domenica, 16 dicembre 2018 - 21:26
Home / Notizie / Motorsport / 46° Rally San Marino: Andreucci costretto al ritiro, vince Ceccoli su Skoda Fabia R5
Rally San Marino

46° Rally San Marino: Andreucci costretto al ritiro, vince Ceccoli su Skoda Fabia R5

Tempo di lettura: 3 minuti.

Weekend di gara dal sapore amaro per i dieci volte campioni italiano rally Paolo Andreucci-Anna Andreussi, per i quali il 46° Rally San Marino, primo appuntamento della stagione su terra, si è concluso con un ritiro a causa di una rottura meccanica.

Sorride invece uno dei più bravi piloti italiani su terra, Daniele Ceccoli, nuovo leader del CIRT (Campionato Italiano Rally Terra), ben assistito dalla sua Skoda Fabia R5 nonchè dal navigatore Campolongo, vincitore della quinta tappa del CIR 2018 che consacra il pilota sanmarinese a casa sua: non accadeva da 32 anni che un pilota locale vincesse l’omonima tappa.

Per il sanmarinese è la prima vittoria nel CIR, arrivata, bisogna ammetterlo, grazie agli oltre 20 secondi persi da Simone Campedelli e dalla sua Ford Fiesta R5, fino a quel momento in testa alla classifica generale del Rally San Marino. Terzo, sempre su Skofa Fabia R5, l’equipaggio Marchioro-Marchetti. 

Grandi delusi della quinta tappa Paolo Andreucci e Umberto Scandola. Per il primo il ritiro è avvenuto in prova speciale a causa della rottura di un braccetto della sospensione, danno che non ha dato scampo al pilota toscano costretto a fermare la sua Peugeot 208 T16 e ad alzare bandiera bianca.

Scandola, dal suo canto, ha avuto problemi con un cerchio che è stato poi sostituito troppo tardi per poter ambire alle posizioni di alta classifica: per lui un insipido ottavo posto finale. 

Nella classifica Junior,  il giovane equipaggio di Peugeot Sport Italia formato da Damiano De Tommaso e Michele Ferrara ha cercato a lungo la vittoria di classe, anche con tempi di assoluto rilievo, ma non è andato oltre un terzo posto finale. Questo nonostante una foratura abbia fatto temere il peggio per il pilota varesino nella prova speciale numero 8.

Le dichiarazioni degli equipaggi Peugeot a fine gara

Paolo Andreucci (208 T16): “Sono molto contrariato per il risultato portato a casa oggi perché stavo recuperando secondi preziosi. Ieri ho iniziato maluccio con la forte toccata sulla rotoballa durante la prova spettacolo (PS1) e stamattina stavo risalendo la china fino ad arrivare al quarto posto del rally. Purtroppo, durante la PS6 mi si è rotto un braccio della sospensione posteriore che mi ha reso impossibile proseguire il rally. Il parco assistenza, poi, era questo pomeriggio e quindi troppo distante per pensare di sistemare l’auto. Ho dovuto mollare. Non mi era mai capitato di rompere così, ma può succedere.”

Continua Andreucci: “Finora l’affidabilità della nostra 208 T16 è stata proverbiale ma oggi è capitato un problema non risolvibile da noi sul campo. Amen. Ora voltiamo pagina e ci concentriamo su Roma, tra tre settimane. Abbiamo ancora diversi punti di vantaggio e devo fare di tutto per arrivare a Verona con un buon margine per affrontare l’ultima gara con un ragionevole e rassicurante vantaggio”.

Damiano De Tommaso (208 R2B): “Temevo il peggio quando ho bucato nell’ottava prova. Bucare era una eventualità che poteva capitare ed è capitata. Finora ero rimasto indenne da forature in questa stagione e mi è capitato in un contesto in cui ero in testa alla classifica Junior. Questa micro foratura lentamente mi ha afflosciato la gomma anteriore destra e ci siamo messi a cambiare il pneumatico in appena un minuto e 20 secondi. Ci siamo rimessi al volante col coltello fra i denti e siamo riusciti ad arrivare in terza posizione nello junior. In queste ore ho combattuto molto con Tommaso (Ciuffi, ndr) e mi sono anche divertito in questo testa a testa. In alcuni frangenti, poi, ho fatto dei tempi ottimi che mi hanno quasi sorpreso. Un peccato, perché puntavo decisamente più in alto.”

Classifica finale Rally San Marino 2018

Piloti assoluto

  1. Ceccoli-Campolongo (Skoda Fabia R5) in 1h30’03,9”; 2. Campedelli-Canton (Ford Fiesta R5) a 12,0”; 3. Marchioro-Marchetti (Skoda Fabia R5) a 42,0”

Piloti Junior

  1. Trevisani-Grimaldi (Peugeot 208 R2B) in 1h39’00,6”; 2. Coppe-Simioni (Peugeot 208 R2B) a 8”; 3. De Tommaso-Ferrara (Peugeot 208 R2B) a 18,6”

Classifiche di campionato

Piloti assoluto

Andreucci 57 punti, Scandola 35, Campedelli 34, Crugnola 27, Panzani 20

Piloti Junior

De Tommaso 35 punti, Mazzocchi 30, Ciuffi 27, Trevisani 23

Costruttori

Ford 69 punti, Peugeot 67, Skoda 61

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

nuova Ferrari

La nuova Ferrari di F1 si vedrà il prossimo 15 febbraio

Finita la stagione, l’attenzione inizia a spostarsi verso la prossima, quella che vedrà rinnovarsi la …