in

Nasce Mobilize, il car sharing elettrico by Renault: si parte da Bergamo

mobilize
Tempo di lettura: 3 minuti

Per ora si parte da Bergamo, ma l’espansione è dietro l’angolo. Nasce con grandi premesse Mobilize, il quarto dei Marchi del Gruppo Renault dopo Renault stessa, Dacia/Lada e Alpine. Mobilize nasce come una marca atta a promuovere un ecosistema sostenibile  tramite soluzioni energetiche e di mobilità flessibile ed è uno dei frutti della Renaulution voluta da Luca de Meo appena preso il timone del gruppo transalpino.   

Mobilize propone un  nuovo business model, il cosiddetto modello di business in abbonamento, figlio dei tempi che corrono dove il concetto di proprietà sta via via perdendo d’importanza: dalla vendita dei veicoli  alla vendita di soluzioni di mobilità, quantificate in tempo (da minuti ad anni).  

Mobilize offre soluzioni senza soluzione di continuità che sono complementari rispetto ai modelli  tradizionali di proprietà dei veicoli. Promuovendo un maggior utilizzo dei beni tramite l’economia circolare e la condivisione, Mobilize contribuisce a un futuro più sostenibile.  

Vincent Carré, Car-Sharing Operations Director di Mobilize: “Tutto il mercato della mobilità  sta crescendo, passando, al contempo, dal possesso dei veicoli al loro utilizzo. Mobilize offre servizi di mobilità flessibili per persone e beni, in linea con le aspettative in  evoluzione di clienti, aziende e comuni che desiderano adottare forme di mobilità più  sostenibili e condivise. Il car sharing svolge un ruolo di primo piano nel campo delle nuove  mobilità. Mobilize fa leva sulla leadership del Gruppo Renault nei veicoli elettrici ed offre  soluzioni adeguate al contesto delle singole città. Oggi, in Europa, il Gruppo Renault è  leader del car sharing elettrico con circa 10.000 veicoli elettrici resi disponibili agli utenti  dei servizi di car sharing nella maggior parte delle capitali europee, di cui 1.800 in Italia”. 

Mobilize

Dicevamo di Bergamo: in presenza del Sindaco Gori, all’interno della cornice dell’aula Consiliare che si trova a  Palazzo Frizzoni a Bergamo, è stato presentato dal Gruppo Renault, in partnership con la  Concessionaria Oberti Spa della città lombarda, il lancio del primo car sharing 100% elettrico brandizzato Mobilize  gestito direttamente dalla Concessionaria di Bergamo. 

45 Zoe E-Tech electric saranno già disponibili a partire dal mese di giugno e saranno operative sia a Bergamo sia nei 4 comuni limitrofi  (Comune di Lallio, Comune di Seriate, Comune di Orio al Serio, Comune di Brembate). Le  Istituzioni hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa, mettendo a disposizione 20 stazioni totalmente dedicate al car sharing Mobilize, in cui i clienti potranno prelevare e  riconsegnare le vetture in qualsiasi ora e giorno della settimana. 

Il primo car sharing 100% elettrico, lanciato sotto il Brand Mobilize e gestito direttamente  da Oberti, concessionaria del Gruppo Renault, utilizzerà la formula denominata Station Based Round Trip. Questa soluzione di mobilità si contraddistingue per la necessità di  riconsegnare la vettura, a fine corsa, nella stessa stazione di parcheggio in cui è iniziato il  servizio, con il vantaggio di trovare sempre un posto auto a fine corsa. Grazie anche all’ APP dedicata, disponibile da giugno quando il servizio sarà operativo al 100%, il cliente  potrà verificare la disponibilità della vettura, il livello di ricarica e prenotare la Renault Zoe E-Tech Electric nella stazione più vicina alle proprie esigenze.

Personale dedicato si occuperà di gestire le fasi di ricarica delle Zoe, come già avviene per molti operatori del settore. Fra Mar curerà invece la pulizia e l’igienizzazione delle vetture. I vantaggi per l’utilizzatore, all’interno dei comuni che aderiscono all’iniziativa, sono  molteplici: parcheggi gratuiti, possibilità di percorrere le corsie preferenziali e libero  accesso alla ZTL. 

mobilize renault car sharing

Bergamo città simbolo della ripartenza e della rinascita – commenta il Sindaco di Bergamo  Giorgio Gori – significa riempire di contenuti positivi una notorietà che la nostra città ha acquisito,  suo malgrado, nell’ultimo anno per via delle dolorose vicende legate alla pandemia. Ci vogliamo  lasciare alle spalle la vicenda Covid19, dando slancio e liberando le tante energie che  contraddistinguono da sempre questo territorio e la nostra città. Il nuovo car-sharing di Mobilize rappresenta un pezzetto di questo complesso e ricco puzzle di opportunità che Bergamo deve  cogliere per ripartire con convinzione: come Amministrazione lavoriamo da tempo per divenire una  città all’avanguardia nei temi della mobilità sostenibile, è chiaro che questa “prima” di Renault  consente di proseguire lungo questo percorso di crescita, con un parco completamente elettrico e  100% sostenibile. Quella di oggi è anche una sfida: credo che vada riconosciuto il coraggio di  Renault nel fare investimenti importanti nel delicato periodo che stiamo vivendo e soprattutto farlo  nel settore dello sharing, della condivisione, dopo una pandemia globale” 

Francesco Fontana Giusti, Image & Communication Director Renault Group: “Partiamo da  una delle città più verdi d’Italia per lanciare il primo car sharing elettrico Mobilize gestito dai nostri  concessionari e lo facciamo con una concessionaria storica sul territorio: Oberti Spa. Questo è  solo l’inizio ed altri concessionari seguiranno nei prossimi mesi. Il passaggio dalla proprietà all’uso  del veicolo cambia le regole della mobilità; il marchio Mobilize guarda al futuro dell’automobile attraverso nuove soluzioni di mobilità, transizione energetica, gestione dati e servizi finanziari al  servizio della comunità. Il car sharing elettrico sarà una parte importante di questo cambiamento”. 

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Citroen Lifestyle - bike Woman Rider the Citroenist Martone

    Collezione lifestyle Citroen: sorprese speciali per la festa della mamma

    Arexons Go Green

    Arexons e il traguardo dei 100 anni di vita: sempre più sostenibilità