sabato, 21 aprile 2018 - 15:46
Home / Notizie / Tecnologia / Mercedes lancia un nuovo servizio di car sharing privato

Mercedes lancia un nuovo servizio di car sharing privato

Tempo di lettura: 2 minuti.

Sono ormai diversi anni che Mercedes si sta concentrando sui servizi di mobilità innovativi tra i quali il car sharing, campo nel quale la Casa tedesca propone sempre novità.

L’azienda, che da costruttore premium sta estendendo gradualmente i suoi servizi alla mobilità collettiva, ha studiato una nuova piattaforma di car sharing chiamata Croove (www.letscroove.com), che verrà lanciata in fase sperimentale a Monaco di Baviera in attesa di capirne gli sviluppi e l’apprezzamento popolare. La differenza con car2go? Con Croove, anche privati in possesso di una vettura possono condividere la propria auto: da un lato chi vuole noleggiare la propria auto può trovare velocemente e in estrema semplicità una vettura in buone condizioni, senza dipendere da una stazione di noleggio fissa o dai limiti spaziali offerti ad esempio da car2go. Rispetto al noleggio classico, si ha quindi un vantaggio in termini di costi, e dal lato dei proprietari si può ottimizzare l’uso della propria auto, traendone ovviamente un guadagno.

In media, un’automobile è ferma per 23 ore al giorno. Perché non guadagnare qualcosa durante questo periodo di tempo? Il car sharing sarà un elemento chiave per il traffico urbano di domani”, sottolinea Dieter Zetsche, Presidente del Board of Management di Daimler AG e Responsabile di Mercedes-Benz Cars

Croove come car2go può contare sull’apposita app che potrà essere scaricata da iTunes Store a partire da dicembre e poco dopo sul Google Play Store. Caratteristiche fondamentali del nuovo servizio sono l’accesso in tutta semplicità e la facilità d’utilizzo, anche dal proprio pc domestico. I proprietari creano on line un profilo con i dati della vettura (compresi eventuali equipaggiamenti speciali) ed inseriscono il prezzo di offerta. La app è d’aiuto anche in questo caso e cosa ancora più importante, Croove non è legato ad un marchio specifico. Le vetture devono comunque essere in buone condizioni e non superare i 15 anni di età.

I noleggianti (età minima: 21 anni, in possesso di una patente valida) devono solo registrarsi. È allo studio anche la possibilità di introdurre una soluzione keyless grazie alla quale il noleggiante potrà ritirare la vettura con l’ausilio di un PIN. Proprietari e noleggianti verificano e documentano lo stato dell’auto nel corso di un controllo eseguito insieme al ritiro ed alla consegna. A questo proposito, il contratto di noleggio digitale fornito da Croove comprende una check-list. Il pagamento (non in contanti) avviene tramite la app. Dopo il noleggio è ovviamente possibile una valutazione tramite app di entrambe le parti. In questo modo si garantisce ancora più trasparenza e sicurezza.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

ecall

Bosch propone il servizio eCall per gli incidenti stradali

Tempo di lettura: 2 minuti. Per chi non lo conoscesse, il servizio di chiamata d’emergenza eCall è un’iniziativa europea che …

something