in

Gamma Alfa Romeo: panoramica su versioni e allestimenti

Stelvio e Giulia fleet
Tempo di lettura: 4 minuti

Il 2022 sarà l’anno di Alfa Romeo Tonale, il primo modello del nuovo corso del brand del Biscione sotto l’egida di Stellantis. Oggi, però, la gamma Alfa Romeo può contare su tre modelli, nella fattispecie Giulia e Stelvio che hanno subito un restyling sul finire del 2019 che ha interessato in particolare ADAS e sistemi di infotainment, senza dimenticare Giulietta, con le vetture in stock, che è ancora la entry level della gamma Alfa Romeo.

Partiamo appunto da lei, dalla Giulietta. Dal sito ufficiale Alfa Romeo sono ancora a disposizione le vetture in pronta consegna, quindi in esaurimento scorte, negli allestimenti Ti e Veloce. Più elegante la prima, più sportiva la seconda, Alfa Romeo Giulietta parte da un prezzo di 22.100 euro (escluse eventuali sconti del concessionario) con il motore 1.4 turbo benzina da 120 CV e da 23.600 euro per il 1.6 JTDM di pari potenza. Solo per l’allestimento Veloce, anche il Diesel 2.0 a 170 CV con cambio automatico TCT.

Esplorando il suo listino ufficiale, l’ultimo rilasciato prima del termine della produzione, scopriamo inoltre che tutti i motori di Alfa Romeo Giulietta sono omologati Euro 6d Temp mentre, a livello di contenuti, questa è la situazione. Su Giulietta Ti troviamo di serie il clima bizona, i cerchi in lega da 17″, i fendinebbia, il sistema d’infotainment Uconnect 6,5″ RadioNav DAB e i sensori di parcheggio anteriori/posteriori, fari bi-Xenon. Sulla top di gamma Veloce, in più, i sedili sportivi misto tessuto/Alcantara, cerchi in lega da 18″, Bose Sound System, fari Bi-Xenon, lavafari telescopici. Sul sito Alfa Romeo, semplicemente cliccando su “Trova in stock” dopo aver selezionato Giulietta, potrete anche voi scoprire in base al vostro CAP la disponibilità di Alfa Romeo Giulietta in pronta consegna nella vostra zona.

alfa romeo
Giulietta è uscita ufficialmente di produzione ma questo articolo si riferisce solo alle Giulietta in pronta consegna

Gamma Alfa Romeo: attacco a due punte con Giulia e Stelvio

Come si accennava, Alfa Romeo Giulia e Alfa Romeo Stelvio sono stati aggiornati nel 2019 in quello che potremmo definire un facelift più che un vero e proprio restyling. Nel frattempo sono arrivate versioni speciali, come lo Stelvio 6C Villa d’Este, in 85 unità sul mercato italiano, e lo Stelvio GT Junior con la sua livrea ocra, ma l’ultimo listino reso pubblico di Alfa Romeo Stelvio (30/06/2021) è ricco di versioni e allestimenti, che cerchiamo di riassumervi in questo articolo.

Innanzitutto, Stelvio è disponibile con motori benzina/Diesel (tutti con om. Euro 6d Final) e con prezzi a partire da 53.500 euro per la versione d’ingresso Business, pensata specificatamente per le flotte aziendali. Con potenze da 200 a 510 CV per i motori benzina, volendo includere anche il V6 2.9 biturbo di Stelvio Quadrifoglio, e con potenze da 160 a 210 CV per le motorizzazioni Diesel, Alfa Romeo Stelvio si divide in ulteriori 6 allestimenti tra cui Sprint, Executive, Veloce, Ti, Veloce Ti e, appunto, Quadrifoglio.

Alfa Romeo Stelvio Cambio gomme

Quest’ultimo, al top della gamma per contenuti e prestazioni offerte (qui la nostra prova su strada) parte da 102.000 euro. Analizzando meglio il listino di Alfa Romeo Stelvio MY21, invece, la versione Business (2.0 cambio automatico AT8, doppia frizione, trazione integrale Q4, 200 CV) parte da 57.500 euro. Si sale di 2.000 euro e di ulteriori 1.000 euro per il terzo allestimento proposto su questa motorizzazione. C’è poi il 2.0 da 250 CV, proposto sul solo Stelvio Sprint, a 62.700 euro. La versione più veloce, in tutti i sensi, esclusa la Quadrifoglio, è equipaggiata con il 2 litri da 280 CV che costa da 67.200 a 73.200 euro nei tre allestimenti nei quali viene proposto come motore di serie (qui la nostra prova di Stelvio Veloce 280 CV).

Passiamo ad analizzare la gamma Alfa Romeo Stelvio Diesel. Detto del prezzo d’ingresso di poco superiore ai 53.000 euro, troviamo anche in questo caso 4 livelli di potenze del 2.2 turbodiesel ben distribuite sugli allestimenti sopra citati. Stelvio Business Diesel si può avere da 160, 190 (quest’ultimi con trazione posteriore) o con trazione integrale Q4 (58.700 euro), mentre solo su Sprint ed Executive troviamo la trazione posteriore da 190 CV, rispettivamente a 58.000 e 59.000 euro, tutti prezzi iva inclusa. La differenza per montare la trazione integrale è per entrambi gli allestimenti di 2.700 euro. Troviamo il motore a gasolio 2.2 190 CV AT8 Q4 anche su Stelvio Ti, a 66.200 euro. Infine, Stelvio Diesel da 210 CV è proposto su Veloce (66.200 euro), Ti (67.200 euro) e Veloce Ti (72.200 euro).

Sul configuratore ufficiale Alfa Romeo Stelvio, tutti i dettagli su dotazioni, lista optional ed eventuali offerte applicate sul prezzo finale, inclusi formule di finanziamento.

Gamma Alfa Romeo: la berlina Giulia proposta in 8 allestimenti

Alfa Romeo Giulia, aggiornata al pari di Stelvio sia sul fronte dei sistemi di assistenza alla guida sia sul fronte dell’intrattenimento a bordo, con l’Alfa Connect di nuova generazione (qui il nostro Focus Infotainment), si presenta con prezzi a partire da 46.000 euro per la Rosso Edizione, proposta con il solo 2.2 turbodiesel AT8 da 160 CV. Motore che permane anche su Giulia Business (47.000 euro) e Giulia Sprint (49.000 euro) e che rappresenta l’ingresso della gamma Alfa Romeo ordinabile e configurabile, visto che abbiamo visto Giulietta disponibile solo più con vetture in pronta consegna. Questi i prezzi d’accesso per la gamma Alfa Romeo Diesel, mentre Giulia benzina propone i 2.0 sovralimentati da 200 CV a partire da 48.500 euro fino ai 56.000 di Giulia Ti. Troviamo poi il 2.0 ma con 280 CV con la trazione posteriore (Veloce, 59.900 euro) e con la trazione integrale Q4 (Veloce, 60.900 euro), mentre la Veloce Ti è proposta a partire da 66.900 euro con la seconda delle due opzioni.

Chiude l’offerta della Gamma Alfa Romeo, con un prezzo di 10.000 euro inferiorire rispetto a Stelvio Quadrifoglio, l’omonima versione di Giulia, a partire da 92.000 euro ma con una differenza di spessore, ossia la sola trazione posteriore con albero di trasmissione in carbonio.

Tutti i prezzi indicati sono Iva compresa e messa in strada (1.000 euro). Vediamo, però, quanto le novità introdotte con il Model Year influiscano sul listino, in questo caso di Giulia. Il Pack Parking Assistance (sensori di parcheggio anteriori, telecamera posteriore) costa 750 euro su Giulia Business ma è di serie su tutti gli altri allestimenti. Costano invece da 1.200 a 2.200 euro in più i due Pack Driver Assistance e Assistance Plus che introducono le novità ADAS come il Traffic Jam Assist e l’Highway Assist System. Il più ricco di questi due pacchetti costa però 1.000 euro su Giulia Executive e Veloce mentre viene proposto di serie su Giulia Ti e Giulia Veloce Ti.

Per i più sportivi, il Pack Performance (palette del cambio in alluminio, bloccaggio differenziale posteriore, Alfa Active Suspension) costa 2.500 euro su Giulia Sprint e Veloce. Esclusivo per Giulia Ti il Pack Lusso Quercia, con inserti in legno, sedili in pelle Pieno Fiore, sedili riscaldati e regolabili elettricamente e volante riscaldabile. Costa invece 1.400 euro il Pack Sound Theatre by Harman Kardon, 500 euro il Bi-Xenon Lighting Pack (di serie su Veloce Ti e Quadrifoglio) e 700 euro il Pack Clima Freddo (di serie su Ti, Veloce e Veloce Ti, non proposto su Giulia Quadrifoglio).

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    chevrolet trailblazer

    Auto affidabili 2021: male le elettriche, bene le giapponesi

    Tesla Model 3 prende fuoco durante la ricarica: cosa è successo?