sabato, 21 aprile 2018 - 15:45
Home / Notizie / Novità / Lamborghini Huracán Spyder: tutte le informazioni

Lamborghini Huracán Spyder: tutte le informazioni

Tempo di lettura: 2 minuti.

Lamborghini presenta al Salone di Los Angeles la Huracán RWD Spyder, che abbina perfettamente l’appeal tipico della cabrio della Casa di Sant’Agata Bolognese allo spirito della vera supercar grazie al motore da 580 CV abbinato alla trazione posteriore.

La RWD Spyder amplia la gamma dei modelli chiave della famiglia Huracán”, ha dichiarato Stefano Domenicali, Chairman e Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini. “Offre il fascino unico di una guida open-air e le emozioni che derivano dalla tecnologia a trazione posteriore. Questa Lamborghini è progettata non solo per chi intenda sperimentare un’autentica esperienza di guida su strada, ma anche per coloro che si affacciano per la prima volta sul mondo Lamborghini e desiderano provare una vera Spyder senza scendere a compromessi in termini di handling e prestazioni”.

L’ultima arrivata della famiglia Huracán vanta un look dinamico più aggressivo grazie alle grandi prese d’aria frontali, caratteristica che la distingue dalla versione a trazione integrale. Il suo motore V10 aspirato da 5,2 litri eroga 580 CV  solo sull’asse posteriore, grazie a un peso a secco di soli 1.509 kg che offre un rapporto peso/potenza di 2,6 kg/CV. L’accelerazione da 0 a 100 km/h viene raggiunta in 3,6 secondi, con una velocità massima di 319 km/h. Gli pneumatici Pirelli PZero, sviluppati in esclusiva per la Huracán a trazione posteriore, sono montati su cerchi Kari da 19”. I dischi freno in acciaio dai profili sagomati con copridisco in alluminio contribuiscono alla riduzione del peso e a un migliore raffreddamento. All’interno, l’abitacolo è dotato del nuovissimo Lamborghini Infotainment System II con display TFT ad alta risoluzione da 12,3”.

Lambo Spyder Off

Da cabrio quale è, la capote è quella di una vera Spyder e si apre e chiude in 17 secondi a velocità fino ad una velocità di 50 km/h e si ripiega in modo efficace per garantire sempre il perfetto baricentro, oltre a distinguere il design tipico di ogni supercar scoperta. Quando la capote è aperta emergono dal vano di alloggiamento due pinne che enfatizzano il design basso e scolpito della Huracán Spyder, andando a prolungare la linea del tetto verso il retrotreno, oltre ad ottimizzare i flussi d’aria. Sono stati inoltre previsti due deflettori laterali rimovibili che attutiscono il rumore dei fruscii aerodinamici nell’abitacolo e permettono di conversare anche ad alte velocità.

Lambo Spyder On

Il pulsante ANIMA (Adaptive Network Intelligent Management) posto sul volante permette al conducente di adottare diverse modalità di guida, calibrate per adattarsi meglio proprio all'”anima” di questo modello a trazione posteriore: STRADA, per un uso quotidiano, SPORT, per una guida sportiva e divertente, e CORSA per sperimentare prestazioni racing di massimo livello, magari in pista. Tutte sono tarate per enfatizzare il carattere sovrasterzante tipico di un’autentica trazione posteriore.

Interni Lambo Spyder

Come in tutti i modelli Huracán, la disattivazione dei cilindri migliora l’efficienza del motore, riducendo il consumo di carburante e le emissioni di CO2. Quando non è richiesta la potenza massima del motore, cinque dei dieci cilindri vengono temporaneamente disattivati attraverso lo spegnimento di una bancata. Appena il pilota preme a tavoletta il pedale del gas, il sistema riattiva immediatamente i dieci cilindri per garantire il massimo della potenza.

La Huracán Spyder sarà disponibile sui mercati di tutto il mondo a partire da gennaio 2017, con un prezzo compreso tra quello delle versioni Coupé a trazione integrale e a trazione posteriore, andando a completare la gamma dei modelli chiave Huracán.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Fiat 500 Collezione

Fiat 500 Collezione: parte dalla Design Week di Milano il tour europeo

Tempo di lettura: 2 minuti. Come annunciato, ieri la Fiat 500 Collezione ha debuttato in anteprima nazionale alla Milano Design Week. …

something