in

JAS Motorsport nel Campionato Italiano Turismo al fianco dei giovani

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Turismo è senza dubbio tra le discipline dell’automobilismo sportivo che, da sempre, riserva importanti prospettive professionali per i piloti. La presenza di Case costruttrici e di campionati di spessore anche internazionale schiude senza dubbio più di una chance di carriera, soprattutto a beneficio dei più giovani che, magari dopo un apprendistato in karting e monoposto, possono lanciarsi definitivamente per il professionismo tra le ruote coperte.

Uno scenario che alla JAS Motorsport hanno ben chiaro e che vogliono fare proprio, a partire dal Campionato Italiano Turismo, dove la factory milanese vedrà schierate in pista sia la Honda Civic Type R di TCR, sia la sorella minore di TCS.

È una novità a cui teniamo moltoha dichiarato Maurizio Ambrogetti, Presidente e socio fondatore di JAS MotorsportA breve presenteremo un programma denominato ‘Young Start’. Noi crediamo che la TCS possa rappresentare un’ottima base di partenza, una entry-level per il giovane che non vuole concentrarsi solo sulle monoposto. La JAS è sempre stata legata al mondo delle Turismo e ci è sembrato ideale poter promuovere un programma dedicato ai giovani, magari provenienti dal karting, ai quali offrire un’alternativa per le loro carriere. Vogliamo aprire perciò un’opportunità ulteriore alle formule, una strada diversa, ma altrettanto professionale. Sicuramente condivideremo questo progetto con i nostri fornitori tecnici anche per garantire un aiuto concreto. È un programma che presenteremo a breve“.

IL CAMPIONATO ITALIANO TURISMO

Il Campionato Italiano Turismo 2016 prenderà il via nel weekend del 22 maggio nell’Autodromo di Monza, per poi proseguire lungo una stagione che conterà un totale di sette tappe, tutte su doppia gara da 25 minuti + 1 giro. Due i titoli tricolori in palio, rispettivamente per vetture in configurazione TCR (classe unica 2.0 turbo) e TCS (classi turbo: 1.4, 1.6, 1.8, 2.0) di stretta derivazione di serie.

Il format dei weekend prevede due sessioni di prove libere da 30 minuti (o turno unico da 60) e due turni di prove ufficiali da 15 minuti divisi da 10 minuti di neutralizzazione. Il primo turno di prove di qualificazione determinerà la posizione in griglia di gara 1 e il miglior tempo ottenuto da ogni pilota nel secondo turno determinerà la posizione in griglia di gara 2. Lo start delle gare sarà con partenza da fermo. Il format degli eventi consente la partecipazione fino a due piloti sulla singola vettura con la quale dividersi equamente l’intero weekend (1 sessione di prove libere, 1 turno di qualifica, 1 gara ciascuno) e cumulare i rispettivi punteggi acquisiti per l’assegnazione dei titoli. In caso di equipaggio composto da due piloti, uno dovrà qualificare la vettura per gara 1 e l’altro dovrà qualificare la vettura per gara 2.

Dì la tua

Usato garantito Mercedes-Benz ad Automotoretrò 2016

Prodotto l’ultimo Land Rover Defender: la leggenda esce di scena