in

All’asta uno dei 349 esemplari di Ferrari F50: prezzo oltre i 4 milioni

Ferrari F50
Tempo di lettura: < 1 minuto

Andrà all’asta uno dei 349 esemplari esistenti di Ferrari F50, si tratta a dire il vero di una delle 55 vetture previste per il mercato statunitense. La base d’asta si aggirerà tra i 3,4 e i 4 milioni di euro con previsioni di rialzo molto promettenti considerando l’ottimo stato della vettura.

La F50 in questione è stata prodotta ormai 25 anni fa, era il 23 febbraio 1996, e venne consegnata pochi giorni dopo al famoso collezionista Stanley Cohen di Windsor. La concessionaria era la Miller Motorcars, tutt’oggi attiva e specializzata nella vendita di auto di lusso come Maserati, Aston Martin, Bugatti e per l’appunto Ferrari.

La vettura è rimasta con lo stesso proprietario per ben 22 anni, per tutto questo tempo la manutenzione fu affidata esclusivamente a Thomas Passalacqua, lo stesso tecnico che aveva effettuato i controlli sulla vettura prima che uscisse dalla linea produttiva. Queste amorevoli cure hanno permesso alla bella F50 di rientrare, nel gennaio 2013, nello speciale archivio della casa madre che certifica le “Ferrari Classiche“.

Nonostante ciò le cure del proprietario non si sono fermate e nel 2017 sono stati spesi più di 50.000 dollari in manutenzione. Stanley Cohen deve aver realmente amato questa vettura e se l’amore è libertà lo si evince anche dai quasi 10.000 km percorsi, non tantissimi, ma certamente lontano dalle poche centinaia di km che percorrono i collezionisti per mantenere alto il prezzo dei loro investimenti.

Nel 2018 l’amata F50 è stata venduta e costantemente sottoposta a tutti gli interventi di manutenzione necessari. Oggi potrebbe essere vostra, pensate di partecipare all’asta?

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    green pass italia

    Green Pass: dal 1° settembre obbligatorio per navi, aerei e treni

    peugeot 106

    La Peugeot 106 compie 30 anni: riviviamo la sua storia