in

25 anni di Mercedes-Benz 190 E 2.5-16 Evolution II

Tempo di lettura: 2 minuti

La 190 E 2.5-16 Evolution II è stata una delle prime protagoniste nella storia della berline sportive della Stella. Già dal suo debutto, 25 anni fa al Salone Internazionale di Ginevra, l’icona della serie W 201 conquista da subito i consensi di appassionati ed esperti del settore.

In occasione di questo speciale anniversario, vogliamo ricordare questa vettura con la nostra prova su strada, proprio a bordo di un raro esemplare della “Evo II” (qui la prova). La versione sviluppata per le competizioni nel gruppo A diventa in breve tempo una vera leggenda: con la ‘Evo II’ Mercedes-Benz conquista, infatti, i primi tre posti nel campionato DTM nella stagione 1992.

Compatta, potente e muscolosa: la Mercedes-Benz 190 E 2.5-16 Evolution II è sinonimo di temperamento e sportività e, fin dal suo debutto, pone le basi per la nuova vettura da turismo con cui Mercedes-Benz partecipa al Campionato Tedesco Turismo (DTM). Allo stesso tempo, la Evo II si afferma come indiscussa protagonista nella nuova offensiva di prodotto della Casa di Stoccarda. 25 anni fa, proprio questa vettura, ha inaugurato la tradizione di vetture ad alte prestazioni come quelle oggi offerte da Mercedes-AMG, che trova oggi la sua naturale erede con Classe C e con l’attuale C 63 S serie 205.

La Evo II ha reso giustizia alla propria storia grazie all’evoluzione del motore oversquare 2.5 adottato a partire dalla 190 E 2.5-16 Evolution, che ha dimostrato un’eccellente stabilità a tutti i regimi fin dall’introduzione nel 1989. La potenza del motore, ulteriormente aumentata rispetto al primo modello di Evolution dell’anno precedente, è in grado di erogare ben 173 kW (235 CV) rispetto ai precedenti 143 kW (195 CV). La velocità massima della Evo II è di 250 km/h, e accelera da 0 a 100 km/h in 7,1 secondi.

Anche la carrozzeria subisce interventi sia a estetico che tecnico. Al telaio della Evo II, precedentemente modificato per l’impiego su circuito, sono stati abbinati cerchi da 17” (anziché da 16”). L’aerodinamica della vettura è stata migliorata con l’adozione di nuovi paraurti anteriori e posteriori con spoiler integrati, passaruota integrati nella linea della carrozzeria ed un alettone dal profilo pronunciato. Complessivamente sono stati prodotti 502 esemplari di Evo II, disponibili esclusivamente in blu e nero metallizzati. Al momento della lancio, la Evo II veniva venduta a un prezzo di 115.259,70 o 119.717,10 marchi con climatizzatore.

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Range Rover Autobiography: da 21 anni ridefinisce i canoni del lusso

Autoappassionati

Citroen C4 Cactus in viaggio con Le Iene