porta in tasta alla classifica assoluta con 13 punti su Vito Postiglione (assente in Toscana per motivi personali) dopo una conduzione di gara perfetta. Il via della corsa è stato dato con la safety car perché, mentre le 911 GT3 Cup si stavano schierando, aveva cominciato a piovigginare.

La macchina staffetta è uscita alla conclusione della seconda tornata, dando il via a un Round 5 pieno di insidie per l’aumentare della pioggia. Cairoli, nelle prime battute, ha lottato con Massimo Monti per il posto d’onore, mentre Gian Luca Giraudi (Cardeco Racing – Antonelli Motorsport – Centro Porsche Torino) aveva tentato la fuga, ma poi è stato perfetto nello scegliere il momento di rientrare ai box per il cambio gomme e iniziare una splendida rimonta che, con le Michelin rain, lo ha portato al secondo successo.

La piazza d’onore è andata meritatamente a Oleksandr Gaidai che conquista il primo podio in Carrera Cup Italia: l’ucraino ha cercato di resistere con le Michelin slick anche quando la pioggia è diventata battente ed è stato molto sensibile nell’evitare una facile uscita di pista. Ha visto svanire il sogno di una vittoria proprio nel corso dell’ultimo giro, ma l’impresa che ha portato a termine è degna di essere risaltata viste le proibitive condizioni della pista.

Sul terzo gradino del podio si è affacciato Massimo Monti chiamato dall’Ebimotors – Centri Porsche Milano per sostituire Vito Postiglione: il bolognese ha cercato di marcare la tattica di Gian Luca Giraudi ed è riuscito a sopravanzare l’ex compagno di squadra, ma non lo scatenato Matteo Cairoli molto consistente nei due giri in più percorsi con le slick e il coriaceo Oleksandr Gaidai. L’autore della pole position, Gian Luca Giraudi è rimasto ai piedi del podio e ora si trova a 23 lunghezze del giovane leader del Campionato: al torinese resta la consolazione del giro più veloce che vale un prezioso punticino.

PODIO G1

In quinta posizione si è inserito Alberto De Amicis (Ghinzani Arco – Centri Porsche Roma): l’ortonese ha giocato la carta di restare in pista con le gomme da asciutto e ha dovuto sgomitare per restare in pista: un paio di contatti con Giovanni Berton (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) sono stati al limite della sanzione, ma i commissari non hanno preso alcun provvedimento valutando quelle che erano le condizioni di aderenza sempre peggiori. Il russo Ilya Melnikov (Sportec Motorsport) con la sesta piazza si garantisce di nuovo la partenza in pole di Gara 2 proprio come è già accaduto a Monza.

Ci si aspettava di più da Edoardo Liberati (Ebimotors – Centri Porsche Milano), ma il romano è entrato a sostituire le coperture nello stesso giro di Massimo Monti per cui ha dovuto aspettare il suo turno e ha perso molto tempo in pit lane.

La Michelin Cup ha visto la quarta affermazione su cinque gare di Alex De Giacomi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena): il bresciano fino all’ultimo giro era in lizza per un meritatissimo terzo posto assoluto, ma con le gomme slick ha fatto un lungo alla curva Bucine quando l’intensità della pioggia è aumentata: “Ho frenato in anticipo, ma non è bastato. Sono finito fino al fondo della via di fuga”. De Giacomi è stato abile a evitare il contatto con le barriere e ripartire per conservare almeno la supremazia nella classifica riservata ai gentleman driver. Alle sue spalle si è classificato Glauco Solieri (Cardeco Racing – Antonelli Motorsport – Centro Porsche Torino) al debutto nella serie: il bolognese è arrivato solo a un secondo dal successo con una condotta di gara misurata con gli pneumatici slick.

GAIDAI-DE GIACOMI

Terzo gradino del podio per Marco Cassarà (Ghinzani Arco – Centri Porsche Roma): il laziale ha scelto un prudenziale cambio gomme quando la pioggia si è fatta più consistente, azzeccando la scelta.

Angelo Proietti (Antonelli Motorsport – Centro Porsche Padova) principale sfidante di De Giacomi paga un’uscita di strada che gli costa un pesante zero in graduatoria che fa crescere a 18 i punti di distacco dal leader.

Per assistere a Round 6 oggi arrivano in autodromo un centinaio di possessori di Porsche Boxster e Cayman in raduno: Gara 2 si disputa con partenza alle ore 15,00 sulla distanza di 28 minuti + 1 giro: la gara è trasmessa in live streaming da www.carreracupitalia.it (disponibile anche su iPhone e iPad) a partire dalle ore 14,45 con il commento di Guido Schittone e gli approfondimenti di Mauro Gentile dalla pit lane. Come sempre potrete seguirci in diretta su Twitter: oltre all’account @CarreraCupItaly, saremo presenti anche noi di Autoappassionati.it, per la diretta Live delle qualifiche, delle gare (@auto_app) e vi terremo compagnia durante tutta la giornata con foto e curiosità dal monomarca più bello d’Italia, sempre con l’hashtag #CarreraCup_IT.

La classifica di Gara 1: 1. Matteo Cairoli (Antonelli Motorsport – Centro Porsche Padova) 14 giri in 30’10”837 alla media di 145,981 km/h; 2. Oleksandr Gaidai (Tsunami RT) a 15”218; 3. Massimo Monti (Ebimotors – Centri Porsche Milano) a 21”251; 4. Gian Luca Giraudi (Cardeco Racing – Antonelli Motorsport – Centro Porsche Padova) 24”667; 5. Alberto De Amicis (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Roma) a 34”206; 6. Ilya Melnikov (Sportec Motorsport) a 34”680; 7. Edoardo Liberati (Ebimotors – Centri Porsche Milano) a 37”017; 8. Giovanni Berton (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna) a 38”668; 9. Alex De Giacomi (Dinamic Motorsport – Centro Porsche Modena) a 49”608; 10. Glauco Solieri (Cardeco Racing – Antonelli Motorsport – Centro Porsche Padova) a 50”801; 11. Marco Cassarà (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Roma) a 57”775; 12. Rinat Salikhov (Sportec Motorsport) a 1’05”873; 13. Walter Ben (GT Motorsport by Autotecnica Tadini) a 1 giro; 14. Pietro Negra (Antonelli Motorsport – Centro Porsche Padova) a 2 giri.

Giro più veloce: il 3. di Giraudi in 1’58”025 alla media di 159,983 km/h.

Le Classifiche

Assoluta: 1. Cairoli punti 69; 2. Postiglione 56; 3. Giraudi 46; 4. Liberati 45; 5. Gaidai 33; 6. De Amicis 25; 7. De Giacomi 22; 8. Melnikov 14; 9. Berton e Monti 12; 11. Proietti 4; 12. Negra 3; 13. Roda e Solieri 1.

Michelin Cup: 1. De Giacomi punti 40; 2. Proietti 22; 3. Negra 17; 4. Roda 13; 5. Ben 12; 6. Cassarà 10; 7. Solieri 6.

Team: 1. Ebimotors-Centri Porsche Milano punti 68; 2. Antonelli Motorsport – Centro Porsche Padova 67; 3. Cardeco Racing – Antonelli MS – Centro Porsche Torino 40; 4. Tsunami RT 33; 5. Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Roma 25; 6. Dinamic Motorsport 15; 7. Sportec Motorsport 14.

Le statistiche

Vittorie: Postiglione e Cairoli 2; Giraudi 1

Pole: Giraudi 2; Postiglione 1

Giro più veloce: Cairoli e Giraudi 2, Postiglione 1

 

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Audi TT: la nuova versione presentata a Casa Milan

Porsche Carrera Cup Italia 2014: De Amicis si aggiudica Gara 2, De Giacomi domina in Michelin Cup