domenica, 16 dicembre 2018 - 0:09
Home / Notizie / Motorsport / GP Singapore: la Ferrari non si arrende
GP Singapore

GP Singapore: la Ferrari non si arrende

Tempo di lettura: 2 minuti.

Partita con i favori dei pronostrici, complice la splendida pole del GP Singapore fatta registrare da Vettel in qualifica, la Ferrari non si aspettava di certo di terminare la propria gara a cinque secondi dalla bandiera a scacchi, cinque secondi che possono decidere un campionato. Un doppio ritiro, le cui cause hanno già scatenato aspre polemiche sui social soprattutto indirizzate a Verstappen e opinioni contrastanti tra gli addetti al settore, che pesa come un macigno nell’ottica mondiale, specialmente nella classifica piloti dove Hamilton, fortunato a stare lontano dai guai, si è portato a +28 rispetto a Vettel.

Una Ferrari sì delusa ma non arrendevole, seguendo il motto “testa bassa e lavorare” del suo capitano Maurizio Arrivabene già carico insieme alla squadra in vista delle sei gare rimanenti. Sarà dura, durissima, ma la Ferrari c’è e non mollerà fino all’ultima curva, anche se la delusione è palpabile.

Le dichiarazioni dei piloti dopo il GP Singapore

Sebastian Vettel: “Ho avuto una partenza nella media e poi mi sono spostato verso sinistra cercando di difendere la posizione dall’attacco di Max. Poi ho sentito il contatto di Kimi che è venuto contro di me. Non sono sicuro di cosa sia successo. Ho fatto un testacoda alla curva 3 a causa dei danni riportati dalla macchina e la mia gara è finita lì. Oggi eravamo nella parte sbagliata della partenza, che non aiuta. Non possiamo certo tornare indietro ma è un vero peccato non aver potuto dimostrare la nostra prestazione oggi in gara. Ci sono altre gare davanti a noi e sono sicuro che arriveranno alter opportunità.

Kimi Raikkonen: “Alla partenza ho avuto un ottimo scatto, poi sono stato colpito; lì è finita la mia gara. Non credo avrei potuto fare in un modo diverso per evitare lo scontro, se non partire male e non trovarmi in quel punto in quel momento. È un peccato, uno di quegli avvenimenti per i quali si paga tanto. Qualsiasi sia stata la causa o la colpa ormai il risultato è stato scritto. Andiamo alle prossime gare pronti a combattere e fare del nostro meglio.”

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Loeb

Loeb firma per Hyundai Motorsport: è ufficiale, correrà con la i20 WRC Plus

Ormai è fatta: Sebastien Loeb, 9 volte campione del mondo rally, di appendere il casco …