in

DS 3 Crossback: l’allestimento Performance Line. Design e tecnologia

ds drive assist
Tempo di lettura: < 1 minuto

La DS 3 Crossback si caratterizza per il suo stile scultoreo e per i contenuti tecnologici degni di una premium, con un’ampia gamma di motori per soddisfare le esigenze di tutti. Con l’allestimento Performance Line cresce ulteriormente lo stile e la tecnologia a bordo. 

DS Automobiles ha sviluppato una serie di allestimenti che vanno a completare l’ampia gamma DS 3 Crossback: So Chic, Performance Lune e Business. Se dal punto di vista economico la differenza è minima, da quello dei contenuti la storia cambia. Ciascuno di essi si arricchisce di elementi specifici adatti a differenti preferenze.

Performance Line: il più sportivo

L’allestimento Performance Line di DS 3 Crossback esalta l’aspetto sportivo della vettura. Agli equipaggiamenti di serie aggiunge cerchi in lega da 17” Dubai, vetri oscurati, radio, touchscreen da 7” con USB Bluetooth e ben 8 altoparlanti. Senza contare la grande presenza di Alcantara nera all’interno dell’abitacolo, che ricopre i sedili, i pannelli delle portiere e il cruscotto. 

Allestimento Performance Line: tutti gli equipaggiamenti

La DS 3 Crossback completa la lista dell’allestimento con diversi altri elementi: DS Wings Nero opaco, griglia della calandra nero brillante, inserti guilloché “Clous de Paris” Nero opaco, telecomando con personalizzazione in trama DS, ancoraggi ISOFIX (sedile passeggero e 2 posteriori), volante e pomello in pelle pieno fiore, plafoniera LED, maniglie di sostegno sopra i sedili posteriori, aletta parasole con specchietti di cortesia a LED, tappetini anteriori e posteriori Performance Line, pedaliera in alluminio e soglie portiera in alluminio. Prezzo di partenza? Da 27.450 euro con il PureTech 100 manuale.

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    why-buy bmw

    WHY-BUY EVO: cos’è e come funziona il Leasing Operativo di BMW

    bugatti rimac

    Bugatti venduta a Rimac: cosa succederà allo storico Marchio?