in

F1 2014: il simulatore di emozioni

Tempo di lettura: 2 minuti

L’appuntamento per una vera e propria novità è rimandato al 2015 con le nuove consolle, per quest’anno ci si gode però il canto del cigno delle sempreverdi PlayStation 3 e Xbox 360, che con gioco F1 2014 si esprimono in tutta la maturità che le contraddistingue.

In F1 2014 i cambiamenti riespetto alle versioni precedenti sono principalmente a livello del regolamento del campionato stesso: quest’anno c’è stata una specie di rivoluzione nel Circus che ha coinvolto i motori, l’aerodinamica e infine l’introduzione di circuiti nuovi definita, dagli addetti ai lavori, “la più importante negli ultimi 60 anni”.

Per quanto riguarda i motori da quest’anno si segnala la reintroduzione dei motori turbo (in pieno stile anni 80) ma con cilindrata 1600 cm³ V6 e molto più efficienti, mentre fanno la loro comparsa il Gran Premio di Sochi, il Gran Premio del Bahrein in versione notturna e il circuito di Hockenheim tornerà ad ospitare il Gran Premio di Germania.

Mentre il Campionato del Mondo di F1 2014 sta volgendo al termine, letteralmente dominato dai due piloti Mercedes-Benz in lizza per il titolo, Codemasters, lancia il simulatore di guida ufficiale a esso dedicato, approdato alla quinta iterazione da quando la software house britannica, nel 2008, ne acquistò la licenza. F1 2014 rappresenta dunque l’ultimo capitolo espressamente pensato per la cosiddetta vecchia generazione è indubbio che la produzione stia per evolversi sotto una nuova veste, necessaria per i limiti maturati dal collaudato Ego Engine.

f1 2014 b

Confermata un’offerta corposa dal punto di vista delle modalità, una volta nell’abitacolo delle monoposto F1 2014 sfoggia il suo modello di guida ben collaudato: non bisogna aspettarsi una ricerca esasperata del realismo, bensì una via di mezzo tendente soprattutto alla credibilità di quanto accade in pista. Guidare con gli aiuti disattivati richiede notevole impegno, una attentissima parzializzazione del gas in uscita di curva, in caso di scarsa aderenza e un’accorta gestione dei contatti con gli avversari per evitare danneggiamenti e penalità, a cui bisognerà aggiungere l’impostazione di una strategia sensata per il cambio delle gomme, il tutto in conseguenza dei cambiamenti climatici dinamici, i quali possono variare notevolmente durante la gara.

Da sempre Codemasters è maestra nel ricreare l’emozione della guida, certo i simulatori di alto livello offrono un modello fisico ben più elaborato, ma F1 2014 si difende ancora egregiamente, sicuramente le aspettative per il 2015 sono più alte. Gli incidenti e la gestione dei danni rimangono un punto debole del gioco, invece abbiamo apprezzato la resa visiva dell’effetto pioggia, specialmente nelle visuali dall’interno dell’abitacolo o dal casco.

f1 2014 c

Insomma un ottimo gioco per sfidare gli amici o la famiglia intera a bordo delle monoposto più performanti del mondo, nei circuiti più blasonati del mondo, ancor meglio con i volanti dedicati per aumentare le sensazioni della “guida da pilota”.

 

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Nuova Mazda2: pioggia di premi

Autoappassionati

TomTom Telematics allo SmartMobilityWorld