martedì, 24 aprile 2018 - 12:24
Home / Archivio / La tecnologia Twin Engine di Volvo Cars
Autoappassionati

La tecnologia Twin Engine di Volvo Cars

Tempo di lettura: 3 minuti.

Con la presentazione della XC90 T8, Volvo Cars ha commercializzato un SUV di lusso ad altissime prestazioni ma con livelli di emissioni difficili da raggiungere persino per le ibride di piccole dimensioni.

Infatti, durante la progettazione della XC90 T8, Volvo Cars era determinata a non scendere a compromessi in termini di prestazioni o efficienza. Basandosi sulla nuova piattaforma modulare SPA (Architettura di Prodotto Scalabile) e sulla fortunata gamma di propulsori Drive-E, Volvo Cars riuscì a realizzare un SUV crossover altamente prestazionale.

Molte delle caratteristiche del sistema di propulsione della XC90 T8 sono state ottimizzate appositamente per la tecnologia ibrida. Fin da subito la XC90 T8 fu progettata per garantire la compatibilità con il sistema ibrido plug-in.

Sotto il cofano troviamo una speciale versione modificata del quattro cilindri Drive-E. Sulla XC90 T8 l’unità Drive-E è stata potenziata grazie ad un sovralimentatore e ad un turbocompressore per ottenere complessivamente una potenza erogata di ben 318 CV e 400Nm di coppia motrice.

 Volvo XC90 0002

Sull’assale posteriore è stato montato il grande motore elettrico in grado di erogare 82 CV (60kW) di potenza e 240 Nm di coppia motrice. Tale unità elettrica fa muovere le ruote posteriori nelle modalità Electric e Power.

Gli ingegneri svedesi hanno poi progettato uno speciale cambio automatico a 8 velocità studiato appositamente per il sistema ibrido. Merito della tecnologia shift-by-wire, l’automobilista può controllare la trasmissione elettronicamente.

A rendere l’esperienza di guida ibrida unica ed inimitabile ci pensa l’unità CISG (componente integrato montato direttamente sull’estremità dell’albero motore con funzioni sia di generatore sia di avviamento), ubicata fra il motore endotermico e la scatola del cambio, capace di svolgere tre funzioni molto importanti.

L’unità CISG funge da potente motorino di avviamento da 34kW che permette all’automobile di passare senza strappi dalla modalità esclusivamente elettrica a una modalità a combustione combinata; è anche un potente generatore in grado di produrre tutta l’elettricità necessaria alla vettura; infine, agisce come booster del motore elettrico, interagendo con il sovralimentatore e il turbocompressore quando è necessaria una maggiore potenza ed erogando fino a 50 Nm di coppia motrice supplementare.

 Volvo XC90 0001

Inoltre la batteria ad alto voltaggio (270–400V) che eroga 65kW di potenza è stata collocata in modo ingegnoso, dai progettisti di Casa Volvo, centralmente nel tunnel della vettura. Questa posizione ha permesso a Volvo di non sacrificare lo spazio interno alla vettura ne per quanto riguarda le persone e ne per quanto riguarda i bagagli.

Altra chicca del SUV premium svedese è l‘impianto frenante a 2 fasi. Tale impianto si serve in parte della tecnologia brake-by-wire per recuperare energia e ri-inviarla all’automobile (per ricaricare la batteria o per un utilizzo immediato) ed è inoltre dotato di un’esclusiva funzione di stabilità che tiene sotto controllo la quantità di energia che può essere rigenerata senza rischi.

In ultimo l’esclusivo impianto di raffreddamento comprende due circuiti supplementari. Il primo circuito raffredda l’unità CISG e il grande motore elettrico posto sull’asse posteriore, mentre il secondo raffredda la batteria in uno dei due seguenti modi: passivamente, attraverso il radiatore, o attivamente tramite un’integrazione con il sistema di climatizzazione dell’auto.

 Volvo XC90 0004

Con una potenza totale stupefacente di 400 CV e un’enorme coppia massima complessiva di 640 Nm la XC90 T8 è in grado di accelerare da 0 a 100km/h in 6,1 secondi, erogando tutta la potenza che gli automobilisti ormai si aspettano di trovare in un SUV Volvo. A tale potenza e a tali prestazioni corrispondono però livelli di emissioni bassissimi (solo 64g/km) e consumi efficientissimi (solo 2,7 l/100km). Inoltre la XC90 T8 può percorrere una distanza fino a 40 km in modalità esclusivamente elettrica (Pure Electric).

Merito della tecnologia ibrida plug-in la vettura può offrire una serie di diverse modalità di guida che possono soddisfare diverse esigenze in termini di prestazioni ed efficienza. Utilizzando una rotellina di selezione sula console centrale oppure uno schermo a sfioramento sul cruscotto, gli automobilisti potranno scegliere fra le diverse modalità: Hybrid (Ibrida), Pure Electric (solo motore elettrico), Power (massima potenza), AWD (trazione integrale) e Save (risparmio).

Autore: Matteo Di Lallo

Potrebbe interessarti

Binomio al vertice per DS Virgin Racing nella tappa argentina della Formula E

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Team DS Virgin Racing sbarca fiducioso in America del Sud per l’ePrix di Buenos …

something