mercoledì, 26 luglio 2017 - 16:35
Home / Esperienze / Mazda #DriveTogether: la nostra esperienza in Salento
Mazda #Drivetogether

Mazda #DriveTogether: la nostra esperienza in Salento

Tempo di lettura: 3 minuti

Mazda #DriveTogether potrebbe sembrare l’ennesimo hashtag dedicato ai social network che non propone nulla di nuovo, nulla di originale, all’interno di un orizzonte ricco di attività sul web.

#DriveTogether, invece, nasconde due significati legati all’esperienza che abbiamo vissuto, uno più leggero, più social, che non abbiamo bisogno di spiegarvi, e uno ben più profondo, che richiama le radici del Marchio giapponese. Andiamo con ordine e scopriamolo.

Per celebrare il solstizio d’estate, Mazda ha organizzato una “due giorni” in Puglia, con un programma che ci ha permesso di assaporare tutta la storia e le tradizioni Salentine, unite alla manifattura di precisione della gamma Mazda.

Con una carovana di 14 vetture abbiamo percorso le strade più affascinanti del Salento, alla ricerca dei punti di raccordo tra questi luoghi e le nostre compagne di viaggio.

Le protagoniste della Mazda #DriveTogether Experience

La gamma completa vede la piccola ammiraglia nella sua versione più recente, Mazda2 2017 che ha riconfermato la sua posizione di leader incontrastata nei consumi, grazie al 1.5 Skyactiv diesel; il city crossover CX-3, che ha conquistato tutti con il suo stile, e la Mazda3 2017, vincitrice del prestigioso premio Red Dot Design Award.

Mazda #DriveTogether

Salendo nella gamma, troviamo la Mazda6, l’ammiraglia della gamma, la “macina chilometri” che assicura comfort e piacere di guida, e il CX-5, il nuovo SUV premium che si è appena rinnovato. Infine c’è lei, la MX-5, che crea, occupa e completa un segmento a sé, soprattutto nella sua più recente versione RF (Retractable Fastback), dotata del tetto rigido retraibile elettricamente.

La bellezza, la passione e la filosofia Jimba Ittai

Con soste in località caratteristiche, come Acaya e il suo castello, la bianca Otranto, Santa Maria di Leuca e Gallipoli; è stato inevitabile non notare come il design Kodo delle Mazda ben si abbinasse alle bellezze naturali e monumentali incontrate lungo il percorso.

Non a caso, ognuna delle vetture della gamma giapponese ha ricevuto un premio nell’ambito del design e, in più, l’ultima arrivata, la CX-5, mette in mostra quello che in Mazda definiscono come il colore più bello del mondo, il Soul Red Crystal.

Uno dei momenti più interessanti della nostra Mazda #Drivetogether Experience, è stato l’incontro con una realtà Salentina molto particolare: la visita all’antico Laboratorio di Tessitura della Fondazione “Le Costantine”. Un luogo dove l’artigianalità e la cura quasi maniacale dei dettagli si fondono alla perfezione con la tradizione del passato.

Le Costantine

E qui troviamo il secondo punto in comune. Mazda si classifica come azienda multinazionale un po’ atipica, poiché tiene molto a mantenere quello spirito artigianale che di solito caratterizza le piccole imprese, rimanendo fedele alle tradizioni. Infatti, l’attenzione al dettaglio e soprattutto la ricercatezza di un lavoro preciso fino all’ultimo bullone, sono i principi cardine dell’azienda. Si tratta di ricerca continua della perfezione.

Un esempio lampante dell’“ossessione” per il miglioramento continuo è la tecnologia Skyactiv, presente sull’intera gamma Mazda, dalla 2 alla 6 sono, infatti, disponibili le sue sofisticate soluzioni, tra cui il G-Vectoring, sistema di controllo dinamico del veicolo che estende il piacere di guida della MX-5 a tutto il resto dei modelli Mazda assicurando nel contempo comfort e sicurezza.

L’obiettivo di questa interessante esperienza è stato proprio questo: far provare tutta la gamma, dimostrando che le sensazioni che si provano alla guida, pur con le loro fisiologiche differenze, sono sempre riconoscibilmente appartenenti alla stessa famiglia.

Perché la filosofia di Mazda consiste nello sviluppare vetture umano-centriche che hanno l’obiettivo di regalare piacere di guida e creare un legame speciale tra uomo e auto. Abbiamo avuto l’opportunità di “toccare con mano” il significato di quella meravigliosa sensazione che in Mazda chiamano Jinba Ittai, ovvero uomo e macchina in perfetta armonia. E che, trasformato in ingese (e in hashtag), è stato tradotto in #DriveTogether.

Mazda #DriveTogether

Questa multinazionale atipica, legata profondamente alla storia ed alle tradizioni della propria città e del proprio Paese, ma al tempo stesso votata da sempre all’innovazione ed alla sfida tecnologica, continua a migliorare e, siamo sicuri, continuerà a sorprenderci nel tempo.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Fiat 124 Spider

Fiat 124 Spider: un design tra passato e presente

Tempo di lettura: 3 minutiPensata e disegnata nel Centro Stile di Torino, la Fiat 124 Spider reinterpreta in chiave …