lunedì, 22 ottobre 2018 - 16:08
Home / Notizie / Curiosità / Jeep Sandstorm: la concept car corta e scattante
Jeep Sandstorm

Jeep Sandstorm: la concept car corta e scattante

Tempo di lettura: 2 minuti.

Ispirata ai veicoli da corsa del deserto di Baja California, il concept Jeep Sandstorm è stato realizzato per “sfrecciare su lunghi rettilinei sabbiosi, soddisfacendo allo stesso tempo le esigenze di guida quotidiane”. Questa la Mission del concept arancio acceso appena presentato all’Easter Jeep Safari 2018. 

Per garantire questo risultato, la Sandstorm presenta dotazioni off-road per affrontare in semplicità entrambe le situazioni, tra cui spiccano il sistema di sospensioni estremamente robusto e un gruppo propulsore con un’incredibile erogazione di potenza. 

Le soluzioni stilistiche custom che caratterizzano il look Baja sono rappresentate esternamente da  un cofano ventilato in fibra di carbonio, passaruota anteriori e posteriori ventilati che consentono di disporre di un’ altezza da terra maggiorata e una gabbia di sicurezza che integra il portaruota di scorta. Le maniglie esterne e il portellone ad apertura laterale sono stati eliminati e le porte posteriori sono state tagliate per conferire alla vettura un look più essenziale. 

Ulteriori elementi stilistici ispirati all’evento di Baja sono i paraurti anteriori e posteriori tubolari, griglie parasassi modificate, un compressore d’aria integrato a bordo, un tappo per il rifornimento di   carburante ispirato alle vetture da corsa e luci anteriori ausiliarie KC Carbon

L’assale anteriore è stato spostato in avanti di dieci centimetri e utilizza sospensioni “four link” con bracci lunghi e barra Panhard heavy-duty. L’assale posteriore è stato invece arretrato di cinque centimetri e utilizza una sospensione “four link” a braccio longitudinale con geometria triangolare. Il passo più lungo garantisce una maggiore stabilità alle alte velocità. Molle elicoidali e ammortizzatori  bypass consentono una corsa di 35 cm per le ruote anteriori e di 45 cm per le ruote posteriori. 

Per prestazioni ancora più estreme, il concept Jeep Sandstorm dispone di assali anteriore e posteriore Dynatrac 60 heavy-duty  con un rapporto al ponte di 5,68, cerchi antistallonamento da 17″ e pneumatici BF Goodrich Krawler da 39,5″. 

Lo stile ispirato alla corsa di Baja continua negli interni, caratterizzati da una gabbia personalizzata che integra il telaio, sedili anteriori rivestiti in pelle ed esclusivi sedili posteriori sportivi dal design a guscio con. Un cruscotto di ispirazione sportiva e un’unità GPS per off-road da 7″ gestiscono la navigazione mentre interruttori a bilico indipendenti controllano l’elettronica di bordo, il compressore dell’aria e i bloccaggi degli assali. Il concept Sandstorm presenta inoltre un pavimento rivestito. 

La Jeep Sandstorm monta un motore V8 da 6,4 litri del catalogo performance di Mopar abbinato  alla trasmissione manuale a sei marce.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

XUV500

Mahindra XUV500: 2° raduno per appassionati del marchio indiano

Si è svolta la seconda edizione del raduno riservato ai possessori di Mahindra XUV500, modello …

something