sabato, 20 ottobre 2018 - 4:25
Home / Alfa Romeo a Ginevra 2013
Alfa Romeo a Ginevra 2013 - 4C

Alfa Romeo a Ginevra 2013

Tempo di lettura: 2 minuti.

Alfa Romeo ritorna al Salone di Ginevra con uno stand di forte impatto visivo che si sviluppa come una strada sinuosa e dinamica, il luogo ideale per presentare in anteprima mondiale l’Alfa Romeo 4C, ‘supercar compatta’ che rappresenta l’essenza della sportività incarnando i valori autentici del brand: stile italiano, prestazioni, ed eccellenza tecnica finalizzata al massimo del piacere di guida in piena sicurezza.

Progettato dall’Alfa Romeo e prodotto nello stabilimento Maserati di Modena, l’affascinante coupé a “2 posti secchi”, con trazione posteriore e motore in posizione centrale, sarà commercializzato nel corso del 2013 e sarà la prima vettura a riportare il marchio italiano negli Stati Uniti rafforzando così il piano di crescita globale di Alfa Romeo.

Derivata direttamente dal concept che destò grande ammirazione al Salone di Ginevra 2011, l’Alfa Romeo 4C impiega tecnologie e materiali derivati dalla 8C Competizione – carbonio, alluminio, trazione posteriore – e tecnologie proprie di modelli Alfa Romeo attualmente in commercio ma profondamente evolute per esaltare al massimo la sportività della nuova vettura. Lo dimostrano il nuovo 1750 Turbo Benzina con iniezione diretta e basamento in alluminio, il sofisticato cambio automatico a doppia frizione a secco “Alfa TCT” e il selettore Alfa D.N.A. con l’inedita modalità Race.

Una lunghezza di circa 4 metri e un passo inferiore a 2,4 metri, da una parte mettono in risalto le doti di compattezza della vettura, dall’altra parte ne accentuano le caratteristiche di agilità. Inoltre, le eccellenze dinamiche dell’Alfa Romeo 4C sono confermate da un rapporto peso/potenza minore di 4 Kg/CV, è un valore da vera ‘supercar’. Questa vettura dichiara dunque di “essere Alfa” fino in fondo confermando quell’anima sportiva che sul percorso misto, o meglio ancora sulla pista dove la velocità e le accelerazioni trasversali diventano più impegnative, restituisce sensazioni uniche alla guida.

Il pubblico del salone di Ginevra potrà ammirare alcuni esemplari dell’Alfa Romeo 4C esposti ed avrà anche la possibilità di approfondire toccandoli con mano i contenuti tecnologi più innovativi: il gruppo motore-cambio sezionati per visualizzarne il cuore nei minimi dettagli e lo chassis in fibra di carbonio sospeso per enfatizzarne la leggerezza e circondato da un profilo trasparente che riprende la linea della 4C per aiutare il visitatore a contestualizzare la posizione della scocca rispetto al corpo vettura
Accanto all’Alfa Romeo 4C sfilano anche due esemplari di MiTo: una Limited Edition Superbike 170 CV in edizione limitata di 200 esemplari e una Serie Speciale Superbike 1.4 135 CV TCT personalizzata con l’originale KIT SBK. Entrambe le versioni speciali si ispirano alla MiTo Safety Car Ufficiale del “FIM SBK Superbike World Championship”, a testimonianza di un connubio vincente tra il Brand e il Campionato che va avanti dal 2007 e che esprime al meglio lo stile e l’esperienza motoristica italiana nel mondo.

Riflettori puntati anche sull’Alfa Romeo Giulietta che a Ginevra porta al debutto la nuovissima versione Veloce, un nome evocativo della tradizione Alfa Romeo, nato nel 1956 proprio insieme a Giulietta. Le versioni così denominate furono create con il preciso scopo di identificare vetture contraddistinte da specifiche dotazioni che ne enfatizzassero il carattere sportivo . Oggi, come allora, Giulietta Veloce risponde alle esigenze di una clientela alla ricerca di contenuti e dettagli estetici dal sapore particolarmente distintivo e sportivo. Il risultato finale è una vettura dal forte impatto visivo che esalta al meglio i valori Alfa Romeo.

Accanto a questa novità il pubblico potrà ammirare anche la potente Giulietta Quadrifoglio Verde e la Giulietta allestita con l’esclusivo pack “QV Sportiva” -dedicato a tutti i clienti che sono alla ricerca di un’auto con prestazioni esaltanti, dotazioni tecnologiche al top ed una caratterizzazione estetica più marcata.

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

Méhari

Citroen Mehari: 50 anni di storia festeggiati al Salone di Padova

Emblema di un’epoca e simbolo di vita spensierata e semplice. 50 anni di Citroen Mehari …

something