in

Matteo Cairoli è il vincitore della Porsche International Cup Scholarship Challenge

Foto di Alex Galli
Tempo di lettura: 2 minuti

Il pilota italiano Matteo Cairoli è il vincitore della Porsche International Cup Scholarship Challenge. Il diciottenne riceverà una speciale borsa di studio di 200.000 Euro per accedere alla stagione 2015 della Porsche Mobil 1 Supercup e un supporto nel suo cammino verso una carriera agonistica professionale.

L’ex pilota professionista Porsche Sascha Maassen lo affiancherà come coach professionale durante tutti i weekend di gara. Inoltre, sarà seguito in materia di fitness, relazioni con i media e formazione psicologica. Alla selezione di Valencia, in Spagna, Cairoli è riuscito a battere gli altri otto candidati provenienti dai campionati monomarca Porsche internazionali.

Nell’arco di due giorni, tutti i candidati hanno avuto la possibilità di dimostrare le loro abilità sia in pista che fuori dalla pista. Giri veloci sul circuito “Ricardo Tormo”, comprensione tecnica della Porsche 911 GT3 Cup e interviste impegnative erano solo alcune delle competenze e dei risultati richiesti ai partecipanti. Il livello di abilità di guida dei nove piloti di otto Paesi era molto alto, ma al termine della selezione, il più convincente si è dimostrato Matteo Cairoli, segnalato dalla Porsche Carrera Cup Italia.

“Dopo aver analizzato attentamente tutti i dati, abbiamo scelto Matteo Cairoli. Ha un grande talento e considerata la giovane età, dimostra di possedere un grande potenziale. Non vediamo l’ora di vederlo gareggiare nella Porsche Mobil 1 Supercup nel 2015”, afferma Jonas Krauss, direttore della Porsche Mobil 1 Supercup.

A 18 anni di età, Matteo Cairoli, da San Fermo della Battaglia (Como), era il candidato più giovane della ricerca di talenti a Valencia. “Essere scelti da Porsche è come un sogno. Mi sentivo bene sul circuito di Valencia e sono davvero contento della mia prestazione. Quando Porsche mi ha comunicato che avevo vinto la selezione, non ci potevo credere. Corro da soli due anni e sono molto impaziente di vivere questa incredibile opportunità”, ha spiegato il giovane pilota.

Cairoli è approdato tardi al Motorsport e ha iniziato a correre solo alla fine del 2012. Dopo i primi test in Formula Renault ha gareggiato nel 2013 nella ATS Formula 3 Cup. Per la stagione 2014, è passato alla Porsche Carrera Cup Italia dove ha ricevuto il sostegno al Porsche Carrera Cup Italia Scholarship Programme come giovane pilota di talento e ha prontamente vinto il titolo: “Sto ancora imparando, una gara dopo l’altra. Ho appreso molte cose sui circuiti e ora non vedo l’ora di imparare tutto ciò che la mia squadra, il mio coach e i molti partecipanti al Porsche Motorsport Scholarship Programme potranno insegnarmi.”

I programmi di scouting godono di una lunga tradizione in Porsche Motorsport. Molti piloti finanziati da Porsche sono riusciti ad arrivare alle corse internazionali GT e prototipi. La Porsche International Cup Scholarship offre ai piloti la possibilità di avanzare dai campionati Porsche Carrera Cup di tutto il mondo al campionato internazionale Porsche Mobil 1 Supercup e proseguire per corse di livello superiore, ad esempio come piloti professionisti. La Supercoppa, quindi, rappresenta il trampolino di lancio per una carriera nelle corse automobilistiche professionali.

Gentlemen driver

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Fiat FCC4 Concept. Il SUV debutta al Salone di San Paolo

Foto by Samsung Galaxy S5

Nuova Kia Soul EV elettrica: prova su strada in anteprima