in

Bosch installa l’MSC a bordo della Ducati XDiavel

Tempo di lettura: 2 minuti

Tipicamente i motociclisti di cruiser amano godersi il viaggio in relax, ma sono allo stesso tempo a caccia di eccitazione e adrenalina, ogni qual volta richiedono prestazioni in più dalla loro motocicletta. A velocità ridotte o elevate, i sistemi elettronici Bosch come l’MSC(motorcycle stability control) aiutano il motociclista a rimanere in sicurezza in tutte le situazioni di guida, anche in curva. “Le tecnologie Bosch forniscono alle moto maggiore sicurezza, efficienza e piacevolezza di guida” ha commentato Geoff Liersch, Responsabile della business unit TwoWheeler e Powersports di Bosch.

Bosch equipaggia la nuova Ducati XDiavel con le ultime tecnologie in termini di powertrain e sicurezza. La centralina di calcolo inerziale (IMU) Bosch fornisce le funzioni necessarie attraverso i dati dinamici del veicolo. In base alla posizione d’installazione del sensore, questo misura l’accelerazione verticale, longitudinale e laterale del veicolo e i valori di imbardata, beccheggio e rollio quando la moto è in movimento. Tutti i segnali 6D, inclusi quelli d’imbardata e d’angolo di piega, sono acquisiti attraverso installazioni in posizioni definite e una comunicazione via CAN bus. I dati raccolti sono processati e rielaborati per il controllo di frenata in piega, una delle funzioni del Bosch motorcycle stability control MSC.

Bosch fornisce alla nuova Ducati XDiavel l’MSC base, a bordo anche sulla nuova Ducati Panigale 1299. Studi condotti dal GIDAS (German In-Depth Accident Study) evidenziano il fatto che l’MSC può evitare due terzi degli incidenti in moto in curva dovuti all’errore del guidatore. Il sistema di sicurezza MSC di Bosch non compromette l’handling, l’esperienza e il piacere di guida sulle due ruote.

La nuova Ducati XDiavel è equipaggiata con il Bosch motor management motronic ME17, il cuore del sistema di gestione motore. Questo piccolo computer analizza tutti i dati provenienti dal powertrain per gestire varie funzioni come i tempi di iniezione e l’iniezione stessa di carburante. Inoltre, il Bosch dual ride-by-wire, il variable valve timing (VVT) e l’anti-knocking control forniscono una maggiore efficienza e un miglior regime al motore.

Tutte le tecnologie di gestione motore (EMS) Bosch rispettano le emissioni legi-slative EU-RO4 e US, presto standard di riferimento globale. La tecnologia EMS di Bosch contribuisce a rendere le due ruote più pulite e più economiche. Se paragonati a motori con carburatore le moto equipaggiate con EMS consuma-no il 7 percento in meno di carburante nel World Motorcycle Test Cycle (WMTC). Nei cicli di guida reale, tipicamente nel traffico urbano, il risparmio arriva fino al 16 percento. Queste cifre si traducono in una riduzione dal 7 al 16 percento anche per le emissioni di CO2. Bosch sta continuando a lavorare per migliorare ulteriormente la tecnologia EMS in modo da offrire una soluzione di sistema centralizzata pronta a rispettare le stringenti emissioni delle due ruote come l’EURO5, previsto per il 2020.

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Foto di Gabriele Bolognesi

BMW 318i 1.5 Twinturbo | Prova su strada

Renault svela in anteprima Nuova Scenic