martedì, 23 ottobre 2018 - 7:12
Home / Archivio / Hennessey Venom F5: un missile terra aria
Autoappassionati

Hennessey Venom F5: un missile terra aria

Tempo di lettura: 1 minuto.

Dopo la presentazione della Venom GT, il bolide da ben 1.261 CV, la Hennessey si appresta a sbalordire di nuovo il pubblico di appassionati presentando un ulteriore nuovo modello: la Venom F5.

A spingere il nuovo modello sarà sempre il V8 da 7 litri biturbo della Venom GT, modificato nei turbocompressori ora più grandi e negli intercooler ora più efficienti, capace di raggiungere una potenza massima di circa 1.420 CV.

Merito di un elevato utilizzo di carbonio ed alluminio nella fase di progettazione, la hypercar pesa appena 1.300 Kg e permetterà quindi di raggiungere la strabiliante velocità massima di 466,71 Km/h. Valori che se confrontati con i 435,31 Km/h raggiunti dalla Venom GT e se aggiunti ai 1.420 CV di potenza fanno veramente girare la testa.

Tale enorme potenza viene scaricata a terra tramite una trazione solamente posteriore ed un semplice cambio automatico a 6 marce alleggerito a frizione singola. Il tutto sarà però controllato da degli ottimi controlli elettronici corredati di GPS che permetteranno anche al pilota meno esperto di poter condurre questo bolide.

I tecnici hanno poi sviluppato un sistema di aerodinamica attiva, utile per diminuire il Cx da 0.44 a 0.40. Il rapporto peso/potenza risulta minore di uno. La Hennessey Venom F5 sarebbe inoltre capace di raggiungere i 300 Km/h da ferma in qualche decimo meno di 13,63 secondi (tempo stabilito dalla Venom GT).

Il missile terra aria texano verrà prodotto in soli 30 esemplari a partire dal 2016. La cifra che si dovrà sborsare per avere questa supercar non è di sicuro esigua anzi serviranno ben 1,2 milioni di dollari. Uno sproposito che bisognerà pur affrontare per poter schernire le sportive più blasonate.

Autore: Matteo Di Lallo

Potrebbe interessarti

Binomio al vertice per DS Virgin Racing nella tappa argentina della Formula E

Il Team DS Virgin Racing sbarca fiducioso in America del Sud per l’ePrix di Buenos …

something