giovedì, 19 luglio 2018 - 1:41
Home / Notizie / Tecnologia / Local Motors STRATI: le auto fatte con la stampante 3D sono tra noi

Local Motors STRATI: le auto fatte con la stampante 3D sono tra noi

Tempo di lettura: 2 minuti.

Il futuro dell’auto non è la guida automatizzata, ma la stampa 3d. A spiegarcelo è Local Motors, la casa con sede a Phoenix in Arizona che ha realizzato Strati, la prima quattro ruote al mondo stampata in 3d.

Local Motors in questi giorni ha fatto un altro significativo passo in avanti su questo terreno.

La scorsa settimana il 39 enne americano Kevin Lo è stato premiato con 7.500 dollari per aver realizzato Reload Redacted — Swim Sport, il progetto gli è valso il primo posto nel concorso Local Motors Project Redacted 3D-printed relativo alle vetture con il miglior design destinate ad essere stampate con tecnologia 3d.

Nucleo in carbonio

Il vincitore del contest è stato deciso dalla community di Local Motors e da un un gruppo selezionato di giudici tra cui Jay Leno, popolare negli States per le sue apparizioni in TV come conduttore televisivo e per le sue opinioni in materia di auto. “Ho scelto il progetto di Lo perché era quello in grado di stupire più degli altri e lasciare tutti a bocca aperta”, racconta Leno.

I concorrenti hanno avuto tre settimane per realizzare le loro “creature”, Lo le ha spese per lavorare giorno e notte sul PTC Creo Design software e fissare in digitale le sue idee.

A lavoro finito, l’americano ha poi esportato il progetto in un file CAD e utilizzato un altro software (Keyshot) in grado di eseguire la procedure (rendering) per la visualizzazione in tre dimensioni. “L’idea base è realizzare un nucleo in fibra di carbonio in grado di contenere le batterie, il motore, il telaio e le ruote su cui sia possibile successivamente costruire il resto dell’auto in base alle esigenze e alla creatività della case o dell’utente finale. Strati è stata concepita con un’idea simile, ma a mio parere è necessario dare più importanza alla sicurezza in questo tipo di progetti”.  A chi gli chiede se lui se la sente di portare moglie e figli su un’auto stampata in 3d, il vincitore del concorso risponde ottimista, “penso proprio di sì, in 10 anni chiunque salirà senza problemi su un’auto di questo tipo”.

Stampa di ricambio

In caso di incidente, ogni parte del progetto di Lo può essere ristampata e sostituita, oppure il proprietario può decidere per un vero e proprio upgrade dell’auto tramite pezzi aggiuntivi (ovviamente stampati). Viceversa Local Motor potrebbe ricevere dei feedback riguardo alle parti danneggiate e avere a portata di mano informazioni utili per aumentare la resistenza delle vetture.

Dando un’occhiata alla versione digitale dell’auto di Lo è facile intuire come il suo creatore abbia preso libero spunto dai modelli supersportivi di Astin Martin, Lotus, Jaguar, e Corvette. Local Motors per mettere a punto il primo veicolo elettrico dell’azienda stampato in 3d intende ispirarsi al progetto vincitore, ma non realizzarlo esattamente. L’auto dovrebbe arrivare sul mercato il prossimo anno, mentre la versione in grado di muoversi anche in autostrada nel 2017.

Autore: Lino Garbellini

Potrebbe interessarti

Bosch

La tecnologia Bosch sotto il vestito sartoriale della Dallara Stradale

Tempo di lettura: 2 minuti. Ci sarebbe da rispondere un motore Ford turbocompresso da 400 CV e una meccanica sopraffina …

something