in

Illuminazione della zona di lavoro: vediamoci chiaro

Beta illuminazione officina
Tempo di lettura: 6 minuti

Che si tratti di un progetto fai-da-te, riparazioni di biciclette o lavori di carpenteria, una buona illuminazione è essenziale per lavorare nella tua officina dai-da-te! La luce deve essere sufficiente in termini di luminosità ma anche efficiente dal punto di vista del consumo enegetico. Oggi la tecnologia a LED unisce queste qualità senza farti spendere molto. In questo articolo potrai trovare alcuni consigli utili per illuminare tuo angolo del fai-da-te o la tua officina di lavoro professionale.

In ambienti ampi come quelli industriali, nelle officine meccaniche, nelle carrozzerie e per i gommisti, è fondamentale che l’illuminazione sia pensata e predisposta per essere sempre persistente e costante, sia in termini di intensità che di temperatura cromatica.

Un’illuminazione a LED offre molte soluzioni per supportare in modo ottimale il lavoro e la produttività: basso costo e in modo sostenibile, grazie all’enorme risparmio energetico derivante dal suo impiego, e ridotte emissioni di CO2, producono meno calore rispetto alle sorgenti luminose tradizionali e non attirano gli insetti.
Il mercato offre molte opzioni su come scegliere le migliori lampade fluorescenti LED a seconda della loro specifica applicazione. Una delle migliori è l’illuminazione in strip LED, una specie di nastro molto flessibile sul quale sono stati collegati elettricamente dei diodi luminosi. Il loro impiego in barre rende ancora più versatile la progettazione e il loro ambito di collocazione e applicazione è praticamente illimitato.

Tipologie di elementi LED per l’officina:
– Strisce led
– Tubi led
– Pannelli led
– Faretti e spot led
– Moduli led

Beta illuminazione officina

Tra le caratteristiche più tecniche:
tensione: 12v o 24v (per lunghezze maggiori di 10 metri);
intensità: espressa in watt (fino a 50 watt per metro), luminosità attenuabile con l’utilizzo di un regolatore;
temperatura del colore: strisce LED da 2.700k a 3.000k di temperatura di colore, creano un effetto calmante ed è una delle tipologie di LED più diffuse. Tuttavia, per impianti industriali per officine meccaniche, risulta preferibile orientare la scelta sui 5.000k+, privilegiando la migliore resa visiva ai banchi di lavoro.

Cosa considerare per disegnare il giusto impianto

L’impianto generale in officine dagli ampi spazi viene disegnato e installato in base alla disposizione dei banchi di lavoro, delle zone di produzione, nelle aree di stoccaggio. Si tenga conto, ad esempio, che sono più adatte le plafoniere strip led per postazioni di lavoro e zone di produzione disposte in linea.

Nelle delicate operazioni di verniciatura, lucidatura, pulitura e controllo colore delle carrozzerie, ad esempio, è necessario che l’ambiente di lavoro sia perfettamente illuminato per poter analizzare le superfici, verificare gli eventuali difetti o la corrispondenza cromatica.
L’impianto dovrà prevedere lampade ideali per l’ispezione di ampie superfici, capaci di generare una luce da lavoro molto potente che eroghi fino a 2.500 lumen e, possibilmente, in due opzioni di temperatura, colore fredda (6.500K) o calda (4.500K) e con componenti mobili, utilizzabili sia con batteria che con cavo, in funzione delle attività da svolgere.

A queste, vanno aggiunte fonti luminose LED dotate di dimmer a più step, che permetta di regolare la luce in diversi livelli, e di una lente in vetro resistente ai solventi, molto utilizzati in una carrozzeria.

Vantaggi offerti dalle soluzioni LED

Durata: tutti i prodotti dotati di illuminazione LED hanno una durata di molto superiore alle fonti di illuminazione a incandescenza. Solitamente, la durata di una strip led di buona qualità si aggira attorno alle 50.000 ore, in condizioni di installazione ottimali. Ciò significa che i tempi di manutenzione si dilatano notevolmente su un prodotto che si andrà a sostituire dopo così tanto tempo. I costi di gestione si riducono in modo importante e il ritorno economico da una scelta di questo tipo, è immediato.
Elevata efficienza luminosa: rispetto alle lampade tradizionali al neon, l’impiego del LED in ambiente industriale permette di installare un numero decisamente minore di punti luce, potendo realizzare impianti molto più semplici e meno costosi, con conseguente risparmio su eventuali sostituzioni e/o interventi.

Flessibilità e adattabilità: le dimensioni ridotte e la possibilità di effettuare curve e percorsi, rende le strip LED adattabili in molte situazioni dove la luce tradizionale avrebbe molta più difficoltà ad essere installata.

Beta illuminazione officina

A seconda delle tipologie di lavori svolti, si può riscontrare la formazione di polvere o fibre di scarto per le quali è utile impiegare lampade con una classe di protezione elevata: le lampade della classe di protezione IP54 sono dotate, ad esempio, di protezione da polvere e spruzzi d’acqua. Per evitare che in tali o simili circostanze i sedimenti di sostanze infiammabili si infiammino, il riscaldamento delle lampade deve essere limitato. Il simbolo antincendio all’interno della lampadina certifica questa caratteristica.

Si adottano lampade LED della classe di protezione IP67/68 se l’applicazione consiste anche in un frequente contatto con l’acqua o addirittura immersione. IP è un indice di rivestimento del silicone: più alto è l’indice di IP, più durevole e protettivo è il silicone.
La sempre più diffusa adozione dei sistemi LED nell’illuminazione dei luoghi di lavoro è regolamentata dalla normativa UNI-EN 12464, in continuo aggiornamento, su distribuzione delle luminanze, abbagliamento (UGR), direzione della luce, indice di resa cromatica, temperatura di colore, flickering (sfarfallìo), controllo della luce naturale. Esiste, poi, una serie di certificazioni che i prodotti raggiungono a garanzia della loro qualità e sicurezza nelle installazioni di impianti a LED

Qual è la migliore lampada per un’officina fai-da-te?

Le informazioni più importanti sono le seguenti:

  • Usa l’illuminazione a LED: risparmi sui costi energetici e ottieni una lunga durata
  • Fornisci un’illuminazione generale adeguata (almeno 500 lx)
  • Illumina i piani di lavoro in modo separato
  • Scegli una temperatura di colore fredda (4000 K o 6500 K) e a ridotto abbagliamento
  • Per scantinati, soffitte e garage opta per le reglette LED impermeabili (IP65)

Indipendentemente dalla stanza in cui si trova la tua officina fai-da-te è necessario garantire sempre una buona illuminazione di base, in particolare con le officine nel seminterrato o nel garage, dove c’è poca luce naturale. Secondo lo standard europeo NEN 12464-1, per garantire il comfort visivo, la luce deve essere di almeno 500 lux. Per l’illuminazione generale, puoi utilizzare un downlight LED, un pannello LED, uno o due tubi LED da installare nella parte centrale della stanza.

Beta illuminazione officina

E per il banco di lavoro?

Le superfici di lavoro dovrebbero essere illuminate separatamente in quanto richiedono un maggior numero di lumen. Le lampade LED da parete servono idealmente a questo scopo perché non occupano spazio sul banco di lavoro. In alternativa, è possibile installare una lampada da tavolo o da terra. Le luci a clip offrono anche un’illuminazione flessibile: si possono collegare a una mensola o al bordo di un tavolo.

Se sono disponibili armadietti a muro, si consiglia di collegare le luci sotto il mobile per garantire una visibilità ottimale sul banco di lavoro. È possibile anche sfruttare la luce indiretta delle strisce LED. Le strisce LED sono delle soluzioni molto versatili, in quanto si possono accorciare a seconda delle necessità e applicare ovunque si desideri. I faretti LED orientabili sono un’altra opzione popolare per l’illuminazione di officine.

Per non compromettere le prestazioni visive, è importante evitare di creare riflessi sugli strumenti di lavoro. Idealmente, le lampade da officina devono essere a ridotto abbagliamento (UGR <19).

La temperatura di colore ‘Bianco freddo’ (4000 K) è perfetta per l’illuminazione delle officine domestiche. Favorisce la concentrazione e la produttività. In assenza o scarsità di luce naturale, ad esempio nei seminterrati, si consiglia una colorazione luminosa ancora più brillante (luce del giorno, 6500 K). La luce blu stimola la concentrazione e la vigilanza.

Beta illuminazione officina

Quando si eseguono lavori che richiedono precisione, ad esempio durante la misurazione di componenti o la marcatura di fori, è importante assicurarsi di utilizzare lampade da officina con una resa cromatica elevata (90-99 Ra). I colori degli oggetti illuminati sono mostrati in modo naturale e intenso, aiutando a rendere il lavoro molto più semplice.

Lampade Beta, per un’illuminazione totale

La famiglia illuminazione di Beta include un’ampia gamma di soluzioni, indispensabili per illuminare adeguatamente grandi o piccoli spazi durante gli interventi di ispezione, manutenzione e riparazione.

Torce
Le nuove torce LED in alluminio anodizzato sono caratterizzate da un nuovo design che unisce estetica a funzionalità. Sono totalmente protette dalla polvere e impermeabili ai liquidi, con classe di protezione IP66.

Lampade
Le lampade ricaricabili sono disponibili con differenti forme e caratteristiche. Le potenze variabili permettono di scegliere il modello che meglio risolve i problemi di illuminazione.
Beta ha la soluzione per illuminare sia una grande area sia una piccola zona.

Beta illuminazione officina

Lampade da testa
Le lampade da testa Beta sono ideali per muoversi facilmente anche negli spazi più bui mantenendo le mani libere. Sono dotate di fasce elastiche per regolare al meglio ed essere confortevoli al massimo.
Le torce da testa Beta dispongono inoltre di un sensore contactless che permette di accenderle e spegnerle semplicemente passando la mano.

Fari
La gamma di faretti Beta, a batteria ricaricabile, include diverse soluzioni capaci di rispondere a differenti esigenze di utilizzo e spazio: dal faretto ultracompatto, che può essere comodamente alloggiato nella borsa portautensili, al treppiede telescopico che funge da supporto per il faro da cantiere.

Avvolgicavo
Gli avvolgicavo Beta sono pratici da utilizzare e permettono di avere sempre a portata di mano le lampade o la presa, nella lunghezza desiderata.
L’avvolgicavo garantisce una grande sicurezza perché i cavi, se non utilizzati, non rimangono a terra, evitando così incidenti, infortuni o danni al cavo stesso. Gli avvolgitori sono disponibili con alimentazione in alta o bassa tensione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    tuta alfa romeo giovinazzi

    Antonio Giovinazzi a rischio? Ecco chi è in pole per sostituirlo

    Taycan DMC

    Porsche Taycan: la versione di DMC è “EXTREM”