giovedì, 27 Giugno 2019 - 12:35
Home / Notizie / Storiche / Citroen Mehari: l’eterna spiaggina
Citroen Mehari

Citroen Mehari: l’eterna spiaggina

Tempo di lettura: 4 minuti.

La Citroen Mehari è un’automobile scoperta a due o quattro posti (in opzione), prodotta da Citroën tra il 1968 e il 1987. Il nome deriva dal “méhari”: un dromedario, nonchè il grande cammello dei tuareg.

La carrozzeria è stata disegnata dal conte Roland de La Poype ed è realizzata in plastica ABS. Le principali concorrenti della Mehari sono la Renault Rodeo, la Mini Moke e la Mega Club.

I “Mehari” prima della Mehari

La Citroen 2 CV, che funge da base meccanica per il Mehari, è stata progettata negli anni ’40 per gli agricoltori che viaggiano su strade di campagna francesi e ha dimostrato fin dall’inizio alcune capacità fuoristradistiche: le specifiche fornite per la sua progettazione erano quelle di poter attraversare un campo arato con un cesto di uova posto sulla cappelliera, senza romperle, una piccola prodezza resa possibile da speciali sospensioni con ad escursione lunga.

Un primo prototipo di 2CV “fuoristrada”, utilizzando pannelli nervati (come il Citroen Type H e l’aereo Junkers 52), è stato ideato a fine 1950 ad Abidjan per un ristoratore francese Maurice Delignon. Questo ha dato l’idea (1963) a due francesi industriali (Letoquin e Lechanteur) di produrre una “fuoristrada” basata su una 2 Citroen CV con una carrozzeria semplice, fattibile con una lamiera piegata.

Questo proto-Méhari, chiamato “Baby-Brousse”, sarà prodotto più di 30.000 copie dalle fucine e officine di Ebrié ad Abidjan. Il suo aspetto esteriore evoca chiaramente il Mehari. Migliaia di altri Baby-Bush saranno prodotti in Vietnam, Iran, Cile (chiamati “Yagan” dopo i nativi della Terra del Fuoco) e in Grecia.

Citroen crede nel progetto

Successivamente Citroen riprende l’idea da sola lanciando una versione migliorata della Baby-Brousse: la FAF (facile da finanziare, facile da produrre), destinata ai paesi in via di sviluppo o emergenti. Tuttavia, il successo sarà inferiore a quello del Baby-Bush originale. Quello delle “spiaggine” fu un tema in cui molti costruttori europei si cimentarono durante gli anni cinquanta e sessanta: la voglia di tornare a respirare la vita dopo gli orrori della guerra e le fatiche della ricostruzione furono lo stimolo a concepire particolari tipologie di vetture che ispirassero allegria. 

Citroen Mehari

Questo ha ispirato conte de la Poype, ex asso dello squadrone Normandie-Niemen e un industriale specializzato in materie plastiche, a creare un’auto ricreativa con un corpo termoformabile in plastica ABS, allo scopo di evitare il formarsi della ruggine e di risparmiare peso influendo così positivamente sulle prestazioni.

I primissimi prototipi erano formati da pannelli in ABS lisci. In un secondo momento si decise di utilizzare pannelli zigrinati a nervature fitte orizzontali, in modo da rendere più rigido il corpo vettura. Il motore utilizzato inizialmente era un bicilindrico da 425 cm³.

Non ci volle molto neppure per arrivare agli esemplari di pre-serie: come base meccanica fu scelta quella della Dyane, stretta parente della 2 CV.

A de la Poype venne richiesto inizialmente di produrre i 12 esemplari di pre-serie. Era il 1968. Purtroppo il lancio della Citroen Mehari, l’11 maggio del 1968 in pompa magna, passò inosservato a causa degli eventi storici del’68. La presentazione al pubblico avvenne invece il 3 ottobre dello stesso anno al Salone dell’automobile di Parigi e, alla fine della kermesse, la Méhari già raccolse 500 ordini.

Il primo anno di produzione la vettura venne assemblata in piccola serie a Bezons (Val-d’Oise), poi con l’aumento degli ordini, la Mehari sarà costruita principalmente in Belgio, ma anche in Spagna e Portogallo.

La prima serie 1968-1969 della Citroen Mehari sarà prodotta solo un anno, infatti, per i modelli del 1970, la carrozzeria è leggermente modificata. Gli indicatori di direzione posteriori laterali della 2 CV vengono rimossi e sostituiti dalle luci del Type H sul pannello posteriore. La produzione di Mehari si è fermata nel 1987.

Per il tempo libero, anche in fuoristrada

La Citroen Mehari è un’auto per il tempo libero, l’aria aperta e gite in famiglia. Piegando il sedile posteriore (opzionale), si trasforma in una due posti, lasciando spazio per un piano di carico ampio (circa 1.2 m2 di superficie) e su cui era possibile caricare fino a 400 kg. Il modello a quattro posti costa circa dal 5 al 10 percento in più, come le versioni a 2 o 4 ruote motrici disponibili in seguito.

Il corpo di ABS (acrilonitrile butadiene stirene) stampato a caldo e colorato in massa, può riprendere la sua forma originale dopo una leggera botta. È supportato da due telai metallici a maglia tubolare imbullonati alla piattaforma, uno per la parte anteriore e uno per la parte posteriore.

Il Mehari è stato spesso costruita con un hardtop in plastica progettato e commercializzato da ENAC. Ma ha offerto anche una versione a tetto pieghevole e un versatile pick-up.

Il 23 maggio 19792, Citroen lancia la “Méhari 4×4”. Dotata di una ruota di scorta opzionale sul cofano, di ulteriori paraurti anteriori e posteriori tubolari, di passaruota estesi, di grandi pneumatici fuoristrada opzionali (per il 1982) e le luci posteriori dell’Acadiane. La versione 4×4 ha un cambio quattro velocità normali più tre ridotte che gli consente di superare pendenze fino al 60%. A quel tempo, la Mehari è uno dei rari 4×4 a ruote totalmente indipendenti. I freni posteriori sono a disco entrobordo. La produzione della 4×4 è stata interrotta nel 1983, ma con solo circa 1.213 veicoli prodotti, è ora molto ricercata e le parti della trasmissione sono quasi irrintracciabili.

Citroen Mehari

La Mehari, l’esercito francese e la “conquista dell’America”

Per assicurare la transizione tra la Jeep Hotchkiss e la Peugeot P4, la spiaggina a due ruote motrici Mehari è stata commissionata nel 1972 da parte dell’esercito francese in 7.064 esemplari. I modelli acquistati dall’esercito hanno un circuito elettrico a 24 V (12 V per la gendarmeria) per installare le radio di comunicazione. Le due batterie da 12 V sono collegate in serie con un interruttore automatico interposto. La seconda batteria si trova al posto del vano portaoggetti. Per questo motivo, l’auto ha componenti elettrici specifici, in particolare la bobina, l’alternatore, il motorino di avviamento e tutte le lampade.  In totale furono 11.500 le Mehari ordinate per l’Esercito e le forze di Polizia francesi.

Tra il 1970 ed il 1971 la Mehari tentò la fortuna anche negli Stati Uniti d’America: per soddisfare le normative locali, la versione prevista per gli USA venne dotata di fari anteriori maggiorati, luci di retromarcia e luci di emergenza. Le Mehari vendute oltreoceano furono un migliaio circa.

Venne proposta anche in Sudamerica: le Citroen Mehari previste per tali mercati non vennero prodotte con carrozzeria esclusivamente in plastica, ma in plastica con rinforzi in vetroresina.

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

Lancia D 25

FCA Heritage a Parco Valentino 2019: due protagoniste, tanta passione

FCA Heritage partecipa in forma ufficiale al Salone dell’Auto Parco del Valentino 2019 (Torino, 19-23 …