in

1990: la Citroen 2CV usciva di produzione ed entrava nella storia

Citroen 2CV
Tempo di lettura: 2 minuti

30 anni fa l’ultima Citroen 2CV esce dalla catena di montaggio nello stabilimento di Mangualde, in Portogallo. Era il 27 luglio del 1990 e rappresentava la fine della storia di un successo di 41 anni di un veicolo economico ricco di innovazioni.

Iniziava, però, una popolarità ininterrotta fino ad oggi. La Citroen 2CV è stata progettata appositamente per un ampio pubblico in un momento in cui l’automobile era ancora un oggetto di lusso. Era un veicolo economico, con caratteristiche innovative, che doveva rispondere alle esigenze della clientela dell’epoca. La 2CV ha conquistato le masse con questo eccezionale concetto: nel 1990 gli esemplari complessivamente venduti superavano i 5,1 milioni di veicoli (comprese le versioni Fourgonnette).

Citroen 2CV: simbolo di libertà

Dopo la guerra, Citroën riprese a lavorare sul progetto e la 2CV, modello completamente rivisto rispetto alla TPV, fu presentato il 7 ottobre 1948, al Salone dell’Automobile di Parigi.

La prima piccola berlina con trazione anteriore in tutto il mondo offriva spazio, era senza pretese, simpatica ed economica; in breve ha conquistato il pubblico. La Citroen 2CV divenne l’espressione di una nuova filosofia del trasporto individuale e un simbolo di libertà e gioia di vivere.

A causa delle scarse materie prime, Citroën inizialmente era in grado di garantire una produzione limitata. Ciò ha comportato in breve liste di attesa fino a sei anni. Il prezzo di acquisto della Citroen 2CV era molto basso, così come i costi di manutenzione dovuti alla semplice tecnologia. Infatti, era economica in termini di consumi e richiedeva poca manutenzione.

Il modello unico divenne immediatamente un bestseller. Dopo che l’ultima 2CV uscì dallo stabilimento Citroen a Mangualde (Portogallo) il 27 luglio 1990, la piccola 2CV si trasformò in un veicolo di culto. Oggi, come nessun altro modello, è sinonimo di libertà, fascino francese, anticonformismo e avventura. Ancora oggi, migliaia di appassionati la collezionano e ne fanno il simbolo del loro stile di vita.

Gentlemen driver

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

toyota wehybrid

Toyota WeHybrid: un ecosistema di servizi che premia la guida pulita

prove libere f1 silverstone

Prove libere F1 Silverstone: Hamilton non desiste, Vettel si ferma