in

Fiat Palio: addio all’ultima Highlander

Fiat Palio
Tempo di lettura: < 1 minuto

Fiat Palio: dopo 24 anni esce di produzione. L’addio alle scene nello stabilimento FCA in Brasile.

Non ha avuto il successo delle 500, 128 e Panda, e non ha nemmeno segnato un’epoca come le Uno e Tipo, ma per l’utilitaria Fiat Palio ci sarà lo stesso un posto nella storia della casa torinese: è stata svelata nel 1996 ed è rimasta in produzione per 24 anni, fino al 27 gennaio 2020, quando la divisione brasiliana di Fiat ha annunciato di aver realizzato l’ultimo esemplare della wagon Weekend, l’ultima ancora costruita insieme alla versione in stile crossover Weekend Adventure Locker (entrambe prodotte in Brasile e venduta in Sud America).

La Palio ha venduto 560.000 unità in Brasile e circa 300.000 in Argentina, alla quale si sommano gli esemplari per l’Europa costruiti in Polonia e Turchia.

Nel 2011 la seconda generazione

La Fiat Palio debutta nel 1996 in Europa e l’anno successivo in America Latina, dove arriva per sostituire l’obsoleta Duna. E’ un modello economico e dal buon rapporto qualità/prezzo, con forme arrotondate e linee semplici, dotato di motori benzina 1.2 e 1.6 o Diesel 1.7 (con il turbo) e 1.9.

La carrozzeria viene aggiornata nel 2001, quando cambia la mascherina, mentre la seconda generazione (non venduta in Europa) è del 2011: cambia il pianale, derivato dalla Uno per il Sud America, e il suo aspetto si ispira alla più moderna Punto, come testimonia il fregio cromato nella parte anteriore. Ha motori fino a 117 CV. La Palio berlina viene prodotta fino al 2017, mentre la wagon ha resistito fino ai giorni scorsi.

Dì la tua

ASI e Pininfarina Concorso d'Eleganza di Torino

ASI e Pininfarina presentano ad Automotoretrò 2020 il “Concorso d’Eleganza Città di Torino”

Alpine A110 SportsX

Alpine A110 SportsX, one-off adatta per le nevi