lunedì, 1 Giugno 2020 - 2:15
Home / Notizie / Curiosità / Jeep 4×4 Day, quest’anno virtuale, all’insegna del Trail Rated
Trail Rated

Jeep 4×4 Day, quest’anno virtuale, all’insegna del Trail Rated

Tempo di lettura: 3 minuti.

Trail Rated, un badge sulla carrozzeria Jeep, dal 2003, che nasconde un mondo di test e di ricerca e sviluppo.

Per l’emergenza pandemica in corso, Jeep non rinuncia alla tradizione che da 5 anni unisce migliaia di Jeepers in giro per il mondo. Il Jeep 4×4 Day quest’anno sarà virtuale, una bella occasione per rafforzare il rapporto con la propria community, cercando di strappare un sorriso agli utenti costretti a casa. 

Sui suoi canali social, il brand delle sette feritoie offre a tutti la possibilità di cimentarsi in una serie di sfide virtuali in puro stile Jeep senza necessità di uscire di casa. Per scoprirle, basta accedere alle pagine Facebook e Instagram di Jeep Italia e cercare gli hashtag #4x4day e #stayofftheroad.

Un 4×4 Day, ancora una volta, seppur con le modalità sopra descritte, all’insegna del Trail Rated, molto più di un semplice badge sulla carrozzeria delle regine dell’off-road. Si tratta infatti di una metodologia, una garanzia e uno standard riconosciuto che attesta capacità off-road di riferimento nel segmento.

Trail Rated
Jeep Cherokee, in versione Trailhawk, affronta un guado

Tutti i veicoli classificati come Trail Rated del marchio Jeep vengono sottoposti a una serie di severi test progettati per metterne alla prova le prestazioni off-road sui percorsi più estremi al mondo. Il processo di testing inizia nelle aree di ricerca e sviluppo del marchio Jeep, per trasferirsi nel gelido nord del Michigan e concludersi tra le rocce del Rubicon Trail – il campo di prova fuoristrada più duro del mondo.

Superando le prove di trazione, guado, maneggevolezza, articolazione e altezza da terra, una vettura Jeep può ricevere la certificazione Trail Rated, introdotta a partire dal 2003 prima ancora che Jeep entrasse nella galassia FCA. Oggi Trail Rated compare sulla carrozzeria delle versioni Trailhawk di Renegade, Compass, Cherokee, Grand Cherokee nonché l’intera gamma dell’icona Wrangler, la Regina del 4×4 (con la R maiuscola).

Oggi, il team R&D Jeep continua a migliorare le caratteristiche dei veicoli a quattro ruote motrici e, con il lancio delle prime vetture ibride plug-in 4xe (Compass e Renegade), si pone una nuova sfida, cioè quella di muoversi in elettrico sui terreni più ostici grazie alla trazione elettrica sull’asse posteriore. 

Le cinque categorie Trail Rated: come vengono effettutati i test

Trail Rated

TRAZIONE

I modelli Jeep 4×4 Trail Rated sono equipaggiati con sistemi di trazione integrale in grado di soddisfare ogni requisito in termini di condizioni di guida off-road. I sistemi di trazione Trail Rated consentono al veicolo la marcia su ghiaccio, sabbia e fango. Le prove di trazione comprendono test eseguiti su strade a scarsa aderenza e su pendenze molto elevate. Il rapporto massimo di riduzione è un elemento fondamentale per poter garantire la straordinaria capacità di trazione dei modelli Trail Rated.

GUADO

Le Jeep 4×4 Trail Rated sono dotate di elementi di sigillatura dell’impianto elettrico e della scocca e di una presa d’aria dedicata e protetta per superare corsi d’acqua e sottopassi che bloccherebbero la maggior parte delle automobili.

MANEGGEVOLEZZA

Le Jeep 4×4 Trail Rated sono in grado di attraversare strettoie e di affrontare situazioni estreme senza compromettere la carrozzeria, grazie a uno sterzo preciso e al passo ottimizzato. Minore è il raggio di sterzata, maggiore la capacità di affrontare spazi ristretti. 

ARTICOLAZIONE

Buona regola del fuoristrada è mantenere le ruote a terra, per avere sempre la massima trazione possibile grazie all’aderenza dei quattro pneumatici. Le sospensioni Trail Rated potenziano le prestazioni off-road massimizzando la flessibilità, l’articolazione degli assi e l’escursione delle ruote in modo da garantire l’aderenza a terra degli pneumatici anche sulle superfici più scoscese.

ALTEZZA DA TERRA

I modelli Jeep 4×4 vengono sottoposti a una serie di test che mettono alla prova la loro capacità di superare ostacoli: i test coinvolgono l’altezza da terra e gli angoli di attacco, di dosso e d’uscita per superare tronchi, rocce e terreni scoscesi.

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

ferrari 288 GTO evoluzione

Ferrari 288 GTO Evoluzione: la “mamma” della F40 [VIDEO]

Ferrari 288 GTO Evoluzione: la storia, in breve, di una delle supercar emiliane più estreme …