in

Audi lascia la Formula E e sposa i progetti Dakar e Lmdh

audi dakar 2022
Tempo di lettura: 2 minuti

Rivoluzione Audi. Dopo aver abbandonato il mondo dell’endurance da vincente e sposato il progetto Formula E, culminato nel titolo piloti nella stagione 2016/17 (e nel costruttori la successiva, più 12 vittorie), a Ingoldstadt hanno deciso che è ora di tentare l’attacco alla Dakar portando in gara un inedito prototipo elettrificato ma dotato di range extender. Confermato anche il ritorno in quello che sarà il futuro dell’attuale WEC, la nuova LMDh.

Un impegno poliedrico nel Motorsport è e rimarrà parte integrante della strategia Audi“, afferma Markus Duesmann, CEO e Responsabile dello Sviluppo Tecnico di AUDI AG. “Vogliamo continuare a dare prova del motto del Brand ‘Vorsprung durch Technik’ – All’avanguardia della tecnica, nelle competizioni internazionali di alto livello e al tempo stesso sviluppare tecnologie innovative da destinare alle vetture stradali. Il rally raid più duro al mondo è il palcoscenico ideale per raggiungere questi obiettivi“. 

Schierando una concept elettrica alla Dakar, Audi si prepara a sottoporre la tecnologia a elettroni alle condizioni d’utilizzo sul campo più severo del mondo. Sarà proprio il range extender, un motore turbo benzina TFSI già sul banco, ad alimentare la batteria ad alto voltaggio. Audi sarà così il primo costruttore a portare in gara alla Dakar un powertrain alternativo, come già accadde nel 2012 quando la R18 e-tron quattro è stata la prima vettura ibrida al mondo a conquistare la 24 Ore di Le Mans, ribadendo il proprio primato nei due anni successivi e conquistando due titoli piloti e costruttori nel FIA World Endurance Championship (WEC).

audi 2022

La Formula E ha accompagnato la trasformazione di Audi“, afferma Markus Duesmann. “Oggi la mobilità elettrica a quattro anelli non è più un orizzonte proiettato nel futuro, bensì rappresenta il presente”. All’introduzione sul mercato di un’intera gamma a zero emissioni, capostipite della quale è il SUV Audi e-tron, la Casa dei quattro anelli farà seguire il debutto, nel 2021, di Audi RS e-tron GT, prima vettura a elettroni Audi Sport. Nel 2025, il 40% delle vendite Audi saranno appannaggio dei modelli elettrici o ibridi plug-in. “Affronteremo la Dakar quale prossimo passo nel Motorsport elettrificato perché le condizioni estreme che incontreremo costituiranno un perfetto laboratorio per sviluppare soluzioni tecniche innovative“.

Il Rally Dakar sostituirà la partecipazione Audi in Formula E che, dopo la stagione 2021, non avverrà più in veste ufficiale. Il nuovo powertrain elettrico Audi, denominato MGU05, sarà messo a disposizione dei team privati anche per il prossimo anno.

I clienti racing costituiscono il secondo pilastro del programma sportivo Audi. Audi Sport continuerà a destinare loro un ampio portfolio di modelli e un continuo supporto tecnico. Alle principali competizioni endurance, come la 24 Ore del Nürburgring, verrà dedicato il più recente step evolutivo di Audi R8 LMS. In aggiunta, stiamo valutando nuovi scenari del panorama motoristico internazionale – dichiara Seebach, amministratore delegato di Audi Sport GmbH che assumerà il comando a partire da domani, martedì 1 dicembre – Vogliamo coniugare le aspettative dei clienti e la strategia di elettrificazione del Brand. Per questo, ci stiamo preparando per competere nella nuova categoria LMDh (Le Mans Daytona h), destinata a divenire la classe regina del Mondiale Endurance, e a calcare i palcoscenici sia della 24 Ore di Daytona e della 24 Ore di Le Mans”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    best of citroen

    Promozioni Citroen: fino a 8.000 euro di Ecobonus con Best of Citroen

    audi quattro

    Trazione quattro, i quarant’anni di 4×4 targato Audi in numeri