in

Codacons: la guida per risparmiare fino al 30% su consumi e carburante

sciopero benzinai
Tempo di lettura: 2 minuti

In 20 anni il prezzo del gasolio alla pompa ha registrato un rincaro record del +68,5%, mentre un litro di benzina costa in media il 44% in più. Lo afferma il Codacons, che ha realizzato una indagine mettendo a confronto i listini medi dei carburanti praticati in Italia tra giugno 2001 e giugno 2021, analizzando i dati ufficiali del Mise.

“A giugno 2001 un litro di benzina costava in media alla pompa 1,110 euro, mentre il prezzo medio del gasolio era di 0,865 euro/litro – spiega il presidente Carlo Rienzi – Oggi, in base all’ultimo monitoraggio settimanale del Mise, un litro di verde costa 1,599 euro, il diesel 1,457 euro al litro. Tradotto in soldoni per un pieno ad un’auto di media cilindrata si spendono oggi +24,5 euro per una vettura a benzina, e addirittura +29,6 euro per l’auto diesel rispetto a 20 anni fa”.

 Prezzi giugno 2001Prezzi giugno 2021Diff. %+ costo a pieno
Benz.1,110 €/l    1,599 €/l    +44%     +24,5 euro
Diesel0,865 €/l         1,457 €/l    +68,5%    +29,6 euro

Risparmiare sui rifornimenti di carburante, tuttavia, è possibile. Il Codacons ha elaborato in tal senso una guida utile per aiutare gli automobilisti a contenere fino al 30% la spesa relativa al pieno di benzina e gasolio.

 La guida per risparmiare fino al 30% sul rifornimento di carburante

  1. Guidare in maniera morbida e fluida. Occorre evitare di tirare le marce e di superare i 2.500/3.000 giri del motore. Accelerare e frenare in continuazione rappresenta un vero salasso.
  2. Scegliere il benzinaio che applica i prezzi più bassi, aiutandosi con App e siti web che indicano le pompe più economiche.
  3. Effettuare i rifornimenti in modalità self service, i costi sono inferiori rispetto al “servito”.
  4. Prediligere i distributori indipendenti che spesso, essendo piccole attività a conduzione familiare, praticano prezzi estremamente convenienti.
  5. Prima di un lungo viaggio, è opportuno fare un pieno presso un benzinaio con prezzi contenuti e in città, perché le pompe in autostrada applicano costi in media molto più elevati.
  6. Prediligere le marce alte consente di risparmiare anche il 10% di carburante.
  7. Fondamentale è la pressione dei pneumatici. Se le gomme non sono gonfie al punto giusto, si consuma tra l’1% e il 2% in più.
  8. Limitare l’uso del condizionatore d’aria. Sì, può sembrare un sacrificio eccessivo, quando l’estate è in arrivo, ma basta usarlo in maniera intelligente. Se lo si spegne o lo si tiene in efficienza, il risparmio può essere di circa il 10% di carburante.
  9. Alleggerire il peso dell’automobile, evitando di portarsi dietro oggetti pesante e inutili.
  10. Chiudere i finestrini e, se non serve, eliminare il portapacchi. Fondamentale è non alterare l’aerodinamica della vettura, altrimenti i consumi salgono notevolmente.
  11. Spegnere il motore il più possibile, soprattutto in città. Stare fermi nel traffico con motore acceso e magari il condizionatore attivo significa sprecare molto carburante, circa il 30% in più.
  12. Utilizzare l’automobile soltanto se e quando necessario. Si tratta di una scelta di vita. Riscoprite le passeggiate e usate l’auto soltanto quando davvero non se ne può fare a meno.

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Pomigliano

    Alfa Romeo Tonale: i primi muletti scendono in strada

    Ferrari J50

    Uno dei 10 esemplari di Ferrari J50 è ora in vendita a Tokyo