in

Sandro Munari ricoverato: il Drago è in gravi condizioni

Tempo di lettura: < 1 minuto

Arriva direttamente da una pagina Facebook dedicata al grande Sandro Munari una brutta notizia che gli appassionati di rally della prima ora non avrebbero mai voluto sentirsi dire. Il “Drago”, mito dell’automobilismo italiano, si trova ricoverato in gravissime condizioni all’età di 81 anni.

Pochi giorni al via dal Rally di Montecarlo e una notizia che stronca le emozioni di fronte a una nuova stagione ricca di spunti, con il debutto delle nuove rally 1 a fare da corollario a una nuova era del mondo dei rally. Si legge, dalla pagina dedicata al pilota veneto, una nota scritta dalla moglie Flavia: “Sandro è ricoverato da ieri all’ospedale ed è piuttosto grave, non posso stare con lui neppure un minuto e questo mi uccide. Non l’ho mai lasciato solo ormai da almeno due mesi e non posso pensarlo addolorato e confuso senza nessuno che gli tenga la mano o che gli accarezzi la fronte. Vi chiedo una preghiera per lui affinché possa tornare almeno un poco ancora a casa da noi…”.

Sandro Munari ricoverato: ripercorriamo la sua carriera

82 anni da compiere a marzo, la carriera di Sandro Munari rimane indissolubilmente legata all’epopea di Lancia nei rally. Suo il rally di Montecarlo, tradizionale appuntamento d’apertura della stagione, nelle edizioni 1975, 1976 e 1977. Dopo la Stratos, e prima del ritorno vincente della Lancia negli anni ’80 con i mondiali siglati con la Delta, Munari passò a Fiat guidando la 131 Abarth. La sua carriera si concluse con 7 vittorie all’attivo.

Secondo voci di corridoio, le condizioni di Sandro Munari non si sarebbero aggravate per via del Covid-19, da lui già battuto nel marzo 2020. Forza Sandro, forza Drago.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Yaris GRMN Pack

    La nuova Yaris GRMN è arrivata, ma è destinata al solo mercato giapponese

    Megane RS Trophy

    Addio alla gamma Renault Sport: i modelli che hanno segnato un’epoca