in

Seat Ibiza 1.4 TDI | Prova su strada

Tempo di lettura: 4 minuti

Nel 2015 Seat ha presentato, durante il Salone di Barcellona, alcuni aggiornamenti relativi al design della Seat Ibiza mentre le motorizzazioni hanno accolto i motori tre cilindri benzina e diesel ereditati dalla Volkswagen Polo e dalla nuova Skoda Fabia. Rimaniamo in attesa della Ibiza di nuova generazione programmata dai vertici Seat per il 2017.

Tedesca nel DNA

La nostra vettura in prova è una Seat Ibiza SC con allestimento Fr. La linea esterna è filante con linee tese che conferiscono sensazioni di grande dinamismo. Il carattere è forte, durante la prova per strada ha suscitato interesse nonostante non sia un’anteprima e questo dimostra che la strada intrapresa dai designer Seat è corretta, il design non stanca come avviene a volte per le auto un po’ datate. Con una lunghezza totale di 404 cm la Seat Ibiza ha le dimensioni standard delle concorrenti ma l’impressione è di una vettura più lunga.

Seat Ibiza FR

Osservando il frontale si nota il disegno dei fari bi-xeno molto sportivo con linee tese, la mascherina frontale a nido d’ape nera circondata da un profilo cromato che richiama il logo Seat accentua l’aggressività dell’anteriore. Entrando nell’abitacolo di nuova concezione veniamo rapiti dalla sensazione di sportività tipica dell’allestimento Fr con volante in pelle nero e cuciture rosse con logo Fr in rilievo sul volante, i sedili sempre scuri in tessuto tecnico e con cuciture rosse che richiamano quelle del volante, belle anche le prese d’aria anteriori con i profili di colore identico a quello esterno, nel nostro caso il rosso Chili (510€).

Le plastiche nella parte centrale della plancia sono piuttosto morbide e la sensazione è piacevole, un po’ meno le altre plastiche che risultano rigide ma sempre gradevoli alla vista. La strumentazione in stile teutonico è molto razionale e subito comprensibile, forse sarebbe migliorabile la posizione del tasto delle frecce d’emergenza troppo in basso dietro la leva del cambio. Il sistema di infotainment è l’ormai conosciuto Full Link, con navigatore integrato e schermo touch a colori di 6,5”. Presente anche il MirrorLink, compatibile con gli smartphone Apple e Android che permette di vedere sullo schermo del navigatore i contenuti del telefono comprese alcune funzioni principali come SMS, video, file musicali ed altro. In merito alla sicurezza Seat beneficia di tutti quei dispositivi di ausilio alla guida presenti nelle auto del gruppo Volkswagen quale il riconoscimento della stanchezza del conducente che attraverso il calcolo delle correzioni che avvengono sul volante è in grado di avvertire chi è alla guida e del sistema di frenata anticollisione che agisce sull’impianto frenante dopo un urto per far si che l’auto non sbandi eccessivamente e possano aumentare i danni per gli occupanti.

Seat Ibiza FR

Sportiva per tutti i giorni

L’elemento di innovazione in questa nuova Ibiza sono senza dubbio le motorizzazioni che il gruppo Seat mette a disposizione dei clienti, noi abbiamo provato la motorizzazione a gasolio sovralimentata da 105 CV, davvero interessante il propulsore spagnolo che si presentacon un intercooler di tipo aria/acquae il blocco motore in alluminio per ridurre complessivamente il peso.

All’accensione siamo colpiti dalla silenziosità del propulsore ma è partendo verso la collina torinese che cominciamo a percepire ciò che ci attende, la prontezza del 1.4 TDI ai nostri comandi è immediata e di grande soddisfazione. Affrontando le curve la dinamica della vettura ci invita a pennellarle con grande disinvoltura, la guida si presenta piacevole sotto ogni punto di vista, il motore è molto elastico e il comfort a bordo è di buon livello infatti non si presentano fruscii o rumori di rotolamento.

Prova su strada Seat Ibiza FR

Il comportamento dinamico è interessante, potremmo definirlo equilibrato e di facile gestione anche per chi non ha tanta dimestichezza con la guida sportiva. Per quelli di voi invece che amano affondare il piede sul gas, tranquilli, la vettura in curva non si sbilancia, il rollio è minimo e guidarla tra le curve, ripetiamo, da grande soddisfazione nonostante non abbia i cavalli della sorella Cupra. Il consumo di carburante è estremamente contenuto nonostante la prontezza del motore inviti ad usare il pedale del gas un po’ più del necessario ma si assesta intorno ai 27 Km/lt. Utile per ridurre i consumi il sistema Start&Stop di serie sull’allestimento Fr.

Nella guida in città si è rivelata maneggevole, ottima la combinazione sterzo e cambio sempre pronti ambedue a sgusciare tra le auto incolonnate, l’efficienza del propulsore a 3 cilindri di recente progettazione ha consentito inoltre di contenere le emissioni di CO2 portandole a valori molto bassi di circa 95/97 g/Km nel ciclo extraurbano.

Prezzo e concorrenti

Prova su strada Seat Ibiza FR

In conclusione la Seat Ibiza 1.4 TDI potremmo definirla divertente, scattante, piacevole, capace di fare quello per cui è stata progettata. Il tutto ad un prezzo molto conveniente, soprattutto se confrontato ad alcune rivali. La nostra auto in prova, se qualcuno fosse interessato a saperne di più ed arrivare preparato in concessionaria è una Seat Ibiza SC 1.4 TDI 105CV Fr offerta ad un prezzo di 17.970 euro, la dotazione è ricca e solo per citare alcuni accessori comprende i cerchi in lega da 16” con pneumatici 215/45/16, allestimento abitacolo sportivo, volante multifunzione e molti altri, ma se non ne avete abbastanza potete attingere da una ricca lista di optional che permettono di personalizzare la vettura fin nei minimi particolari, a cominciare dai colori metallizzati (510 euro) per passare ai cerchi in lega da 17” con pneumatici 215/40/17 (250 euro) per finire con i vari sistemi di connessione auto e smartphone.

Le concorrenti più agguerrite in questo segmento sono principalmente le cugine del gruppo ovvero la Volkswagen Polo proposta ad un prezzo molto vicino alla Seat ma dalla linea un po’ più austera e meno sportiva, la Skoda Fabia con lo stesso motore della Ibiza ma con 90CV ed un prezzo leggermente superiore e con possibilità di personalizzazione inferiori rispetto alla spagnola.

Dì la tua

L’alleanza Renault-Nissan è partner ufficiale della COP22

La rivista di fotografia Hunger lancia un servizio su Abarth