in

Finisce all’asta una Ferrari Testarossa abbandonata da 20 anni

Tempo di lettura: < 1 minuto

Un Ferrari Testarossa del 1989 è pronta a cambiare proprietario. L’iconica vettura del Cavallino Rampante è finita all’asta dopo essere stata utilizzata per l’ultima volta nel 2003, quando sostenne un viaggio andata e ritorno per SaintTropez. Da quel momento, la Rossa è praticamente ferma, quindi sono passati circa 20 anni dalla sua ultima accensione.

Ferrari Testarossa ferma da 20 anni, a battere l’asta sarà Artcurial

Il 2 luglio prossimo si terrà l’asta organizzata da Artcurial, in occasione dell’evento Le Mans Classic Sale 2022. Le stime d’acquisto oscillano tra i 70.000 ed i 110.000 euro. Per quanto l’ultimo prezzo previsto sia esoso, non bisogna tralasciare il fatto che la Ferrari Testarossa è una delle più amate supercar di sempre a livello mondiale, un fattore che potrebbe portare il prezzo di vendita ben oltre le previsioni della vigilia.

Ferrari Testarossa ferma da 20 anni, pochi chilometri percorsi e buone condizioni

Fissando lo sguardo sul contachilometri di questa Ferrari Testarossa si legge “22.433”, questa è la quantità di strada percorsa, perfettamente in linea con lo stato dell’abitacolo, che si è conservato abbastanza bene. La carrozzeria, invece, necessita di qualche piccolo intervento. Sul libretto di circolazione sono registrati più proprietari, seppur tutti dello stesso nucleo familiare. L’acquistò avvenne in Francia, a Mulhouse.

Ferrari Testarossa, la più amata

Svelata al pubblico nel 1984, la Ferrari Testarossa catturò l’apprezzamento di tutti per il fascino esotico e sensuale delle sue linee, fortemente innovative rispetto alle granturismo precedenti del marchio. A disegnarla fu la penna di Pininfarina, che diede alla luce una delle auto più iconiche dell’era moderna. Oggi continua ad essere il sogno di milioni di persone.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Stig ha testato la Maserati MC20: la prova sul bagnato senza controlli [VIDEO]

    roberto cingolani

    Cingolani: “l’auto elettrica non è a emissioni zero”