in

Presentata la nuova Mercedes W12: regalerà ad Hamilton l’ottava corona?

Mercedes W12 2021
Tempo di lettura: < 1 minuto

Si presenta, al pari di alcune sue sfidanti dirette, molto simile alla W11 che ha stra-dominato il mondiale di F1 2020, tanto che è lecito aspettarsi un “bis” anche per il campionato che scatterà il prossimo 28 marzo dal Bahrain, salvo clamorosi colpi di scena.

Parte con gli assoluti favori del pronostico la nuova Mercedes W12 e lo fa con un lieve “restyling”, per usare un termine giornalistico applicato alle auto, della livrea. Torna un po’ di argento sul cofano motore e le tante stelline che adornavano i cofani sia della W11 sia della W10 ora lasciano spazio ai loghi AMG, che tornano prepotenti sulla carrozzeria.

Rimane, però, una stellina, di colore rosso: appena sotto l’air scope è infatti visibile la “stella” rossa dedicata alla memoria di Niki Lauda, che ci lasciò nel maggio del 2019 e che ha contribuito a costruire la corazzata che oggi vince mondiali e gare.

Mercedes W12 by side

Da una parte, quindi, la chiara intenzione della Casa di Stoccarda di indirizzare ciò che attende il Marchio di Affalterbach, cioè la progressiva elettrificazione. Spicca nuovamente il rosso dello sponsor inglese “Ineos”, che ha già acquisito importanti quote del team diretto ancora una volta da Toto Wolff.

Per la nuova Mercedes W12 l’obiettivo è uno e uno soltanto: andare alla caccia dell’ottava doppietta tra titoli piloti e costruttori. Dal 2014, quando hanno debuttato le monoposto della nuova era turbo-ibrida, ha sempre vinto una Mercedes: sei volte Hamilton e una volta Nico Rosberg, nel 2016.

Prima della grande rivoluzione regolamentare cui assisteremo nel 2022, con la speranza di vedere un rimescolamento dei valori in campo, è la W12 che parte da assoluta favorita.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Fiat 500 elettrica: ecco come si guida con un pedale [VIDEO]

    stellantis gedi

    Stellantis e GEDI insieme per offrire nuove soluzioni di mobilità connessa