in

Lamborghini Urraco P117: l’ultima superstite sarà venduta oggi all’asta

Lamborghini Urraco P117 (200)
Tempo di lettura: < 1 minuto

La Lamborghini Urraco è l’unico esemplare rimasto delle 66 unità realizzate. L’asta su Carawiki parte proprio oggi, ecco il link all’annuncio.

Catawiki è la piattaforma online dove è possibile vendere e acquistare oggetti unici e rari. Di 66 vetture prodotte, l’ultima Lamborghini Urraco P117 (200) superstite giaceva inutilizzata in un garage di Milano da oltre 20 anni e necessita, come si legge dall’annuncio, di restauro. Il valore della vettura si aggira intorno agli 80.000 euro

La storia della “baby bull”

La Lamborghini Urraco è stata progettata dal designer italiano Marcello Gandini nei primi anni ‘70. Nata dal desiderio di mettere in ombra i modelli del “Cavallino Rampante”, la Lamborghini Urraco prende il nome da una razza di tori da combattimento le cui piccole dimensioni si contrappongono a uno spirito e ad un carattere forte. Da qui il nome di “piccolo toro”.

Urraco P117
La Lamborghini Urraco P117 (200) è una vettura più unica che rara

La Urraco è stata anche protagonista del film hollywoodiano del 1977 “Mr. Billion” e del programma automobilistico britannico “Top Gear”. Diverse situazioni lasciarono la vettura in ombra e, a seguito della crisi petroliferaa, la sua produzione venne limitata a sole 66 unità con guida a sinistra

Le parole dell’esperto

Luca Gazzaretti, esperto di auto d’epoca di Catawiki, così commenta: “Oggi la rarità dell’Urraco è apprezzata dai collezionisti che comprendono le esclusive peculiarità offerte da questo modello. Un vero e proprio eye-catcher, può regalare un’esperienza di guida irresistibile ed emozionante. Si tratta di un oggetto da collezione estremamente raro. Merita l’attenzione di un appassionato di Lamborghini che cerca l’auto dei suoi sogni per completare la sua collezione di “bulls” ad alte prestazioni“.

Dì la tua

Ami con free2move

Citroen Ami entra a far parte di Free2Move

E-Prix Roma

Niente E-Prix di Roma il 4 aprile: l’emergenza coronavirus ferma tutto