in

Skoda Monte Carlo: la tradizione si rinnova su due nuovi modelli

Tempo di lettura: < 1 minuto

Per voi Monte Carlo è sinonimo di? Dalle parti di Skoda, con tutti i precedenti rallistici alle spalle, non può che essere un secondo nome per parlare di sportività unità a mondalità ed eleganza, tre tratti caratteristici del Principato a pochi chilometri dall’Italia.

Nella propria lunga storia sportiva, Skoda ha ottenuto importanti successi al Rally di Monte Carlo, per celebrare i quali già nel 1936 ha proposto un’edizione Monte Carlo limitata a soli 70 esemplari, per celebrare il secondo posto della Popular in quell’edizione. Nel 1977, la Casa boema ottenne la vittoria di categoria al famoso Rally con il modello 130 RS, ripetuta nel 2017 e 2018 in categoria WRC 2 con FABIA R5.

La tradizione, ripresa in pianta stabile dal 2011 con la Fabia Monte Carlo,  è pronta a rinnovarsi con le rispettive versioni Monte Carlo di Scala, da noi già provata, e del city SUV Kamiq, ormai pronto al debutto e atteso sul mercato italiano a partire dall’autunno.

A caratterizzarne l’estetica in chiave sportiva saranno numerosi dettagli in colore nero, studiati per rendere il design ancora più dinamico e coinvolgente. Scala Monte Carlo, per esempio, sfoggerà specifici elementi aerodinamici neri nel frontale, mentre Kamiq Monte Carlo sarà invece proposto esclusivamente con barre al tetto in colore nero. Le due versioni saranno immediatamente identificabili anche grazie al badge sulla carrozzeria.

Presentazione ufficiale al Salone dell’Automobile di Francoforte, dal 10 al 22 settembre.

Dì la tua

C5 Aircross

Citroen C5 Aircross: ha già raggiunto le 50.000 unità vendute

e-tron 50 quattro

Audi e-tron 50 quattro: arriva la batteria da 71 kWh e cala il prezzo