in

Seat Ibiza Cup e Leon Cup: il via a Monza 30-31 maggio

Tempo di lettura: 1 minuto

Parte dal Tempio della velocità la stagione 2015 dell’Ibiza Cup e Leon Cup, i due monomarca che saranno protagonisti del Motorsport SEAT in Italia.

L’Ibiza Cup si presenta in grande forma con 17 team iscritti, pronti a darsi battaglia a Monza. Le Ibiza Cupra da 200 cavalli e 270 Nm di coppia, sono state potenziate mantenendo però lo stesso quattro cilindri da 1.4 cc. Sei tappe per due gare ogni tappa e un format di 35 minuti per la qualifica e di 48 minuti più un giro per entrambe le gare.

La Leon Cup, vedrà protagonista una versione ancora più pepata della Cupra – che eroga 280 CV e 450 Nm – per un totale di 330 cavalli e 410 Nm di coppia. Grandi potenze per un grande spettacolo che durerà anch’esso sei tappe, avrà due gare per tappa, qualifiche da 30 minuti e gare da 28 minuti più un giro.

Le qualifiche di entrambi i campionati andranno in scena sabato 30 dalle 13.10 alle 14.25, mentre le quattro gare si disputeranno domenica 31 e saranno trasmesse in diretta su SKY, canale 213 Fox Sport 2 HD. Su Sky Sport 2 andrà in onda anche il programma “Icarus 2.0”, con vari approfondimenti sul monomarca SEAT.

Infine, ci saremo anche noi di Autoappassionati.it, che durante questa prima tappa di Monza vi racconteremo su Twitter (@auto_app) il week end di gare, con foto e curiosità, condividendo con @SEAT_Italia l’hashtag di riferimento #SEATLeonCup, con il quale potrete interagire anche voi.

Orari Gara

Ibiza Cup: gara 1 ore 8.30, gara 2 ore 16.40

Leon Cup: gara 1 ore 10.05, gara 2 ore 18.40

Il calendario degli eventi

29-31 maggio 2015 – Monza

27-28 giugno 2015 – Imola

25-26 luglio 2015 – Pergusa

12-13 settembre – Vallelunga

26-27 settembre – Misano

17-18 ottobre – Mugello

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Fiat Panda K-Way: tutte le informazioni

Tecnica: debutta il nuovo 2.2 Multijet II da 200 CV su Cherokee e poi su “Giulia”