in

Keanu Reeves ci parla della sua passione per i motori alla Michelin Pilot Experience

Tempo di lettura: 2 minuti

Vi proponiamo l’intervista esclusiva fatta a Keanu Reeves durante la Michelin Pilot Experience a Palm Springs in California. Ecco cosa ci ha raccontato il celebre attore della trilogia di Matrix e di tanti altri film a proposito della sua passione per i motori, specialmente per la sua Arch Motorcycle.

Partiamo dal ricordo legato alla tua prima auto, quale ti viene in mente?

Beh, ho tanti ricordi, ma oggi mi viene in mente il mio viaggio nel 1985 da Toronto a Los Angeles con la speranza di diventare un attore.

Se potessi scegliere oggi di fare un viaggio di una settimana per gli Stati Uniti, che auto sceglieresti e dove andresti?

Possiedo una Porsche 996 Carrera 4 e sceglierei lei per percorrere la costa della California fino al Parco nazionale di Redwood per poi tornare indietro sempre lungo la costa e infine a casa mia.

La tua playlist ideale per questo viaggio?

The Clash, Joy Division, Robert Johnson e musica blues in generale, mi piace molto.

Tornando alle auto cosa non può mancare su una vettura?

Nulla, basta non andare troppo piano!

Che auto guidi tutti i giorni?

Preferisco andare in moto con la mia Arch Motorcycle ma uso all’occorrenza una Porsche 911 del 2013.

Che altre passioni hai oltre alle auto?

Il mio lavoro e le mie amicizie senza dimenticare la mia Arch Motorcycle.

C’è un ruolo nel cinema che non hai ancora interpretato e che ti affascina?

Macbeth è uno di quelli, se potessi scegliere avrei voluto interpretare Han Solo in Star Wars.

Perché hai deciso di creare la Arch Motorcycle?

È sempre stato un sogno costruire da zero questa società e ho trovato la persona giusta, il mio socio, con il quale mettere in piedi questo sogno.

Quanto tempo è servito per arrivare alla Arch Motorcycle di oggi?

Circa 4 anni per tutta la fase di progettazione, prototipazione fino al prodotto finito di oggi.

Perché hai scelto le gomme Michelin per Arch Motorcycle?

Abbiamo valutato diverse scelte ma Michelin ci sembrava la più adatta in termini di performance e stabilità.

Parliamo di emozioni legate alle tue passioni, per te cos’è la felicità?

Un buon lavoro, quando le cose vanno bene con gli amici e la famiglia, condividere un pasto, un giro in moto e non smettere mai di essere creativi.

Cosa ti auguri nel 2017 per l’attore Keanu Reeves e per l’uomo dietro la maschera?

Per l’attore mi auguro che alla gente piacciano i film nei quali ho recitato mentre per l’uomo continuare ad essere il creativo che sono mentre per la Arch Motorcycle che possa continuare ad avere successo facendo emozionare i suoi clienti. Voglio aggiungere che la Arch Motorcycle non solo crea le moto ma le customizza a richiesta dei suoi clienti.

Un commento a caldo sull’evento Michelin Pilot Experience nel quale sei gradito ospite?

Beh l’evento è fantastico come è fantastico avere l’opportunità di guidare tutte queste supercar, c’è da perdersi tra Audi, Ferrari, AMG e chi più ne ha più ne metta.

Sappiamo che sei stato a Tavullia a visitare la VR46, l’azienda di Valentino Rossi. C’è la possibilità di una collaborazione?

No sono un suo grandissimo fan e c’è stata questa grandiosa opportunità di incontrarlo e di vederlo poi correre lo scorso anno a Phillip Island, un’occasione tra l’altro unica per far conoscere la Arch Motorcycle ai veri appassionati e per entrare nella magica atmosfera della MotoGP.

Vedremo mai la Arch Motorcycle in MotoGP?

Mai! Preferiamo concentrarci sui nostri clienti, produrre piccoli volumi ma di alta qualità, attorno alle 100 unità all’anno. 

Traduzione a cura di Tommaso Corona

Neopatentato

Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Dì la tua

Le 5 cose da sapere sulla nuova Audi Q5

Nissan GT-R rende omaggio all’India [VIDEO]