in

Accordo Porsche Red Bull in Formula 1: perchè l’ufficialità tarda ad arrivare

red bull rb18
Tempo di lettura: < 1 minuto

Porsche e Red Bull, da qualche tempo, hanno raggiunto un accordo per il campionato di Formula 1. Le due realtà hanno addirittura depositato e firmato i documenti, ma per l’ufficialità bisogna aspettare ancora. Porsche, così come Audi, pretende chiarezza sulle power unit che il Consiglio Mondiale della FIA dovrà ufficializzare nei prossimi giorni. Le varie scuderie stanno trattando sui dettagli, soprattutto le ore al banco ed il materiale dei pistoni, e proprio il disaccordo su questi punti ha provocato un ulteriore ritardo. La procedura potrebbe non essere immediata e dunque l’ufficialità potrebbe arrivare verso metà di agosto.

Formula 1: Red Bull-Porsche, l’accordo c’è ma tarda l’ufficialità

Sebbene l’accordo ci sia tra Red Bull e Porsche, non ci sono ancora i presupposti per ufficializzarlo. A spiegare qualche retroscena è stato il consigliere Red Bull Helmut Marko: “La decisione del consiglio di amministrazione di Volkswagen è chiara. Se i regolamenti tecnici soddisfano i criteri, allora c’è il mandato per entrare in Formula 1. Ciò riguarda principalmente il budget cap, la sostenibilità, la benzina ad emissioni zero, le pari opportunità per i nuovi arrivati. In termini puramente formali, tuttavia, questi nuovi regolamenti non esistono ancora. Si presume che il Presidente della FIA lo metterà presto ai voti tramite una votazione via e-mail. Solo allora inizierà ufficialmente”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Cinisello Balsamo: si schianta con l’auto dopo una folle corsa mentre si filma [VIDEO]

    crisi dei microchip

    Tensioni Cina Taiwan: la crisi dei microchip potrebbe peggiorare