in

Tutte le auto novità 2015: ecco cosa dobbiamo attendere

Tempo di lettura: 4 minuti

Per noi Autoappassionati quello delle feste natalizie è uno dei periodi più belli dell’anno. Già, perché mentre in molti sognano un nuovo profumo, un libro o un maglione, noi malati di automobili continuiamo a pensare ad una e una sola cosa: guidare. E questo, Babbo Natale, pare saperlo molto bene. Proprio così, perché quest’anno il nostro caro Santa Claus sotto l’albero di noi appassionati ha lasciato tante succulente novità in grado di saziare la nostra fame di cavalli e la nostra sete di benzina almeno fino al Natale del prossimo anno.

Piccole indiavolate

Ma andiamo con ordine. Cominciamo con quei modelli che nonostante le notevoli prestazioni che sono in grado di regalare, si posizionano comunque nella fascia del “voglio e magari posso”. Cominciamo, quindi, con la Opel Corsa OPC. La nuova generazione della tutto pepe tedesca dovrebbe fare il suo esordio nel mese di marzo al salone di Ginevra e le premesse non potrebbero essere migliori. Sviluppata partendo dalla base offerta dalla eccellente Nurburgring Edition, infatti, la nuova Corsa OPC non temerà sicuramente la concorrenza delle varie Clio RS, 208 GTI e Fiesta ST. A spingerla dovrebbe esserci il nuovo 1.6 SIDI in grado di sviluppare una potenza di 200/210 CV. Rimanendo nella stessa categoria, ma salendo decisamente in termini di prestazioni, prezzo ed esclusività, troviamo la nuova Mini Cooper John Cooper Works: un nome interminabile per presentare la Mini più arrabbiata di tutte. Dopo aver abbandonato il vecchio propulsore 1.6 in favore di un 2 litri, la nuova JCW ha fatto una nuova scorpacciata di cavalli, portando il totale a  a ben 231, mentre la coppia è arrivata a quota 320 Nm, facendone così la Mini più potente di sempre. A rendere gestibile tutta questa potenza ci penserà un nuovo differenziale autobloccante, mentre i più esigenti potranno scegliere anche un inedito kit di sospensioni a gestione elettronica.

Tanta potenza e tanto spazio

Tra le medie ad alte prestazioni, il 2015 potrebbe essere l’anno del debutto di tre veri e propri mostri. La più certa delle tre è la nuova Honda Civic Type R. L’ultima generazione della più cattiva delle Civic stacca fortemente con il passato, divenendo la prima Type R turbo nella storia del modello. Sotto il cofano scalpiterà un 2 litri V-Tec turbo in grado di erogare 280 CV. Una vera e propria rivoluzione che i nipponici non hanno per niente cercato di nascondere e a dimostrarlo ci sono le enormi appendici aerodinamiche che terranno la nuova Type R inchiodata all’asfalto. Eccessive? Poco importa, questa nuova Civic porta al debutto un V-Tec turbo: tutto le è concesso. Delle altre due novità della categoria non si hanno ancora molte informazioni. La prima è la Nissan Pulsar Nismo Concept. Per ora si tratta di un esercizio di stile volto a valutare eventuali futuri impieghi. E allora, da buoni appassionati quali siamo, perché non immaginarla con il motore della 370Z Nismo? Un bel 3.7 da 344 CV. Infine, l’ultima novità rappresenta la diretta discendenza di quella che per molti ha rappresentato la massima espressione delle sportive di segmento C: la Focus RS. La nuova generazione di questo mostro a trazione anteriore dovrebbe arrivare fra circa un anno, e anche di lei, per ora, si sa poco e niente. Plausibile, però, pensare che a spingerla sarà un nuovo propulsore della famiglia Ecoboost, magari lo stesso 2.3 da 310 CV dell’ultima Mustang. Outsider della categoria è la nuova CLA Shooting Brake AMG: variante station wagon della berlina compatta della Stella che farà il suo debutto a Ginevra proprio nella sua variante più prestazionale. Sotto il cofano il solito 2 litri a quattro cilindri da 360 CV. Una supercar in formato famiglia.

 A tutta potenza

L’ultima parte di questa piccola guida ai modelli da autoappassionati che vedremo più o meno a breve sulle nostre strade, non poteva che essere dedicata alle supercar. La prima arriverà a maggio e  da una parte farà la gioia di molti appassionati, dall’altra farà gridare allo scandalo ai puristi. Si tratta della sesta generazione della Ford Mustang che arriverà per la prima volta in Italia e con un motore tutto nuovo. Si tratta di un 2.3 a quattro cilindri da 310 CV e ben 434 Nm di coppia. A cinquant’anni dal lancio della prima generazione, quindi, una delle muscle car per eccellenza si rivoluziona divenendo più gestibile e alla portata di una clientela più vasta, mantenendo lo stesso stile ma perdendo, forse, un po’ di quel fascino da bullo che solo un V8 o un V6, che comunque restano a listino, sapevano regalarle. La seconda supercar in arrivo, invece, parla italiano. Si tratta dell’Alfa Romeo 4C Spider. I designer hanno mantenuto immutate le linee tanto fluenti quanto aggressive della coupé intervenendo soltanto sul tetto. La principale differenza, quindi, è rappresentata dai nuovi montanti posteriori e dal roll bar a T. Resta immutata, invece, la meccanica, con il 1.750 da 240 CV che qui deve però spingere una massa di 60 kg superiore alla coupé, per un totale di 950 kg. Per gli amanti della Cavallina di Stoccarda, Babbo Natale ha portato la nuova 911 GT3 RS. La più estrema delle 991, un mostro da 3.8 litri che dovrebbe essere in grado di sviluppare una potenza di circa 500 cavalli. Non così tanti in più rispetto alla GT3 normale, ma se a questo aumento di potenza si sommano un’aerodinamica e un assetto tutti nuovi e un peso decisamente più basso, ecco che si ottiene la ricetta perfetta per un’auto da trackday da usare tutti i giorni. L’ultima supercar che abbiamo trovato sotto l’albero è la McLaren Sport Series. Di lei si sa ancora pochissimo, l’unica certezza, infatti, è che rappresenterà il modello di ingresso alla gamma e utilizzerà un telaio in monosocca in fibra di carbonio. Il motore, presumibilmente, dovrebbe essere il solito 3.8 sovralimentato che qui dovrebbe erogare una potenza vicina ai 500 CV.

Non solo prestazioni

Ma Babbo Natale non ha pensato solo a noi appassionati e sotto l’albero ha lasciato anche alcune importanti novità per gente sicuramente più razionale di noi. Per chi ha bisogno di una piccola cittadina maneggevole e dai costi contenuti ci sono le nuove Opel Karl e Ford Ka. La prima è disponibile solo con un 1.0 da 75 CV, mentre la seconda porta al debutto, per la prima volta, le cinque porte. Per chi un’auto è prima di tutto sinonimo di stile, c’è l’Alfa Romeo Giulia. La nuova berlina del Biscione a trazione posteriore che rappresenterà il punto di partenza per il rilancio del marchio. Per gli amanti dei suv, invece, sono tre le novità che bollono in pentola: la Seat Ibx per chi ama le linee squadrate e cerca un’auto da città ma in grado di affrontare anche qualche gita fuori porta, la nuova Suzuki Vitara, per chi in fuoristrada ci va pesante e la Mercedes GLE Coupé, il primo suv coupé della Stella per andare ad infastidire la BMW X6.

Insomma, Babbo Natale è stato davvero bravo con noi e ci ha regalato tante novità che non vediamo l’ora di mettere in moto. Ma se abbiamo fatto i buoni per Babbo Natale, cerchiamo di non esserlo troppo per la befana, perché da lei vogliamo tanto, tanto…carbonio.

di Mr. NasCar

Dì la tua

Mercato Auto dicembre 2014: +2,35% sul 2013, ma -2,9% rispetto al 2012

Dakar 2015: il rally-raid è ufficialmente partito