in

Alfa Romeo Giulia GTAm Coupé: in rete l’idea della berlina ancor più aggressiva

giulia gtam coupé render
Tempo di lettura: < 1 minuto

Non c’è nulla da fare, togli un (mezzo) volume a una qualsiasi berlina e otterrai qualcosa di più energico, quasi strafottente. Non è da meno questo render catturato in rete e opera della pagina Instagram Carlifestyle, la quale ha elaborato la nuova Giulia GTAm in una versione coupé che lascia senza fiato. 

La famosa Alfa Romeo GTV, quella che Marchionne illustrò nella sua penultima uscita pubblica nel giugno 2018, avrebbe potuto essere proprio così. Il designer ha così voluto immaginare una Giulia GTAm sicuramente più compatta ma anche senza il vistoso alettone che invece rappresenta un tratto caratteristico della versione vitaminizzata della berlina italiana. 

Si riduce l’ampiezza della superficie vetrata a favore di un tetto più affusolato nel suo volersi raccordare al posteriore, che qui non compare. Si nota invece qualcosa di nuovo sul muso, con un paraurti ancor più spinto mentre le nervature del cofano vengono confermate in toto, a voler portare lo sguardo verso quel trilobo che non smette mai di sorprendere. 

Altra soluzione per migliorare la penetrazione aerodinamica è la scomparsa delle maniglie delle portiere, che vengono integrate nella carrozzeria per “scomparire” nella vista d’insieme. Altro ritocchino alle minigonne, con qualcosa di più estremo per portare l’aria là dove serve. Servirebbe una progettazione quasi ex novo ma ciò che non verrebbe sicuramente rivisto è il poderoso 2.9 V6 biturbo da 540 CV che è stato promosso, e non poteva essere altrimenti, anche da Antonio Giovinazzi e Kimi Raikkonen, recentemente impegnati a testarlo sulla pista FCA di Balocco

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Cinque decadi fa vedeva la luce la Lamborghini Jarama GT, ultima evoluzione del concetto di berlinetta granturismo 2+2 con motore 12 cilindri in posizione anteriore. Presentata al Salone di Ginevra 1970, la Jarama venne chiamata così in omaggio a un famosa zona a nord di Madrid a sua volta nota per l’allevamento dei tori da corrida. Basata tecnicamente sulle precedenti 400 GT e Islero, venne curata stilisticamente dal grande Marcello Gandini e il risultato è sotto gli occhi di tutti. Pur arrivando al principio degli anni ‘70, si notano subito le linee tese e angolari che sarebbe poi diventate un simbolo di quel decennio e che la sapiente matita dello stilista italiano seppe interpretare alla perfezione. Tecnicamente, la ciclistica viene rinnovata, con un impianto frenante a 4 dischi (anteriori autoventilati) di grandi dimensioni, la carreggiata allargata di 10 centimetri, adesso a 1490 mm, e i cerchi in magnesio Campagnolo da 15”. Il motore, alimentato da 6 carburatori doppio corpo Weber 40 DCOE, è il collaudato V12 di Sant’Agata, con doppio albero a camme in testa per ogni bancata, capace di 350 CV per una velocità massima di 260 Km/h. Una parte degli esemplari venne assemblata presso gli stabilimenti della Carrozzeria Marazzi vicino a Varese, là dove prima sorgeva la Islero, un’altra direttamente nella sede della Carrozzeria Bertone a Grugliasco, in provincia di Torino. Gli ultimi 100 esemplari di Jarama prodotti, 1972, saranno un “ibrido”, con i pannelli carrozzeria stampati da Bertone e l’assemblaggio presso la Marazzi. Gli interni sono lussuosissimi, con rivestimento in pelle ed aria condizionata, e un’abitabilità di tutto rispetto per una vettura sportiva, capace anche di offrire un bagagliaio degno di questo nome. Nel 1972 arriva la Jarama GTS: potenza aumentata a 365 CV, una nuova presa d’aria e una nuova plancia in abitacolo. Diversi, sulla “GTS” anche i cerchi in lega, meno elaborati e senza il dado singolo centrale. La Jarama GT e poi GTS si è ritagliata uno spazio nella storia della Casa. Viene ricordata, come detto, come una delle prime vetture a proporre quei canoni che sarebbero poi diventati un riferimento in quegli anni ma anche perchè è stata l’ultima granturismo con motore anteriore proposto dalla Casa di Sant’Agata Bolognese. Da lì in poi, eccezion fatta per i Super SUV LM 002 e Urus, le Lamborghini avranno solo il motore posteriore. Unità prodotte di Lamborghini Jarama GT Lamborghini Jarama GT: 1970-1973, 176 Lamborghini Jarama GTS: 1972-1976, 152

    Lamborghini Jarama GT: i 50 anni della berlinetta granturismo

    amazon music e waze

    Waze Audio Player: nasce l’integrazione tra Waze e Amazon Music