in

Tesla Autopilot: questa volta lo scontro è con l’auto della Polizia

Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo l’incidente contro l’autoarticolato del quale vi abbiamo recentemente dato notizia, avvenuto negli scorsi giorni in America, ora una Tesla Model Y è andata a sbattere nientemeno che contro una vettura delle Forze dell’Ordine.

Proseguono le critiche

Il sistema di guida semiautonoma Tesla Autopilot sembra non avere vita facile specie in quest’ultimo periodo. Continuano a susseguirsi, infatti, le polemiche nei confronti di questo avanzato sistema di assistenza alla guida che però troppo spesso viene utilizzato in modo errato dagli stessi automobilistici che gli concedono fin troppa fiducia. Nonostante, infatti, sia un sistema molto avanzato, non è ancora una tecnologia priva di errori o problematiche.

Ennesimo errore

A riprova di questo i numerosi incidenti più o meno gravi che sono successi e che tuttora succedono come quello che vogliamo raccontarvi oggi. Dopo che la settimana scorsa in America una Tesla Model 3 era rimasta coinvolta in un violentissimo schianto contro un autoarticolato per non aver rispettato a un incrocio il segnale di semaforo rosso mentre vi era in azione il sistema Autopilot, è di oggi la notizia che un’altra Tesla negli Stati Uniti, questa volta una Model Y con sistema Autopilot inserito, è andata a schiantarsi nientemeno che contro una pattuglia delle Forze dell’Ordine che risultava ferma a bordo strada con quattro frecce inserite in seguito ad un intervento per un altro incidente.

Autopilot attivo

Stando alle prime indiscrezioni, la Dodge Charger della Michigan State Police stava bloccando il traffico in seguito all’investimento di un cervo quando all’improvviso il SUV elettrico della casa automobilistica di Palo Alto con alla guida un giovane di 22 anni gli è finito rovinosamente contro, per fortuna senza conseguenze per il conducente e per gli agenti di Polizia che stavano svolgendo le loro mansioni sul posto.

Errore più distrazione

Le Forze dell’Ordine, che hanno subito provveduto a sospendere la patente al giovane e a elevargli anche una sanzione pecuniaria di 930 dollari, hanno poi rilevato come la Tesla Model Y stesse viaggiando con il sistema Autopilot attivo al momento del violento schianto che ha portato a numerosi danni per entrambe le vetture ma per fortuna nessuna grave conseguenza per gli agenti delle Forze dell’Ordine o per lo stesso giovane conducente della vettura a batteria californiana.

Non fidarsi è meglio?

La Casa automobilistica di Palo Alto, pur ribadendo che il proprio sistema di guida semi autonoma sia sicuro ed efficace, ha nuovamente sottolineato come si debba mantenere un certo livello di attenzione alla guida anche quando questo sistema e attivo e come sia sbagliato porre totale fiducia nel sistema. Si tratta dopotutto di un sistema di guida semi autonoma avanzato e non di un vero sistema di guida autonoma definitivo.

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    La prossima generazione dell’hypercar Ferrari comincia a svelarsi [VIDEO]

    Citroen C3: la piccola segmento B a cui non fanno paura i lunghi viaggi