martedì, 15 Ottobre 2019 - 5:39
Home / Notizie / Curiosità / Al MAUTO di Torino esposta la Citroen C-Airdream, concept car del 2002
Citroen C-Airdream

Al MAUTO di Torino esposta la Citroen C-Airdream, concept car del 2002

Tempo di lettura: 2 minuti.

Il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino (MAUTO) non si ferma neanche per le ferie estive. Fino al 10 novembre è in programma “Il Progetto raccontato – La mostra dei 40 anni” con cui la rivista Auto&Design festeggia i suoi quarant’anni di attività.

Si tratta di un’esposizione che ripercorre la storia dell’auto degli ultimi quattro decenni, dagli anni Ottanta agli anni Dieci di questo secolo, attraverso i cambiamenti che hanno caratterizzato il mondo del car design. Compagne di viaggio, venti tra le più significative concept della loro epoca, esposte al Museo accanto ai progetti originali.

È proprio qui che trova spazio Citroen C-Airdream, esposta al Salone di Parigi del 2002 e antesignana del futuro della marca. Bassa, larga, con ampia superficie vetrata, cofano lungo, coda spiovente, Cx di appena 0,28, record per l’epoca. Con le linee di una coupé sportiva, C-Airdream esprimeva tutta l’innovazione e l’audacia di Citroën in termini di deisign e di contenuti tecnologici.

C-Airdream proponeva soluzioni tecnologiche che in seguito avrebbero trovato applicazione nel mondo dell’automotive, come il posto di guida a comandi elettronici (by wire), servosterzo a demoltiplicazione variabile, frenatura elettronica e impianto di supervisione elettronico integrato. Esteticamente fu forte il richiamo alle due volumi Citroen del passato, come la SM e la CX. Guardate il frontale: la disposizione cromata del Double Chevron, con gli elementi allungati, sono poi state un tratto caratteristico della prima C4, un’auto dal grande successo commerciale.

L’atmosfera all’interno dell’abitacolo della Citroen C-Airdream è affidata in gran parte all’illuminazione, sia naturale, grazie al tetto in cristallo, sia artificiale, per effetto di un sistema installato sotto la plancia, i sedili e i pannelli laterali. La luce interna può, inoltre, assumere colorazioni diverse e creare ambienti più caldi o più dinamici, a seconda delle situazioni di viaggio o delle preferenze degli occupanti.

I sedili a corolla ricordano le poltrone del celebre architetto Le Corbusier. Il tema della corolla ricorre anche nel volante, reinterpretazione del caratteristico monorazza Citroën, pieno nel semicerchio inferiore e vuoto al centro per consentire una lettura agevole del tachimetro a scala verticale. Particolare attenzione è stata riservata alla scelta dei materiali per gli interni.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Suzuki Swift Boosterjet 1.0 - Rally Italia Talent 2020

A Rally Italia Talent 2020 ancora con Suzuki Swift Sport

9.299 iscritti nel 2019 (solo due anni prima erano stati circa la metà), un anno …