venerdì, 5 Giugno 2020 - 5:41
Home / Notizie / Curiosità / Stabilimento Maserati di Modena, la casa di Alfa Romeo 4C

Stabilimento Maserati di Modena, la casa di Alfa Romeo 4C

Tempo di lettura: 3 minuti.

Abbiamo visitato lo stabilimento di Maserati che si trova in Viale Ciro Menotti a Modena, in occasione della presentazione della nuova linea di produzione di Alfa Romeo 4C.

Considerato il background storico e recente, era dunque naturale che il Gruppo Fiat, dopo la scelta di produrre la 8C Competizione proprio a Modena, si rivolgesse di nuovo a Maserati per la produzione di serie dell’Alfa 4C.
Le modalità operative di questo stabilimento si allontanano dalle logiche della “mass production” per entrare in una dimensione decisamente più artigianale. Basti pensare che il ‘takt time’ minimo – la velocità di produzione necessaria per garantire la consegna – è di 20 minuti: un dato che fa capire la peculiarità di questa fabbrica se confrontato con gli “stabilimenti mass production” in cui il ‘takt time’ più breve è intorno ai 50 secondi.

Gli operatori impiegati nello stabilimento sono tutti esperti, donne e uomini molto giovani – l’età media è di circa 29 anni e il 60% possiede un diploma o una laurea – e con un’esperienza media di oltre 5 anni sui modelli Maserati. Una vera e propria élite di professionisti della produzione che possono operare con cognizione anche su 40 stazioni diverse e realizzare attività che vanno dai 20 ai 40 minuti con la capacità di padroneggiare praticamente per intero tutto il flusso produttivo.

Per la produzione della supercar Alfa Romeo sono state allestite le Officine 4C, ovvero aree specifiche per le operazioni di ‘scoccatura’ e ‘montaggio’ mentre le zone di ‘testing’ e ‘finizione’ sono condivise con la produzione Maserati.

Scocca Alfa Romeo 4c

Area della ‘scoccatura’

Qui viene assemblata la struttura primaria della 4C creando prima il “body in white” della vettura e poi mettendo le prime “pelli”. In particolare, nella stazione n. 10 della linea gli addetti uniscono la monoscocca in carbonio ai due telai, anteriore e posteriore, e alle traverse. È un’operazione che viene effettuata manualmente, controllando durante tutto il processo la conformità di quei parametri, come ad esempio la “coppia angolo” dei serraggi, che garantiscono che gli elementi collegati restino perennemente uniti anche nelle più gravose condizioni d’esercizio.

Sala metrologica

Terminata la fase di scoccatura, il “body in white” di 4C affronta il controllo di qualità in sala metrologica. Ogni giorno alcune scocche prese a campione sono oggetto di una misurazione ad altissima precisione. Il team dedicato controlla oltre 400 punti di misura per essere certi che la scocca sia perfetta a livello geometrico e dimensionale.

Verniciatura e Montaggio

Montaggio Alfa Romeo 4C

La fase successiva alla scoccatura è la verniciatura, l’unico processo che viene realizzato fuori dallo stabilimento Maserati. Una volta verniciati, i “body in white” rientrano per “essere diffusi” sulla Alfa Romeo 4C. Da sottolineare che la nuova supercar compatta è l’unica vettura a iniziare il suo percorso di montaggio con un’operazione di ‘smontaggio’. Infatti, prima di assemblare i componenti interni nella stazione n. 1, si ritorna alla struttura primaria della vettura togliendo le parti già verniciate, come cofano e portiere, e parti strutturali, come i tralicci posteriori e la barra duomo. Solo adesso viene allacciata al gancio girevole.

In questa zona la professionalità della persona è al centro dell’intero processo, tutti i componenti necessari per produrre la 4C arrivano alle diverse stazioni nella quantità giusta, al posto giusto e nel momento giusto. Ad esempio, nella stazione 2 la vettura si solleva o si gira per offrire sempre il lato delle operazioni all’altezza idonea per garantire alle persone di esercitare al meglio la propria abilità manuale.
Anche operazioni come il montaggio dei cristalli, che altrove sono realizzate da robot, nello stabilimento di Modena sono affidate alla cura e all’attenzione delle persone. Molti dei sottogruppi della vettura – ad esempio proiettori e plancia – sono assemblati qui in fabbrica a differenza di quanto avviene in altri siti industriali dove arrivano già montati dai fornitori.

Area testing, prova su strada e finizione

Test Alfa Romeo 4C

Il Testing è l’unica fase del processo produttivo affidata alla tecnologia in quanto serve a oggettivare la qualità delle prestazioni. In particolare, i sistemi controllano rigorosamente ogni dettaglio della vettura, a partire dal funzionamento ottimale del climatizzatore fino al comportamento dinamico passando per il setting di tutti i componenti meccanici.
Superata l’area Testing, tutte le 4C prodotte affrontano un test su strada di 40 km nelle mani di un collaudatore esperto. Anche questa è una pratica tipica delle supercar più prestigiose. I piloti rappresentano il fiore all’occhiello della Casa, tutti esperti, appassionati di guida sportiva e di corse oltre che ineccepibili professionisti.
Si giunge così quasi al termine del flusso produttivo di 4C quando le vetture raggiungono l’area Finizione dove sono sottoposte alle ultime operazioni di messa a punto prima di passare alla logistica commerciale per andare sul mercato.

[iframe width=”400″ height=”300″ src=”http://video.alfaromeopress.com/v/149399?embedded=1″ frameborder=”0″ scrolling=”no” ]

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

L'auto ci muove Mazda

L’auto ci muove: un manifesto per dare voce all’auto [VIDEO]

Mazda Italia dà voce al mondo automotive e a quanti vivono con passione l’auto per …