in

Prova in anteprima Opel Corsa Hybrid: una vera alternativa al Diesel?

Tempo di lettura: 4 minuti

Dopo il recente rinnovamento estetico, che ne ha cambiato i connotati del frontale, ma anche degli interni, ora è giunto il momento di mettere alla prova le novità che si nascondono sotto il cofano. Arriva, così, la nuova Opel Corsa Hybrid, intramontabile bestseller di segmento B per il marchio tedesco di Casa Stellantis, che si pone nella fascia di prezzo di una scomparsa versione Diesel, proponendosi di prendere “virtualmente” il suo posto, con un risparmio di emissioni e consumi del 15-18% rispetto alle varianti tradizionali a benzina.

La nuova Opel Corsa Hybrid parte dal prezzo di 23.900 euro. Ecco il listino completo:

  • 1.2 75 CV: 19.900 euro
  • 1.2 75 CV GS: 21.100 euro
  • 1.2 turbo 100 CV: 21.200 euro
  • 1.2 turbo 100 CV GS: 22.400 euro
  • 1.2 turbo 100 CV AT8: 22.700 euro
  • 1.2 turbo 100 CV GS AT8: 23.900 euro
  • 1.2 turbo 100 CV Ultimate: 25.250 euro
  • 1.2 turbo 100 CV Ultimate AT8: 26.750 euro
  • Hybrid 100 CV: 23.900 euro
  • Hybrid 100 CV GS: 25.100 euro
  • Hybrid 100 CV Utimate: 27.950 euro
  • Hybrid 136 CV GS: 26.600 euro
  • Hybrid 136 CV Ultimate: 29.450 euro
  • e-Corsa 136 CV: 36.500 euro
  • e-Corsa 136 CV #Yes: 37.200 euro
  • e-Corsa 136 CV GS: 37.500 euro
  • e-Corsa 156 CV GS: 38.650 euro

Fuori solo il badge, alla guida la differenza si sente

Opel Corsa Hybrid prova

Con il facelift esternamente la Corsa è cambiata solamente nel frontale, portando il cosiddetto Opel Vizor sulla maschera tra i due fari, questa fascia nera, liscia e lucida, che richiama la visiera di un casco, contornata, appunto dai gruppi ottici a matrice Intelli-Lux LED Matrix antiabbagliamento, che ora dispone di 14 elementi LED.

Nell’abitacolo della Opel Corsa Hybrid a livello di novità c’è esclusivamente la strumentazione digitale opzionale, in grado di mostrare informazioni specifiche per l’ibrido. Ad esempio, i valori della velocità sul display digitale si illuminano di bianco quando il motore a benzina è in funzione, mentre se questo si spegne e la vettura viene azionata in modalità puramente elettrica, il display diventa blu. C’è anche un indicatore di potenza, suddiviso come spesso accade per le auto elettriche in Power, Eco e Charge, e un display che fornisce informazioni sul flusso di energia tra batteria, motore a benzina e ruote, nonché sullo stato di carica della batteria.

Confermato per gli interni della Opel Corsa Hybrid il nuovo sistema di infotainment multimediale che include uno schermo touch a colori da 10 pollici basato sul sistema operativo Snapdragon con connettività Qualcomm. Presenti Wi-Fi, Bluetooth, 4G e la compatibilità wireless con Apple CarPlay e Android Auto.

Opel Corsa Hybrid prova interni

La Opel Corsa Hybrid è dotata di una batteria agli ioni di litio che si ricarica tramite la frenata rigenerativa, abbinata ai motori turbo benzina a tre cilindri da 1,2 litri da 100 CV o 136 CV. Questi propulsori sono abbinati unicamente a un nuovo cambio elettrificato a doppia frizione a sei marce e a un motore elettrico da 28 CV. Questo permette di viaggiare in elettrico per brevissimi tratti, oltre alle manovre di parcheggio, che avvengono quasi del tutto a motore termico spento.

Sempre presenti le tre modalità di guida Eco, Normal e Sport, ma a prescindere dalla scelta che si fa tramite l’apposito comando, la Opel Corsa Hybrid dà il meglio di sé nell’ambiente urbano, fatto di continui “start & stop”. Come detto in precedenza, questo si traduce in un risparmio del 15-18% di emissioni di CO2 (da 101 a 108 g per km), equivalenti a circa 1 litro di carburante ogni 100 km. Il design compatto del sistema ibrido non fa perdere spazio all’interno dell’abitacolo facendo sì che non ci si accorga, finché non si mette in moto il propulsore, quale versione si stia guidando. Questi i consumi di carburante omologati nel ciclo WLTP:

  • 100 CV: 4,8-4,5 l/100 km
  • 136 CV: 4,7-4,6 l/100 km

Mettendosi dietro al volante della Corsa Hybrid, si vede quanto il motore elettrico assista il motore benzina soprattutto in fase di accelerazione, ad esempio quando si parte da fermo, ma si nota anche la potenza della frenata, più forte rispetto a un termico tradizionale e non regolabile. Il contributo elettrico arriva anche alla coppia generata alla ruota, soprattutto ai bassi regimi del motore, mentre durante la decelerazione, il motore a benzina si arresta e il motore elettrico funge da generatore per ricaricare la batteria a 48V del sistema ibrido.

Opel Corsa Hybrid prova

Con uno sterzo abbastanza preciso e sincero, come l’assetto che garantisce un discreto assorbimento delle buche, la spinta del motore, nella versione 100 CV è già soddisfacente, nonostante il cambio automatico non fulmineo e la collaborazione tra termico ed elettrico, facciano sì che si generi una rumorosità spesso un po’ troppo alta. Il rumore dell’elettrico è un po’ invasivo e si unisce al propulsore termico, che da buon tre cilindri accompagna la guida con qualche acuto di troppo. Nulla di insopportabile, soprattutto ci si fa l’abitudine ben presto e, guardando il lato positivo, questi suoni aiutano molto a capire come sta “lavorando” l’auto in termini di powertrain, permettendo di andare a sfruttare il massimo delle potenzialità con una guida predittiva, ma anche trasparente nei confronti del conducente.

Ogni nuova Opel Corsa Hybrid, infine, è dotata di serie di numerose tecnologie e sistemi di assistenza, come il Forward Collision Alert con frenata automatica di emergenza e rilevamento dei pedoni, l’Adaptive Cruise Control, l’Active Lane Positioning, l’Extended Traffic Sign Recognition e il Drowsiness Detection.

Se a livello di prezzo può essere una sostituta perfetta rispetto a una ipotetica motorizzazione Diesel, in città riesce senza dubbio a fare di meglio, subendo però il confronto in autostrada, dove i consumi molto, come invece avviene per una full hybrid, ma comunque non rimangono bassi come un tradizionale motore a gasolio. La maggiore spesa per l’acquisto, comunque si trasforma in un concreto guadagno in termini di efficienza e di spese conseguenti.

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Addio Ford Focus: dopo la Fiesta esce dal mercato anche lei

ragazza fa il pieno diesel o benzina

Diesel o benzina? Scopri cosa fa al caso tuo