sabato, 15 dicembre 2018 - 5:47
Home / Notizie / Tecnica / Seggiolini auto: tutto quello che c’è da sapere
Seggiolini auto

Seggiolini auto: tutto quello che c’è da sapere

Tempo di lettura: 5 minuti.

Nella sicurezza automobilistica, i sistema di ritenuta o seggiolini auto sono un dispositivo nato per evitare o ridurre le collisioni ed urti dei bambini contro le parti del veicolo o contro gli altri occupanti in caso di incidente stradale. In Italia, il loro utilizzo è reso obbligatorio per chi trasporta ragazzi di peso inferiore a 36 kg e statura inferiore al metro e mezzo dall’articolo 172 del Codice della strada.  Troppo spesso è un componente che viene trascurato, specie in alcune regioni o per brevi tragitti. Ma è proprio in città che avvengono gli urti peggiori ai danni dei più piccoli.

I seggiolini auto anche negli anni non sono una novità. Se i primi, quelli anni ’50, avevano soltanto lo scopo di sollevare il bambino e permettergli di vedere bene fuori dal finestrino, quelli di oggi sono progettati e testati per garantire al 100% la sicurezza. In fondo anche le auto sono cambiate e, probabilmente, anche il nostro modo di guidare.

Obbligatori fino al raggiungimento dei 36 chili di peso, con l’opzione al superamento dei 18 kg (125cm) di poter utilizzare anche gli adattatori, ovvero piccoli sedili a rialzo, che permettono di usare le cinture di sicurezza, passate sotto le alette poste ai lati. Con la recente evoluzione della normativa in Italia, a inizio 2017, i bambini di statura inferiore a 1,50 m devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso, di tipo omologato. 

Come funziona?

Di norma, il sistema di ritenuta è costituito da elementi morbidi (culla, cuscino o guanciale, seggiolino) dotati di dispositivi di regolazione e di fissaggio al veicolo con lo scopo di limitare lo spostamento del corpo (e quindi di ridurre il rischio di lesioni) in casa di brusca decelerazione o di collisione.
Seggiolini auto
Esistono due tipi di ritenuta nei seggiolini auto: quello che prevede un ancoraggio con le normali cinture di sicurezza e quello Isofix. 

Sono attualmente omologati in Italia quattro gruppi di ritenuta regolamentati dalla normativa ECE r44/04:

  • Gruppo 0 (navicella): per bambini da 0 a 10 kg (da 0 a 9 mesi circa). Lettini che permettono al neonato di viaggiare sdraiato;
  • Gruppo 0 + (ovetto): per bambini da 0 a 13 kg (da 0 a 15 mesi circa). Lettini analoghi ai precedenti con una maggior protezione alla testa e alle gambe;
  • Gruppo 1: per bambini da 9 a 18 kg (da 9 mesi fino 4-5 anni circa). Dispositivi che devono essere fissati all’auto attraverso la cintura di sicurezza. La cintura va fatta passare all’interno della struttura del seggiolino e deve essere ben tesa in maniera da impedire qualsiasi spostamento;
  • Gruppo 2: per bambini da 15 a 25 kg (da 4 a 6 anni circa). Cuscini dotati di braccioli e talvolta di un piccolo schienale. Servono a sollevare il bambino in maniera da poter usare, con l’aggiunta di un dispositivo di aggancio, le cinture di sicurezza dell’auto che in questo modo passano nei punti corretti (sopra il bacino e sopra la spalla, invece che sopra il petto e il collo);
  • Gruppo 3: per bambini da 22 a 36 kg (da 6 fino 12 anni circa). Anche in questo caso si tratta di un seggiolino di rialzo, senza braccioli, che serve per aumentare l’altezza del bambino, affinché si possano usare le cinture di sicurezza.

Fino ai 9 chili di peso del bambino, il seggiolino deve essere installato obbligatoriamente in senso contrario a quello di marcia. I seggiolini possono essere posizionati sia sul sedile anteriore che su quello posteriore, nel rispetto di alcuni accorgimenti obbligatori:

  • Gruppo 0 e 0 +: è vietato per legge posizionarli sul sedile anteriore in presenza di airbag inseriti sul lato passeggero;
  • Gruppo 1, 2 e 3: la normativa attuale prevede che possano essere posizionati su qualsiasi sedile dell’auto. E’ opportuno però evitare di posizionarli sul sedile anteriore quando ci sono airbag inseriti.
Seggiolini auto

La presenza di airbag frontali può costituire un serio pericolo per il bambino. Per questo, il seggiolino non va mai installato sul sedile anteriore di una macchina dotata di airbag sul lato passeggero, salvo precedente disattivazione (tramite chiave o tramite menù apposito e led di conferma nel cruscotto). In caso di attivazione dell’airbag questo può lanciare il seggiolino verso lo schienale del sedile con seri danni al piccolo.
Il posto più sicuro per il bambino è in ogni caso il sedile centrale posteriore poiché è il posto più protetto in caso di urto sia frontale che laterale. 

Perché usare il seggiolino?

I dati che fotografano l’utilizzo dei seggiolini sulle strade italiane non è per nulla confortante. In media solo 4 genitori su 10 usano abitualmente i sistemi di ritenuta obbligatori per legge. Se al Nord questa percentuale sale al 59,1 per cento, al Sud e nelle isole precipita al 16,7 mentre al centro si attesta al 40,2 per cento.

Il 33 per cento degli adulti non si premura di fissare correttamente i bambini sui seggiolini se i tragitti sono brevi e le zone poco trafficate. Niente di più sbagliato: la maggior parte degli incidenti avviene, infatti, proprio su strade urbane (74,7 per cento), dove la velocità è più contenuta. Basti sapere che in un impatto a 56 chilometri all’ora, un bambino di 15 chili produce una forza d’urto pari a 225 chili che rende impossibile trattenerlo con le sole braccia. 

Il sistema di ritenuta deve essere omologato e dotato di contrassegno secondo le normative stabilite dal Ministero dei Trasporti: in caso contrario il conducente subisce una sanzione da 80  a 323€ e il decurtamento di cinque punti dalla patente di guida. In caso di reciva nell’arco di un bienno è prevista anche la sospensione della patente. Il seggiolino regolare, ovvero conforme alla normativa europea, deve riportare un’etichetta con gli estremi dell’omologazione. I dispositivi più recenti sono contrassegnati dalla sigla ECE R44-04 – ECE 129. 

Per chi viaggia all’estero con i bambini è bene conoscere i parametri di riferimento locali sui passeggini auto.
Limitate a casi particolari le eccezioni all’obbligo di uso dei seggiolini auto per bambini. Uno è quello di servizio pubblico trasporto con conducente, dove i bambini di statura inferiore a 1.50 metri possono circolare solo sul sedile posteriore accompagnati da un passeggero di almeno sedici anni. Un altro caso è per veicoli che non hanno cinture di sicurezza, ma cui è comunque consentita la circolazione, come alcune auto d’epoca.

Cos’è l’attacco Isofix?
Seggiolini auto

Isofix è un’alternativa migliore al fissaggio dei seggiolini con le cinture di sicurezza in quanto assicura che il fissaggio del seggiolino avvenga correttamente tramite apposite segnalazioni visive. Statisticamente è stato osservato che il fissaggio del seggiolino tramite cinture di sicurezza avviene in modo scorretto nell’80% dei casi. L’Isofix, uno standard di sicurezza concepito per agganciare il seggiolino per bambini al sedile dell’auto in modo diretto ed universale, evita questo problema. I seggiolini sono fissati nella parte alta (un aggancio) ed in basso (due). 
Dal 2014 questo standard è obbligatorio per tutti i nuovi veicoli con 4 o più posti. Uno dei suoi principali vantaggi è la semplicità del sistema di fissaggio e la sicurezza offerta. Si ottengono seggiolini sicuri e omologati quindi, che possono essere posizionati secondo le vetture nel posto accanto al conducente, o in quelli delle file posteriori predisposti, queste ultime genericamente reputate più sicure.

Consigli utili sui seggiolini auto

Vediamo insieme alcuni consigli pratici da tener conto prima dell’acquisto. Ecco cosa analizzare:

  • requisiti minimi di sicurezza: prima di acquistare un seggiolino auto assicurati che sia omologato, cioè rispetti la normativa europea ECE 44.04 (questa sigla deve quindi essere presente sul seggiolino auto) oppure che sia conforme ai nuovi standard di sicurezza ECE R129 che garantisce una maggiore sicurezza;
  • adeguatezza al peso del bambino: ad ogni fascia di peso corrisponde uno specifico gruppo di seggiolini auto. Alcuni coprono più fasce, sceglieteli con cura;
  • novità: è fortemente sconsigliato l’utilizzo di seggiolini auto usati per bambini, a meno che non siamo certi della sua provenienza e storia, cioè di non aver subito incidenti o manomissioni;
  • adattamento alla nostra auto: è consigliato prima dell’acquisto provare il seggiolino auto nella nostra auto per controllare che la misura sia corretta;
  • utilizzo medio del seggiolino: se sarà costantemente tolto e messo in auto è consigliabile un sedile di peso leggero o con una base che rimane in macchina. Se si fanno molti viaggi lunghi, un sedile reclinabile può essere più confortevole per il vostro bambino e conciliare il sonno e via dicendo…

Seggiolini auto

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

Kia Stinger | Focus tecnico

La Kia Stinger è il frutto della elaborazione del concetto gran turismo che Kia aveva anticipato con …